Martedì 12 Novembre 2019 | 03:40

NEWS DALLA SEZIONE

il rapporto
Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

 
sos ambiente
In Basilicata nove «bombe ecologiche»: ecco quali sono

In Basilicata nove «bombe ecologiche»: ecco quali sono

 
Il provvedimento
Potenza, ok a piano per le antenne. Vicesindaco: fondamentale la mappa

Potenza, ok a piano per le antenne. Vicesindaco: fondamentale la mappa

 
In Prefettura
Sicurezza, ministro Lamorgese martedì a Potenza per firma protocollo

Sicurezza, ministro Lamorgese martedì a Potenza per firma protocollo

 
UN 41enne
Era ai domiciliari, sorpreso a 40 chilometri da casa nel Potentino: in cella

Era ai domiciliari, sorpreso a 40 chilometri da casa nel Potentino: in cella

 
Dai Cc
Lauria, minaccia genitori con coltello e vetri bottiglia: arrestato

Lauria, minaccia genitori con coltello e vetri bottiglia: arrestato

 
dati non esaltanti
Basilicata, nessuna proposta di lavoro con il reddito di cittadinanza

Basilicata, nessuna proposta di lavoro con il reddito di cittadinanza

 
L'intervista
Potenza calcio, parla il portiere Ioime, tra l'amore per la figlia Victoria e il sogno del Brasile

Potenza calcio, parla il portiere Ioime, tra l'amore per la figlia Victoria e il sogno del Brasile

 
Le dichiarazioni
Petrolio lucano, Bardi: «Accordo con Enel è da rideterminare»

Petrolio lucano, Bardi: «Accordo con Eni è da rideterminare»

 
L'intervista
Report Svimez, parla il presidente Giannola: «Zes, occasione di rilancio»

Report Svimez, parla il presidente Giannola: «Zes, occasione di rilancio»

 
La tragedia
Villa D'Agri, in grembo aveva il feto morto da ore: donna uccisa da forte emorragia

Villa D'Agri, in grembo feto morto da ore: donna muore dissanguata

 

Il Biancorosso

dopo il derby
Vivarini guarda la classifica: «Dobbiamo alzare il passo»

Vivarini guarda la classifica: «Dobbiamo alzare il passo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPuglia
Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

 
MateraAllerta meteo
Maltempo, sindaco Matera ordina chiusura scuole martedì

Maltempo, sindaco Matera ordina chiusura scuole martedì

 
Tarantonel Tarantino
Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

 
Lecceidee in cucina
Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

 
BatLa denuncia
Andria, è allarme furti in ospedale

Andria, è allarme furti in ospedale

 
Brindisiil cantiere
Brindisi, ordigno bellico durante lavori al multisala: piano evacuazione per 50mila persone

Brindisi, ordigno bellico durante lavori al multisala: piano evacuazione per 50mila persone

 
Potenzail rapporto
Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

 

i più letti

Il caso

Potenza, la paura del profugo respinto: commissione non gli riconosce protezione umanitaria

Cabral (nome di fantasia per tutelare quel che resta della sua riservatezza) ha 20 anni e, a differenza della lingua che parla e che studia, non è Italiano ma della Guinea Bissau, è arrivato qui 4 anni fa

Potenza, la paura del profugo respinto: commissione non gli riconosce protezione umanitaria

Foto d'archivio

POTENZA - Due angoli del mondo, a 4mila chilometri di distanza. In uno non c’è più un tetto, un parente, un amico. Nell’altro c’è una casa, una scuola, una famiglia pronta a offrire cure e affetto. L’idea di tornare a casa dovrebbe essere rassicurante, ma non è così per lui, perché una commissione ha deciso che casa sua è lì dove non ha più niente, mentre è estraneo a quel contesto dove c’è tutta la sua vita.

Cabral (nome di fantasia per tutelare quel che resta della sua riservatezza) ha 20 anni e, a differenza della lingua che parla e che studia, non è Italiano ma della Guinea Bissau. In Italia ci è arrivato quattro anni fa, dopo un lungo viaggio attraverso il deserto. Era partito circa un anno prima, quando sua madre era morta lasciandolo privo di ogni punto di riferimento e di ogni ragione per restare. L’approdo in Sicilia, poi in Basilicata, a San Fele, poi su un fino ad allora sconosciuto banco di scuola e, ancora, in una squadra di calcio locale dove poter segnare e sognare un futuro da campione.
Probabilmente aveva dimenticato le difficoltà, nella sua mente nemmeno riecheggiava l’idea di non essere italiano, ma a ricordarglielo, spietata, è stata la commissione che ha esaminato il suo caso: non gli ha riconosciuto la protezione umanitaria. Non c’è una persecuzione, non c’è un pericolo di vita, e sebbene in quel Paese non abbia più nulla è lì che deve tornare perché lì è casa sua.

Una doccia fredda. Per lui, per le persone che gli stanno vicino. Per Claudia, la sua docente di Italiano del centro per minori non accompagnati per cui quel ragazzo era diventato un fratello minore. Al punto che dopo essersi spostato a Pesaro, ora, in questo momento di difficoltà è tornato in Basilicata, ospite della famiglia di Claudia, alla ricerca di un conforto qui, e non in Guinea Bissau.

Il ricorso contro la decisione è un percorso rituale, ma, in fondo, tutti sanno che le speranze di un ribaltamento del verdetto sono prossime allo zero. E Cabral ai suoi cari ha confidato di sentirsi a un bivio terribile: da una parte un viaggio per una terra ormai ignota che anche definire ritorno sarebbe improprio, dall’altra una vita da «fantasma» in quella che sente ormai come la sua terra. Perché se lo Stato è inclemente e non gli lascia via d’uscita, una scappatoia pure qualcuno potrebbe prospettargliela: una vita da clandestino in Italia, come hanno fatto e continuano a fare in tanti. Ma lui ha paura. Sa che quella strada lo consegnerebbe inesorabilmente a una vita di illegalità, lo renderebbe ostaggio di chi potrebbe proporgli ogni genere di attività per guadagnarsi da vivere in assenza di una posizione all’anagrafe. E lui, che studiando per la licenza Media, ha avuto modo di apprendere il concetto di Stato, di dovere, di legalità non vuol passare dall’altra parte.

Cabral ha paura di diventare uno di quegli immigrati di cui gli italiani hanno paura. Uno di quegli immigrati manodopera della criminalità che questo sistema contribuisce a creare. Malgrado tutti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie