Venerdì 18 Gennaio 2019 | 18:48

NEWS DALLA SEZIONE

Nel potentino
Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

 
La decisione
Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

 
Emergenza maltempo
Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

 
Il giallo
Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

 
La decisione del Tribunale
Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

 
Giustizia e ambiente
Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

 
Allerta meteo
Maltempo in Basilicata: domani scuole chiuse a Potenza

Migliora il maltempo in Basilicata: revocato divieto mezzi pesanti

 
Emergenza maltempo
Manca il sale per le strade, provincia Potenza chiede risorse

Manca il sale per le strade, provincia Potenza chiede risorse

 
Il concorso della gazzetta
Basilicata, il presepe più social che c’è: vince Mario Bochicchio

Basilicata, il presepe più social che c’è: vince Mario Bochicchio

 
Servizi di assistenza
Basilicata, la spesa sociale qui langue: 60 euro contro 116 nazionali

Basilicata, la spesa sociale qui langue: 60 euro contro 116 nazionali

 

Accordo regione-cotrab

Basilicata, corse scolastiche con bus «euro zero»: scongiurato lo stop

L'accordo Regione-Cotrab per tamponare il divieto di circolazione in vigore dal primo gennaio

Potenza, si addormentanosul bus: li «sveglia» la Polizia

POTENZA - È stato scongiurato il paventato stop del trasporto pubblico locale lucano in programma oggi per 20 corse scolastiche. Il Cotrab (Consorzio trasporti aziende Basilicata) ha infatti trovato un accordo con la Regione Basilicata per “calmierare” il problema nato con l’obbligo, dal 1° gennaio scorso, di sostituire i bus Euro Zero, come previsto dalla Finanziaria del 2015. Il problema sarebbe infatti letteralmente esploso questa mattina, alla ripresa dell’attività scolastica dopo le festività natalizie, in quanto le aziende del Cotrab hanno ricevuto i fondi (circa 15 milioni di euro) che lo Stato ha distribuito anche alla Regione Basilicata con un certo ritardo: se la prima tranche è stata loro resa disponibile a metà 2018 (i nuovi bus, già ordinati, dovrebbero arrivare non prima di maggio) la seconda solo nell’ultima settimana di dicembre. Per questo, hanno spiegato gli operatori del settore, non c’è stato tempo per garantire la sostituzione di quei mezzi che, a tenore della finanziaria 2015, dal 1° gennaio 2019 non possono più circolare.

Sarebbe nata soprattutto da questi ritardi, quindi, l’annunciata emergenza di questa mattina dovuta all’impossibilità per gli operatori di continuare a utilizzare quei veicoli a motore, immatricolati quasi tutti prima del 31 dicembre del 1992, che rientrano nelle categorie M2 e M3 alimentati a benzina o gasolio Euro 0. I problemi, infatti, si sarebbero potuti verificare su una ventina di tratte, interessate da sospensioni o disagi, in applicazione del comma 232 della legge di Stabilità 2015, che bandisce la circolazione per quei mezzi che, spesso e volentieri, trasportano gli studenti per tutta la regione. La paralisi, dunque, è stata evitata anche grazie al lavoro sia del Cotrab che dell’assessore regionale ai Trasporti, Carmine Miranda Castelgrande, che per domani ha convocato un tavolo in Regione, alla presenza dello stesso Castelgrande, del Cotrab e di tutti gli altri attori interessati. Tornando al problema concretizzatosi con la norma approvata nella finanziaria del 2015, ad essere interessati sono i veicoli destinati al trasporto di persone aventi più di 8 posti a sedere, oltre al sedile del conducente: in gran parte si tratta di pullman e autobus pubblici, appunto. Molti dei quali adibiti a trasporto scolastico. Le aziende del Tpl acquistano i mezzi con i fondi pubblici (Stato+Ue), che arrivano a finanziare il 75% di ogni bus comprato, mentre la restante parte è a carico dell’azienda. Che, però, soprattutto in Basilicata, spesso non naviga in acque tranquille.

Tradotto in soldoni, non ha i fondi per acquistare nuovi mezzi e, mancando la corposa partecipazione dello Stato e dell’Europa, spesso è impossibilitata ad anticipare i soldi necessari. Va considerato che ogni mezzo costa più di 200mila euro e che, al momento, in regione ne servirebbero all’incirca 200. Se la si vede da un punto di vista esterno al settore, però, non si può mancare di osservare che un’azienda dovrebbe pur sempre essere capace di rendersi indipendente dai finanziamenti pubblici, altrimenti, verrebbe da dire, è troppo semplice fare impresa così. Considerazioni logiche, che fa anche una buona parte della politica (anche se in camera caritatis) insieme ai dipendenti. I quali, in previsione dello stop in programma oggi, non avevano mancato di sottolineare che, essendo il problema conosciuto anche alle aziende, tralasciando i problemi derivanti dal mancato introito dello Stato, esse avrebbero dovuto comunque provvedere per tempo. Anche perché, se le maestranze scioperano (come è capitato di recente), vengono denunciate per interruzione di pubblico servizio, mentre in questo caso ci si sarebbe trincerati dietro le mancanze della politica. Il problema, in ogni caso, non è stato risolto: le corse saranno assicurate solo grazie a mezzi sostitutivi, alcuni dei quali provenienti dal Cotrap, il consorzio del trasporto pubblico pugliese. Fino a quando? Con quali fondi? Le vere vittime di questi ritardi, cioè studenti e pendolari che ogni giorno si muovono con i mezzi pubblici, riusciranno a viaggiare senza disagi?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400