Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 23:11

NEWS DALLA SEZIONE

Verso le elezioni
Basilicata al voto, Lacorazza (Pd) si candida

Basilicata al voto, Lacorazza (Pd) si candida

 
Elezioni
Regionali, Basilicata al voto il 23 marzo: firmato il decreto

Regionali, Basilicata al voto il 24 marzo: firmato il decreto

 
Allarme analfabetismo digitale
Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

 
A Lauria
In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

 
Nel potentino
Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

 
La decisione
Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

 
Emergenza maltempo
Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

 
Il giallo
Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

 
La decisione del Tribunale
Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

 
Giustizia e ambiente
Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

 

In Basilicata

Idrocarburi in agricoltura, Pd e Leu attaccano i 5S: «Consentita una porcheria»

Il tema è al centro del dibattito politico nazionale, ma soprattutto lucano

tempa rossa

POTENZA - Aumentata di 20 volte la quantità di idrocarburi consentiti nei fanghi destinati all'agricoltura. Una decisione - anticipata nei giorni scorsi dalla Gazzetta - contenuta nell’articolo 41 del cosiddetto «decreto Genova». Si tratta di un provvedimento che in Basilicata, regione dove è concentrata l’attività petrolifera nazionale, registrerà l’impatto maggiore. Per una coincidenza diabolica, proprio un lucano è il primo relatore in commissione e in aula, a Montecitorio, della legge al centro di polemiche da parte degli ambientalisti. Si tratta del deputato Gianluca Rospi (M5S), che spiega la genesi della normativa e rispedisce al mittente le accuse di «insensibilità ambientalista»: «Questo articolo - dice - è stato inserito dal Ministero dell’Ambiente perché finora nessuno si era preoccupato di legiferare e mettere dei limiti. Il ministero si è riservato di fare una normativa di settore ad hoc». Ma la polemica continua a montare. Soprattutto in Basilicata, anche perché l’on. Rospi ha nel suo curriculum collaborazioni con l’Eni e l’aumento di idrocarburi nei fanghi da smaltire - fanno notare i detrattori - rappresenta un vantaggio economico per le compagnie petrolifere: «In Eni - spiega l’on. Rospi - ho avuto una contratto per costruire strutture edilizie e non mi sono mai occupato di perforazioni. Non avevo a che fare con i pozzi, per intenderci, facevo le basi in cemento armato, quelle dove poggiano i macchinari. In particolare, ho costruito il bunker per la protezione degli operai».
Il tema è al centro del dibattito politico nazionale, ma soprattutto lucano. L’on. Roberto Speranza (Mdp-Leu) attacca: «Si tratta di una porcheria inaudita che produrrà danni molto seri a salute e ambiente. In modo particolare nei territori, come la Basilicata, dove ci sono estrazioni petrolifere». Particolarmente duro l’intervento in aula, durante il confronto sul «decreto Genova», dell’ex sottosegretario lucano Vito De Filippo: «L’articolo 41 - ha detto - è la più sbalorditiva e scioccante mutazione di pelle del M5S. Il provvedimento nasce da un contenzioso in Lombardia tra i Comuni e la Regione che su alcuni elementi contenuti nei fanghi aveva proposto una normativa per moltiplicare i limiti previsti. La Lega - ha aggiunto De Filippo - obbliga l’alleato a prevedere un meccanismo normativo devastante per il territorio. Ricordo i titoli dei blog del M5S in Basilicata: “Fanghi neri”, “Veleni”, «Avete ammazzato le persone di cancro». Così scrivevano i Cinquestelle con prefiche che piangevano sui siti petroliferi e ronde squadriste. Oggi, invece - ha concluso De Filippo - propongono di alzare di venti volte la presenza di policiclici aromatici nei fanghi. Una vergogna. Ma quegli stessi fanghi - ha concluso rivolgendosi ai colleghi pentastellati in Parlamento - vi infangheranno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400