Mercoledì 21 Novembre 2018 | 00:21

NEWS DALLA SEZIONE

Il decreto
Elezioni regionali, in Basilicata si vota il 26 maggio 2019

Elezioni regionali, in Basilicata si vota il 26 maggio 2019

 
Verso le elezioni
Regionali in Basilicata, guerra sul voto, M5S: «Urne a gennaio non a maggio»

Regionali in Basilicata, guerra sul voto, la maggioranza sceglie maggio

 
Vicino a un Africa shop
Potenza, due nigeriani colpisconoconnazionale con bottiglia: in cella

Potenza, due nigeriani colpiscono
connazionale con bottiglia: in cella

 
Tragedia evitata
Accoltella la moglie e tenta il suicidio: arrestato un pensionato a Barile

Accoltella la moglie e tenta il suicidio: arrestato un pensionato a Barile

 
Regione Basilicata
Il blitz della giunta al capolinea sui direttori della sanità

Il blitz della giunta al capolinea sui direttori della sanità

 
Il riconoscimento
Premio Palmenti a Pafundi, da Pietragalla al Manchester City

Premio Palmenti a Pafundi, da Pietragalla al Manchester City

 
Furto andato male
Fiumicino, coppia di Potenza ruba borsa con 2kg d'oro e 3mila euro, rintracciati

Fiumicino, coppia di Potenza ruba borsa con 2kg d'oro e 3mila euro, rintracciati

 
Sanità
Potenza, stop dialisi fino a gennaioScoppia il caso dei tetti di spesa

Potenza, stop dialisi fino a gennaio
Scoppia il caso dei tetti di spesa

 
Deposito atomico
Basilicata in prima fila tra nucleare e petrolio

Basilicata in prima fila tra nucleare e petrolio

 
Violazioni tributarie
Potenza, emettevano fatture inesistenti: sequestrati beni per 205mila euro

Potenza, emettevano fatture inesistenti: sequestrati beni per 205mila euro

 
Il caso
Potenza, nascondeva la cocaina sul camion della frutta: un arresto

Potenza, nascondeva la cocaina sul camion della frutta: un arresto

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Il caso a Roccanova (Pz)

Crisi editoria: in Basilicata un'edicola resiste da 100 anni

Il titolare, Pasquale Arcomano, 88 anni: «Vendere giornali è una missione di vita»

Crisi editoria: in Basilicata un'edicola resiste da 100 anni

Compie cento anni la storica edicola Arcomano di Roccanova (Pz). Sorta agli inizi di dicembre del 1918 costituisce ancora oggi un riferimento culturale quotidiano svolgendo un ruolo di grande valore sociale. Sin da quando appena finita la prima guerra mondiale affiancò alla barberia in corso Dante, gestita dal suo fondatore Vincenzo Arcomano, anche la vendita di libri e dei primi giornali che arrivavano da Montesano scalo nel Salernitano, grazie alla presenza già dal 1911 del servizio di trasporto pubblico (il famoso postale).
Era un punto di riferimento anche per molti altri paesi vicini privi di servizi di vendita della carta stampata. Ben presto si trasferì in un locale più ampio, nella centrale Piazza del Popolo dove è ancora oggi e dove cominciarono la gestione i figli di Vincenzo, Peppino e Pasquale. Quest’ultimo, 88 anni, pur provato dalla morte del fratello avvenuta nel 2013 all’età di 86 anni, continua ancora oggi.
«Vendere i giornali è una missione di vita e finché avrò gli occhi aperti – ci ha detto visibilmente emozionato – continuerò a farlo anche nel ricordo di mio padre e mio fratello». Ogni giorno, ogni mattina, festivi e non Pasquale è lì sulla porta ad accogliere e salutare col sorriso i lettori. Uno spirito di sacrificio ammirevole soprattutto di questi tempi in cui i lettori sono sempre di meno e la vendita si riduce a una decina di copie giornaliere.
Molto lontana dalle 35-40 che nel «paese del vino» si acquistavano negli anni ‘80 quando gli abitanti erano oltre 2000, scesi oggi a meno di 1500. Segno dei tempi che cambiano. E sicuramente non in meglio per questo settore!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400