Venerdì 22 Febbraio 2019 | 23:54

NEWS DALLA SEZIONE

Verso le regionali
Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

 
In vista del 24 marzo
Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

 
Economia
Lo Svimez alla Basilicata: «Trattenete più royalties»

Lo Svimez alla Basilicata: «Trattenete più royalties»

 
L'iniziativa
A Vietri di Potenza se adotti un cane non paghi la Tari

A Vietri di Potenza se adotti un cucciolo dal canile non paghi la Tari

 
L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaVerso le regionali
Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

 
LecceSalento
Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa un passo indietro e ritira l'interrogazione

Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa retromarcia e ritira interrogazione

 
BariLa sentenza
Bari, offese tra ragazzi via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

Bari, offese tra ragazzini via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

 
HomeIl siderurgico
Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

 
BrindisiFurto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
GdM.TVGli arresti della Polizia
Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

 
MateraSfruttamento
Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

 
FoggiaAtti vandalici
Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

 

Università di Potenza

Docente condannata 9 anni
per concussione, in appello
graziata dalla prescrizione

Albina Colella, docente nell’Università della Basilicata, era imputata in relazione all’utilizzo dei fondi di un progetto di ricerca e di un gommone di proprietà dell’ateneo, tra il 1999 e il 2001

università Matera Basilicata

La Corte d’appello di Potenza ha dichiarato prescritti i reati di peculato e concussione per Albina Colella, docente nell’Università della Basilicata, in relazione all’utilizzo dei fondi di un progetto di ricerca e di un gommone di proprietà dell’ateneo, tra il 1999 e il 2001.

Oggi in aula il pm ha dichiarato la prescrizione per il reato di peculato, e ha chiesto l’assoluzione, perché il fatto non sussiste, per il reato di concussione. In primo grado, nel 2015, la docente era stata condannata, complessivamente, a nove anni di reclusione e all’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Il progetto di ricerca riguardava le risorse idriche in Val d’Agri, finanziato dalla Regione con fondi europei. Nel corso del processo di primo grado l’accusa sostenne che alcuni ricercatori restituirono una parte dei loro compensi - circa cento milioni di lire in totale - in base a una richiesta della professoressa (all’epoca direttore del dipartimento di Scienze geologiche dell’Unibas). Colella spiegò di non essersi mai impossessata di quel denaro, che invece fu utilizzato per proseguire gli studi.

Per quanto riguarda il gommone, invece, l’accusa nel 2015 ipotizzò che venisse usato dalla professoressa per motivi personali e non didattici, contestando anche il fatto che la manutenzione del natante avveniva in Puglia (secondo la Colella, invece, in Basilicata non vi erano officine specializzate in questo settore).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400