Domenica 11 Aprile 2021 | 01:03

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta al virus
Covid a Bitonto, l'appello su Fb di Bianca Guaccero: «State a casa»

Covid a Bitonto, l'appello su Fb di Bianca Guaccero ai concittadini: «State a casa»

 
Lo scatto
In Salento c'è un ulivo secolare che scappa: sembra Barbalbero

In Salento c'è un ulivo secolare che «scappa»: sembra Barbalbero

 
Il caso
Finantial Times bacchetta l'Italia: «Così cerca di riprendersi dal fiasco dei vaccini»

Financial Times bacchetta l'Italia e la Puglia: «Così cerca di riprendersi dal fiasco dei vaccini»

 
Viaggi
«Sì viaggiare», anche dalla Puglia è corsa verso i paradisi Covid-free

«Sì viaggiare», anche dalla Puglia è corsa verso i paradisi Covid-free

 
Il corteo
Bari, San Nicola evento in tv senza folla dal vivo

Bari, San Nicola evento in tv senza folla dal vivo

 
Il caso nel Foggiano
Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

 
Antimafia sociale
Gli studenti ricordano Michele Fazioucciso dai clan a Bari vecchia

Gli studenti ricordano Michele Fazio
ucciso dai clan a Bari vecchia

 
Lotta al virus
Covid a Lecce, le vaccinazioni si fanno al Museo Castromediano: tra musica e arte

Covid a Lecce, le vaccinazioni si fanno al Museo Castromediano: tra musica e arte

 
L'iniziativa
«In fondo al Mar», le meraviglie della vita subacquea nei mari pugliesi: il webinair

«In fondo al Mar», le meraviglie della vita subacquea nei mari pugliesi: il webinair

 
Il contest
#1MNext: 5 artisti pugliesi tra i 50 che si giocano un posto sul palco del Concerto del Primo Maggio di Roma

#1MNext: 5 artisti pugliesi tra i 50 che si giocano un posto sul palco del Concerto del Primo Maggio di Roma

 

Il Biancorosso

Serie C
Avellino - Bari: segui con noi il match in diretta

Avellino-Bari: 1-0 per i campani. I galletti restano a bocca asciutta: rivedi con noi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIncidente mortale
Tragedia a Nardò, scontro tra 3 auto: due morti e 4 feriti

Tragedia a Nardò, scontro fra tre auto: morta 75enne, quattro feriti gravi FOTO

 
Covid news h 24Lotta al virus
Covid a Bitonto, l'appello su Fb di Bianca Guaccero: «State a casa»

Covid a Bitonto, l'appello su Fb di Bianca Guaccero ai concittadini: «State a casa»

 
BrindisiLo scatto
In Salento c'è un ulivo secolare che scappa: sembra Barbalbero

In Salento c'è un ulivo secolare che «scappa»: sembra Barbalbero

 
TarantoIl caso
Operaio licenziato a Taranto, Mittal: «Leso rapporto di fiducia»

Operaio licenziato a Taranto, Mittal: «Leso rapporto di fiducia»

 
MateraIl caso
Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

 
PotenzaIl virus
Covid, il grido d'allarme del carcere di Melfi: 57 positivi, situazione grave

Covid, il grido d'allarme del carcere di Melfi: 57 positivi, situazione grave

 
FoggiaIl caso nel Foggiano
Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

 
BatNella Bat
Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

 

i più letti

L'intervista

Piazze virtuali e informazione, rivoluzione annunciata nel saggio del brindisino Marangio

Si intitola In Social Stat Virtus e racconta il rapporto tra giornalismo e social, specie in era Covid

Piazze virtuali e informazione, rivoluzione annunciata nel saggio del brindisino Marangio

S’intitola In Social stat Virus l’ultimo saggio di Marco Marangio, giornalista brindisino classe 1985, esperto di comunicazione e docente di Linguistica Italiana a Foggia. Nel testo, edito da Delos Digital, l’autore conduce un’analisi sul ruolo che i «new media» hanno giocato durante l’emergenza Covid-19. Per realizzarla Marangio ha utilizzato tool e strumenti specifici per l’analisi online dei social media quali: Google Trends, Talkwalker, COVID19 Infodemics Observatory e Fanpage Karma.
Il saggio ripercorre cronologicamente i momenti più salienti dell’emergenza Coronavirus: dalla fine di febbraio 2020, sino alla chiusura degli «Stati generali» di giugno 2020. Il corpus è strutturato in tre «fasi», che idealmente richiamano le reali fasi che hanno scandito l’allerta pandemica in Italia. Obiettivo: dimostrare quanto la comunicazione online abbia rivoluzionato il mondo dell’informazione, portando soprattutto le Istituzioni governative ad adeguarsi nell’approccio mediatico con i cittadini, avviando un processo di digitalizzazione ormai irreversibile.
La Gazzetta lo ha intervistato per scoprire qualcosa in più sul suo lavoro, a iniziare da quando e come è nata l’idea di questo libro.

«Tutto è iniziato quando ho visto la prima conferenza stampa di Giuseppe Conte, ormai un anno fa su Facebook, poi rimandata in onda da tutti i tg – spiega Marangio -. Ho compreso che stava succedendo qualcosa di nuovo e irreversibile. Ho iniziato a raccogliere dati e fonti e creare un database sulla comunicazione del Coronavirus analizzandolo da tutti i punti di vista».

A quali conclusioni è arrivato?
«Le conclusioni del saggio riflettono sui ruoli degli old e dei new media e su come questi ultimi abbiano influito considerevolmente sulla comunicazione durante l’emergenza pandemica. In ultimo, ci si chiede quanto e come i social rivoluzioneranno non solo l’informazione, ma soprattutto il ruolo dei media nella vita dei cittadini con esempi verificatisi nel post lockdown, quali il caso di Silvia Romano e l’omicidio di George Floyd».

Perché bisognerebbe leggere il suo libro?
«Perché parla di noi e di una situazione in cui siamo immersi. Siamo comunicatori, sempre. Questo libro ci dà un indizio su come ci evolveremo da qui a qualche anno. I social stanno cambiando il mondo. Sono una cartina di tornasole dei nostri sentimenti e hanno un peso fortissimo. Chi ancora li sottovaluta fa un grande errore».

Come dovrebbero usare i social i giornalisti?
«Quelli maggiormente evoluti oggi già curano profili social delle aziende o dei privati come un ufficio stampa cura i contatti con la stampa. L’evoluzione dovrebbe seguirla anche l’Ordine dei giornalisti per adattarsi ai giorni nostri. Anche Facebook sta implementando la sezione news. Online e offline devono collaborare. La carta stampata resterà, non ci sarà un annientamento, ma l’online non ha rivali».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie