Venerdì 30 Ottobre 2020 | 17:29

NEWS DALLA SEZIONE

La storia
Foggia, da positiva al Covid si laurea con una tesi sugli effetti del virus

Foggia, da positiva al Covid si laurea con una tesi sugli effetti del virus

 
nel Barese
Putignano, cultura a domicilio: i libri arrivano col pony express

Putignano, cultura a domicilio: i libri arrivano col pony express

 
Il concorso
Foggia, un altro nome per l'aeroporto

Foggia, un altro nome per l'aeroporto

 
La testimonianza
Risuona la voce di Wojtyla per il suo «Popolo diletto»: la memoria è in un libro

Risuona la voce di Wojtyla per il suo «Popolo diletto»: la memoria è in un libro

 
L'iniziativa
Taranto, il 2 novembre musica per ricordare i defunti e un «fiore sospeso»

Taranto, il 2 novembre musica per ricordare i defunti e un «fiore sospeso»

 
Nel Potentino
Rotonda, il Comune dona kit bebè ai nuovi nati

Rotonda, il Comune dona kit bebè ai nuovi nati

 
Letteratura
Da Mussolini al virus, l'Italia che combatte nel nuovo libro di Bruno Vespa

Da Mussolini al virus, l'Italia che combatte nel nuovo libro di Bruno Vespa

 
Libri
Aradeo, ecco My Library, un sogno nato in piena pandemia

Aradeo, ecco My Library, un sogno nato in piena pandemia

 
Arte
Scusate se vi sorrido senza denti, ma è la crisi: la testimonianza di Nico Salatino

Scusate se vi sorrido senza denti, ma è la crisi: la testimonianza di Nico Salatino

 
La testimonianza
Da Taranto a Varese la storia di Vito: «Io miracolato uscito dall'inferno del Covid»

Da Taranto a Varese la storia di Vito: «Io miracolato uscito dall'inferno del Covid»

 
Dolci
«Miglior panettone del mondo», argento a cegliese e da Acquaviva arriva il panettone a gusto barese

«Miglior panettone del mondo», argento a cegliese e da Acquaviva arriva il panettone a gusto barese

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Montalto e Bianco in forse per il derby contro il Foggia

Bari calcio, Montalto e Bianco in forse per il derby contro il Foggia

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLe dichiarazioni
Coronavirus, Bardi: «In Basilicata i numeri sono ancora tollerabili»

Coronavirus, Bardi: «In Basilicata i numeri sono ancora tollerabili»

 
BariGiustizia
Bari, sentenze tributarie pilotate: Corte d'Appello assolve commercialista

Bari, sentenze tributarie pilotate: Corte d'Appello assolve commercialista

 
TarantoCoronavirus
Sindaco Taranto: via a test sierologico volontario per dipendenti comunali

Sindaco Taranto: via a test sierologico volontario per dipendenti comunali

 
FoggiaCoronavirus
Covid Foggia, focolaio in Rsa: 30 contagiati, 22 pazienti e 8 operatori

Covid Foggia, focolaio in Rsa: 30 contagiati, 22 pazienti e 8 operatori

 
Materala manifestazione
Matera, protesta contro Dpcm con megafoni e «croci»

Matera, protesta contro Dpcm con megafoni e «croci»

 
Brindisila ricerca
Chirurgo ospedale Brindisi dona plasma iperimmune: «Bel gesto nella lotta contro il Covid»

Chirurgo ospedale Brindisi dona plasma iperimmune: «Bel gesto nella lotta contro il Covid»

 
Covid news h 24sanità
Andria, emergenza Covid: Asl BAT assume 9 medici

Andria, emergenza Covid: Asl BAT assume 9 medici

 
Leccenel Salento
Gallipoli, circolo ricreativo resta aperto nonostante il dpcm: multa al titolare

Gallipoli, circolo ricreativo resta aperto nonostante il dpcm: multa al titolare

 

Innovazione

Una valvola anti-Covid per il primo soccorso: l'idea di tre tecnici baresi

Prende il nome di kit Marconi: la distribuzione gratuita

Una valvola anti-Covid per il primo soccorso: l'idea di tre tecnici baresi

Gli hanno dato il nome di «kit Marconi» perché la scuola tecnica frequentata anni fa da Domenico Bove, Giovanni Guaragno e Francesco Squillace, in piazza Carlo Poerio, è dedicata all’inventore della radio.
Bove, Guaragno e Squillace hanno lavorato sodo nei giorni della quarantena nazionale, tra marzo e aprile, durante il lockdown. A spronarli lo spirito dei compagni di classe ritrovatisi intorno all’idea di uno strumento per la ventilazione non invasiva in fase di biocontenimento: il nome per esteso è «Kit raccordo c-pap Marconi». L’esigenza è nata dal confronto con realtà come il Policlinico e l’ospedale pediatrico «Giovanni XXIII» e con i bisogni di pazienti, medici e operatori sanitari interessati dalle procedure di soccorso.

Lo strumento messo a punto dai tre tecnici è una valvola da applicare alle maschere di sicurezza, quelle usate dai vigili del fuoco, dal personale sanitario per particolari operazioni di soccorso o, sui luoghi di lavoro, dai carrozzieri per la verniciatura delle auto. «Nel caso di soccorso ai pazienti affetti da covid» spiega Francesco Squillace «la maschera sarebbe applicata agli ammalati in crisi respiratoria, fino all’arrivo in ospedale. Si mitigherebbero così gli effetti di quella fame d’aria che scatena il panico ed è una delle manifestazioni acute della malattia, garantendo allo stesso tempo la sicurezza del personale sanitario». La valvola, infatti, filtrerebbe il respiro del paziente bloccando le cosiddette droplet, le goccioline del respiro vettrici del virus.
Il «kit Marconi» si presenta come un cilindro con una serie di piccoli tubi. Si attacca alla maschera e si collega con il serbatoio di ossigeno. «Le ambulanze del 118 sono dotate di quelle maschere e l’utilizzo della valvola per la ventilazione in biocontenimento – ripete Squillace – permetterebbe di migliorare le condizioni dell’ammalato soccorso senza rischi dagli operatori». Il kit, spiega ancora Squillace, «è composto di un materiale particolare. Si tratta di un polimero tecnico che può essere disinfettato e quindi riutilizzato». Il kit è in attesa di essere brevettato perché l’istanza è stata presentata all’Ufficio nazionale. D’altro canto è già considerato dispositivo medico dal ministero della Salute. «Insieme a Domenico Bove e Giovanni Guaragno – aggiunge Squillace – abbiamo pensato a questo dispositivo come a un valido aiuto per i paesi in via di sviluppo. Il kit consentirebbe di renderli autonomi nell’effettuazione della ventilazione non invasiva in fase di covid 19».
La valvola non è ancora disponibile. La sua produzione e distribuzione, sottolineano gli ideatori, è senza fini di lucro. «Le prime produzioni – ricordano i tre tecnici – saranno immediatamente disposte, ovviamente gratuitamente, a vantaggio delle autorità sanitarie e di protezione civile locale e nazionale, ma anche dei Paesi che volessero farne richiesta».

Tecnicamente il kit viene realizzato modellando attraverso macchine fresatrici le barre di polimero tecnico, materia prima della produzione. Per la fase operativa, Squillace, Bove e Guaragno hanno coinvolto la sezione Meccanica, Elettrica ed Elettronica di Confindustria. «Il presidente Cesare Pierpaolo De Palma – scrivono i tre inventori baresi – si è attivato subito riservandosi di studiare rapidamente la messa a punto di una strategia di produzione diffusa tra le aziende del territorio che potranno contribuire alla produzione benefica e umanitaria del kit». Insieme agli industriali, Squillace, Bove e Guaragno si sono rivolti al mondo della scuola perché gli studenti delle scuole tecniche possano acquisire quelle competenze tecniche – attraverso la produzione dei kit – necessarie per l’ingresso nel mondo del lavoro. Così l’associazione scientifico-culturale Seris, presieduta dallo stesso Francesco Squillace, ha firmato una convenzione con l’istituto di istruzione secondaria «Volta-De Gemmis» di Bitonto.
Intanto per finanziare l’acquisto delle barre di polimero, la Seris ha lanciato una raccolta fondi attraverso la vendita delle copie di un libro (il romanzo «Capovolto» di Alessandro Strato) che la stessa associazione ha recentemente pubblicato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie