Domenica 31 Maggio 2020 | 06:32

NEWS DALLA SEZIONE

Paesaggio
Il ponte di Gravina, da James Bond ai Luoghi del cuore

Il ponte di Gravina, da James Bond ai Luoghi del cuore del Fai

 
Martedì 2 giugno
Molfetta, «Facciamo ripartire la musica»

Molfetta, due deejay in spiaggia danno voce alla musica fatta tacere per 3 mesi

 
Storia a lieto fine
Foggia, Isabella 99 anni vince la battaglia contro il covid e lascia il Policlinico Riuniti

Foggia, Isabella 99 anni vince la battaglia contro il covid e lascia il Policlinico Riuniti

 
fase 2
Bari, Michele e Rossella sposi: primo matrimonio con invitati e regole anti-covid

Bari, Michele e Rossella sposi: primo matrimonio con invitati e regole anti-covid

 
L'iniziativa
Lecce, 1 giugno all'insegna del «Pasticciotto Day» per ricominciare...in dolcezza

Lecce, 1 giugno «Pasticciotto Day» per ricominciare...in dolcezza

 
Arte
Cancellate e ringhiere: anche Bari ha i suoi «ferri» d’arte

Cancellate e ringhiere: anche Bari ha i suoi «ferri» d’arte

 
La decisione
Fase 2 a Matera, il Fai riapre casa Noha per la Festa della Repubblica

Fase 2 a Matera, il Fai riapre casa Noha per la Festa della Repubblica

 
La guida
In bici sui mari del Salento: alla scoperta delle 20 spiagge più belle della Puglia

In bici sui mari del Salento: alla scoperta delle 20 spiagge più belle della Puglia

 
Festa del Patrono
Potenza, i turchi ai tempi del Covid: un flash della parata in Tv

Potenza, i turchi ai tempi del Covid: un flash della parata in Tv

 
La lettera
«Fateci lavorare». I neomedici contro l’imbuto formativo

I giovani neomedici protestano contro l’imbuto formativo: «Fateci lavorare»

 
il libro
Un road movie lungo i mari del Salento

«In bici lungo i mari del Salento»: il percorso di Roberto Guido in un libro e un road movie

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
Bariemergenza coronavirus
Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 
LecceIndustria
L’automotive riparte dopo tre mesi si punta su tecnologie ibride ed elettriche

L’automotive riparte dopo tre mesi si punta su tecnologie ibride ed elettriche

 
FoggiaLa lite
San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

 
BariTemporali
Maltempo Puglia

Puglia e Basilicata, maltempo da brividi: prima la shelf cloud e poi la maxi grandinata

 
Batl'ordinanza
Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

 
BrindisiLa decisione
Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

 

i più letti

nel Barese

Se il solista si divide in sei il piano diventa orchestra: l'esperimento dell'altamurano Colafelice

Musica postata sui social: una curiosa rilettura di un frammento sinfonico di Rachmaninov

Se il solista si divide in sei il piano diventa orchestra: l'esperimento dell'altamurano Colafelice

Una delle contraddizioni più curiose, in musica, è la mancanza del pianoforte nell’organico di un’orchestra classica. A meno che non sia volutamente inserito in partitura dal compositore. Il re degli strumenti, capace di riprodurre più di ogni altro un «suono» orchestrale, è sempre stato relegato a un «destino» solistico. Persino nei Concerti per pianoforte e orchestra, dove il suo «peso specifico» è superiore, se non pari all’organico sinfonico. Se dunque il pianista conosce la solitudine artistica più di ogni altro strumentista, in questi giorni c’è chi cerca di ovviare in vari modi: dai concerti casalinghi e trasmessi sul web, alle dirette streaming. O a video registrati ad hoc. Come hanno fatto, durante il World Piano Day dello scorso 28 marzo - allo scoccare del giorno n. 88 del 2020, in ossequio al numero dei tasti del pianoforte - alcuni principali artisti targati Deutsche Grammophon: da Maria João Pires a Evgeny Kissin, da Rudolf Buchbinder a Daniil Trifonov.

Tra i tanti contributi in rete c’è anche un esperimento tra i più innovativi, tentato da Leonardo Colafelice, ventiquattrenne pianista altamurano, cresciuto alla scuola di Pasquale Iannone al Conservatorio Piccinni di Bari: pluripremiato in vari concorsi internazionali, adesso è docente al Conservatorio di Vibo Valentia, con una carriera internazionale di assoluto livello.
«Proprio in questi giorni - spiega - avrei dovuto suonare in tour negli Stati Uniti, in South e North Carolina, Georgia e Tennessee. Visto come stanno andando le cose, è stato un bene fermare tutto dai primi di marzo». Tra l’altro Leonardo, come molti docenti, sta svolgendo anche formazione a distanza. «La lezione dal vivo non è replicabile, ma è meglio che niente. Ho chiesto ai miei allievi di poter avere due video, per ossservarli al meglio: un’inquadratura del busto e del pianoforte, e un’altra dedicata alle mani, posizionata al lato della tastiera».

Quanto all’esperimento, Colafelice ha pubblicato qualche giorno fa sui suoi canali social, un filmato che lo ritrae al pianoforte in un mosaico di ulteriori sei video preregistrati. È un po’ la tecnica dei video multi-facciali che ha reso famoso qualche anno fa, in ambito pop e jazz, Jacob Collier (che univa più voci e strumenti). Nel video Leonardo esegue un frammento di un minuto e mezzo dell’Adagio della Sinfonia n. 2 di Rachmaninov, dopo aver trascritto le parti orchestrali (archi, legni, ottoni) al pianoforte. I sei video sono stati poi sovrapposti con un software per ottenere il miglior effetto sincronico.

«È stato un lavoraccio, ma un esperimento divertente - afferma -, per ottenere questi 90 secondi di musica ho impiegato circa quattro ore. Ma la Sinfonia n. 2 di Rachmaninov l’ho sempre amata e la conosco a menadito. La difficoltà maggiore è stata cercare di riprodurre al pianoforte la timbrica delle sei linee strumentali scelte, ma anche fraseggiare tutto, per ottenere la migliore compattezza sonora. Senza dare un tempo metronomico a ogni melodia, cosa che avrebbe appiattito la musica e negato il senso orchestrale. Sono rimasto soddisfatto dell’esito finale, lo prendo come un gioco musicale. Adesso sto pensando alla Suite n. 2 per due pianoforti di Rachmaninov: potrei eseguire da solo entrambi gli spartiti, oppure farlo a distanza con un altro pianista. Magari chiederò al mio maestro Pasquale Iannone, sono sicuro che ne sarebbe entusiasta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie