Sabato 20 Ottobre 2018 | 18:39

NEWS DALLA SEZIONE

Ascoltare il vino, con slow food
NEL CALICE - I saperi e i sapori

Dalle emozioni ed esperienze dei «Vignaioli indipendent...

 
DA VISITARE DOMENICA 7 OTTOBRE
IN VIGNA - Enoturisti e uva da vino

Che profumo di mosto e di vino a «Cantine aperte in ven...

 
SABATO E DOMENICA A TRANI
ZUCCHERO - Creazione a favore di Lilt

I colori del «Puglia Cake Design» per appassionati e es...

 
ISCRIZIONI ENTRO IL 30 SETTEMBRE 2018
PIATTI DA GARA - Pasta d’autore

Barletta e Canosa, cuochi uniti al VI concorso «Eraclio...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

STUDI DI FAO (NAZIONI UNITE) E CIA

In Giappone piace la biodiversità dei presìdi Slow Food della Puglia

POMODORO REGINA - A Torre Canne

POMODORO REGINA - A Torre Canne

La biodiversità della Puglia è una grande risorsa del territorio, tanto da attirare l’attenzione delle Nazioni Unite e, in particolare, della FAO (Organizzazione Unite per l'alimentazione e l'agricoltura).

Lo ha potuto constatare di persona Kae Sekine, docente giapponese della Aichi Gakun University e inviata esperta della FAO che nei giorni scorsi ha visitato la Puglia, con una missione organizzata da CIA (Confederazione Agricoltori Italiani) e Cia della Puglia.
L’esperta giapponese sta studiando quanto incidano, sul mercato e sulla qualità del cibo, i presìdi Slow Food e la crescita del biologico.

Ha fatto tappa in due presìdi Slow Food: in quello a Torre Canne, frazione di Fasano nel brindisino, dove si coltiva il pomodoro Regina, e nel foggiano a Manfredonia e Monte Sant’Angelo, dove ha gustato e compreso il sistema produttivo del caciocavallo podolico del Gargano.

Kae Sekine a conclusione del tour ha potuto assaporare i nostri sapori tipici come la cialledda, le friselline con pomodoro, le fave con i peperoni al sugo, la pizza con i fichi e le orecchiette.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400