Venerdì 27 Novembre 2020 | 15:54

NEWS DALLA SEZIONE

la lettera
Matera, sindaco scrive a Conte: «L'ospedale sia tutelato»

Matera, sindaco scrive a Conte: «L'ospedale sia tutelato»

 
Polizia
Matera, il Questore Liguori lascia la città: andrà a Pescara

Matera, il Questore Liguori lascia la città: andrà a Pescara

 
25 novembre
Basilicata, in aumento i reati di genere: soprattutto maltrattamenti e violenze sessuali

Basilicata, in aumento i reati di genere: soprattutto maltrattamenti e violenze sessuali

 
L'indagine
Matera, uccise 84enne dopo lite per spostare rifiuti: arrestato 55enne (aveva reddito cittadinanza)

Matera, uccise 84enne dopo lite per spostare rifiuti: arrestato 55enne (aveva reddito cittadinanza)

 
dati regionali
Covid in Basilicata, 281 nuovi positivi su circa 2mila test durante il week end e altri 4 decessiA Matera tamponi drive in con la Marina

Covid Basilicata, + 281 positivi su circa 2mila test durante week end e + 4 decessi. A Matera tamponi drive in con la Marina

 
Coronavirus
Matera: raccolta plasma, si cercano donatori

Matera: raccolta plasma, si cercano donatori

 
Polizia
Matera, sala scommesse continuava a funzionare nonostante il Covid: chiusa

Matera, sala scommesse continuava a funzionare nonostante il Covid: chiusa

 
dai Carabinieri
Matera, trovati con mezzo chilo di eroina: 2 arresti

Matera, trovati con mezzo chilo di eroina: 2 arresti

 
La decisione
Marconia, turiste inglesi violentate: uno degli 8 indagati finisce ai domiciliari

Marconia, turiste inglesi violentate: uno degli 8 indagati finisce ai domiciliari

 
Unità di crisi
Matera, emergenza Covid: Comune individua 3 hotel per 150 asintomatici

Matera, emergenza Covid: Comune individua 3 hotel per 150 asintomatici

 
l'emergenza
Matera, da lunedì prossimo tamponi «4drive in» davanti ospedale

Matera, da lunedì prossimo tamponi «drive in» davanti ospedale

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, traffico a centrocampo: Auteri gestisce l'abbondanza

Bari, traffico a centrocampo: Auteri gestisce l'abbondanza

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl video
Museo MArTa di Taranto, da oggi si può vistare anche con il virtual tour in 3D

Museo MArTa di Taranto, da oggi si può vistare anche con il virtual tour in 3D

 
BariIl servizio
Stress da Covid: in azienda barese uno sportello psicologico per aiutare i dipendenti

Stress da Covid: in azienda barese uno sportello psicologico per aiutare i dipendenti

 
FoggiaIl provvedimento
Foggia, Natale senza festa e con poche luminarie. Sindaco: «Risparmi a famiglie bisognose»

Foggia, Natale senza festa e con poche luminarie. Sindaco: «Risparmi a famiglie bisognose»

 
PotenzaIl provvedimento
Coronavirus, a Potenza assembramenti nel centro storico: multe

Coronavirus, a Potenza assembramenti nel centro storico: multe

 
Brindisile indagini
Ostuni, incendio doloso auto ex sindaco: un indagato

Ostuni, incendio doloso auto ex sindaco: un indagato

 
Materala lettera
Matera, sindaco scrive a Conte: «L'ospedale sia tutelato»

Matera, sindaco scrive a Conte: «L'ospedale sia tutelato»

 
Batnella Bat
Andria: furto, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale, due arresti

Andria: furto, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale, due arresti

 

i più letti

Dopo la videodenuncia sul nostro sito

Policoro, eco rimandata di 17 mesi a paziente oncologica: assessore regionale si scusa

L'assessore Leone porge le scuse: «Ciò conferma che il sistema sanitario in Basilicata è fallito e va ricostruito»

Policoro, eco rimandata di 17 mesi a paziente oncologica: assessore regionale si scusa

«Chiedo scusa alla signora di Pisticci, anche da parte di tutto il Governo regionale: l’episodio da lei denunciato conferma che il sistema sanità, in Basilicata, è fallito e va ricostruito. Devo dire che anche noi siamo, in qualche modo, spettatori passivi perché queste disfunzioni sono il retaggio della precedente maggioranza».

Così l’assessore alla Sanità della Regione Basilicata, Rocco Leone, ha commentato la denuncia di Giuseppina Vella, 49enne di Marconia di Pisticci, che in un video sul nostro sito web (lagazzettadelmezzogiorno.it) ha segnalato come prenotare un’ecografia di controllo al seno nella nostra regione non sia solo complicato, ma quasi impossibile.
La donna, colpita da un carcinoma al seno nel 2015, ha necessità di sottoporsi ai controlli periodici e di routine, ma, dopo aver prenotato la visita tramite Cup, visita fissata dopo sette mesi, si è vista annullare quella prenotazione per la mancanza del medico.


Morale della favola? Le hanno fatto riprenotare la visita e la nuova data è stata quasi una doccia fredda: aprile 2020, ma non più all’ospedale «Giovanni Paolo II» di Policoro, bensì al «San Carlo» di Potenza. Praticamente, tra la prima e la seconda prenotazione, Vella dovrebbe aspettare 17 mesi per un controllo. È evidente, dunque, che più di qualcosa non funzioni in regione. Leone su questo si è mostrato pienamente d’accordo. «Il sistema – ha spiegato l’assessore – è fallito, e questo lo dico da tempo. L’episodio della signora ci fa capire due cose: la prima è che, come detto, il sistema è fallito e va ricostruito, ma in modo diverso. Cioè mettendo al centro il paziente e, soprattutto, fornendo ai cittadini i servizi. Per cui, meno assunzioni tra gli amministrativi e più medici. La seconda cosa che l’episodio della signora Vella ci dice è che non serve assolutamente a nulla star lì praticamente tutti i giorni a denunciare la chiusura di questo o quel reparto. Pensiamo, piuttosto, a come ricostruire un sistema malato e fallimentare, che, questo va sottolineato ancora una volta, vede questa maggioranza spettatrice passiva. Nel senso che noi abbiamo ereditato tutto questo sfascio e adesso dobbiamo ricostruire. Alla signora, voglio ribadirlo, le mie, le nostre scuse ufficiali. Ho visto il video e l’ho subito girato al direttore generale dell’Asm, Joseph Polimeni, affinché anche lui prenda atto di quello che accade quotidianamente in Basilicata. Non possiamo continuare a giocare sulla pelle dei cittadini e dei pazienti», ha concluso Leone. Il quale ha anche preannunciato: «Sto per riunire tutto il personale Asm perché devo parlare alle persone e capire cosa sta accadendo. Qui la situazione mi sembra chiara, per cui o remiamo tutti nella stessa direzione, oppure vanno presi provvedimenti drastici».


Una situazione drammatica e incresciosa, dunque, quella nella quale si trova la sanità lucana. Lo dice chiaramente Leone, ma, soprattutto, lo conferma la vicenda della signora Vella. Con la salute non si può e non si deve scherzare: forse è davvero arrivato il momento di chiudere un’epoca e di tornare a guardare alla sanità come mero, ma fondamentale, servizio al cittadino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie