Venerdì 19 Luglio 2019 | 23:06

NEWS DALLA SEZIONE

Il progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
Heroes Pride
Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

 
Nel Materano
Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

 
dalla Polizia stradale
Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

 
L'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
Una coppia di 31enni
Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossici della città, compresi minorenni: 2 arresti

Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossicodipendenti della città, compresi minori: 2 arresti

 
I dati
Matera, boom di turisti già nel 2018

Matera, boom di turisti già nel 2018

 
Il caso
Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari

Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari di bosco

 
Inquinamento
Matera, schiuma biancastra nella Gravina

Matera, schiuma biancastra nella Gravina

 
Il caso
Basilicata, un miliardo e 800 milion: ecco il tesoro del petrolio

Basilicata, un miliardo e 800 milioni: ecco il tesoro del petrolio

 
Operazione dei carabinieri
Nova Siri: bazar della droga in un garage e un magazzino, 4 arresti

Nova Siri: bazar della droga in un garage e un magazzino, 4 arresti

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoAl rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
BariSocietà fallì nel 2011
Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

 
PotenzaL'incidente
Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

 
LecceL'evento
Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

 
MateraIl progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
BrindisiPer un valore di 1000 euro
Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 

i più letti

Dopo la videodenuncia sul nostro sito

Policoro, eco rimandata di 17 mesi a paziente oncologica: assessore regionale si scusa

L'assessore Leone porge le scuse: «Ciò conferma che il sistema sanitario in Basilicata è fallito e va ricostruito»

Policoro, eco rimandata di 17 mesi a paziente oncologica: assessore regionale si scusa

«Chiedo scusa alla signora di Pisticci, anche da parte di tutto il Governo regionale: l’episodio da lei denunciato conferma che il sistema sanità, in Basilicata, è fallito e va ricostruito. Devo dire che anche noi siamo, in qualche modo, spettatori passivi perché queste disfunzioni sono il retaggio della precedente maggioranza».

Così l’assessore alla Sanità della Regione Basilicata, Rocco Leone, ha commentato la denuncia di Giuseppina Vella, 49enne di Marconia di Pisticci, che in un video sul nostro sito web (lagazzettadelmezzogiorno.it) ha segnalato come prenotare un’ecografia di controllo al seno nella nostra regione non sia solo complicato, ma quasi impossibile.
La donna, colpita da un carcinoma al seno nel 2015, ha necessità di sottoporsi ai controlli periodici e di routine, ma, dopo aver prenotato la visita tramite Cup, visita fissata dopo sette mesi, si è vista annullare quella prenotazione per la mancanza del medico.


Morale della favola? Le hanno fatto riprenotare la visita e la nuova data è stata quasi una doccia fredda: aprile 2020, ma non più all’ospedale «Giovanni Paolo II» di Policoro, bensì al «San Carlo» di Potenza. Praticamente, tra la prima e la seconda prenotazione, Vella dovrebbe aspettare 17 mesi per un controllo. È evidente, dunque, che più di qualcosa non funzioni in regione. Leone su questo si è mostrato pienamente d’accordo. «Il sistema – ha spiegato l’assessore – è fallito, e questo lo dico da tempo. L’episodio della signora ci fa capire due cose: la prima è che, come detto, il sistema è fallito e va ricostruito, ma in modo diverso. Cioè mettendo al centro il paziente e, soprattutto, fornendo ai cittadini i servizi. Per cui, meno assunzioni tra gli amministrativi e più medici. La seconda cosa che l’episodio della signora Vella ci dice è che non serve assolutamente a nulla star lì praticamente tutti i giorni a denunciare la chiusura di questo o quel reparto. Pensiamo, piuttosto, a come ricostruire un sistema malato e fallimentare, che, questo va sottolineato ancora una volta, vede questa maggioranza spettatrice passiva. Nel senso che noi abbiamo ereditato tutto questo sfascio e adesso dobbiamo ricostruire. Alla signora, voglio ribadirlo, le mie, le nostre scuse ufficiali. Ho visto il video e l’ho subito girato al direttore generale dell’Asm, Joseph Polimeni, affinché anche lui prenda atto di quello che accade quotidianamente in Basilicata. Non possiamo continuare a giocare sulla pelle dei cittadini e dei pazienti», ha concluso Leone. Il quale ha anche preannunciato: «Sto per riunire tutto il personale Asm perché devo parlare alle persone e capire cosa sta accadendo. Qui la situazione mi sembra chiara, per cui o remiamo tutti nella stessa direzione, oppure vanno presi provvedimenti drastici».


Una situazione drammatica e incresciosa, dunque, quella nella quale si trova la sanità lucana. Lo dice chiaramente Leone, ma, soprattutto, lo conferma la vicenda della signora Vella. Con la salute non si può e non si deve scherzare: forse è davvero arrivato il momento di chiudere un’epoca e di tornare a guardare alla sanità come mero, ma fondamentale, servizio al cittadino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie