Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 19:25

LETTERE ALLA GAZZETTA

Il tempo della pazienza è finito

Mi rattrista, che un’altra attività storica come Stoppani, chiude per sempre. Ebbene sì, hanno ragione i commercianti: “Bari è morta”. Si salvi chi può. Quello, che i commercianti vedono, è un segnale di reale sfiducia e di stagnazione. Infatti, sono demotivati come se fossero più vicini al cuore della crisi. E’ pur vero, che i lamenti rispecchiano le diverse realtà del tipo: città vuota, calo dei consumi, concorrenza spietata dei centri commerciali, scontrini anoressici, sicurezza e cittadini con la sindrome dei parcheggi e multe. Invece, occorre una riduzione del prelievo fiscale, che oggi è farraginosa perché frena l’economia quasi a voler punire le attività, che producono ricchezza. Insomma, i commercianti non ne possono più di sentire parlare di aiuti alle imprese perché, è una presa per i fondelli. Il tempo della pazienza è finito.

Nico Pesce, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400