Lunedì 09 Dicembre 2019 | 17:46

NEWS DALLA SEZIONE

crolli nel salento
San Foca, mareggiata sgretola la falesia: divieto di avvicinamento

San Foca, mareggiata sgretola la falesia: divieto di avvicinamento

 
nel Salento
Nardò, melograni riprodotti illegalmente: sequestro da un milione di euro

Nardò, melograni riprodotti illegalmente: sequestro da un milione di euro

 
L'analisi
Lecce, il boom della grande distribuzione: in provincia ci sono 402 strutture

Lecce, il boom della grande distribuzione: in provincia ci sono 402 strutture

 
Il caso
Otranto, sigilli ai pontili: indagati sindaco e giunta

Otranto, sigilli ai pontili: indagati sindaco e giunta

 
Il provvedimento
Otranto, Comune non smonta i pontili: scatta il sequestro, via le barche entro un mese

Otranto, Comune non smonta i pontili: scatta il sequestro, via le barche entro un mese

 
L'indagine
Taviano, bimbo scomparso nel 1977: si cercano i resti in un pozzo

Taviano, bimbo scomparso nel 1977: si cercano i resti in un pozzo

 
Sanità
Lecce, al via screening gratuiti per la prevenzione del tumore del colon retto

Lecce, al via screening gratuiti per la prevenzione del tumore del colon retto

 
Il verdetto
Gallipoli, «furbetto del cartellino» in ospedale: condannato a un anno e 11 mesi

Gallipoli, «furbetto del cartellino» in ospedale: condannato a un anno e 11 mesi

 
Operazione della Polizia
Gallipoli, scoperta fabbrica abusiva fuochi d'artificio: arrestati padre e figlio

Gallipoli, scoperta fabbrica abusiva fuochi d'artificio: arrestati padre e figlio

 
Il giallo»
Carmiano, «scompare» il presepe davanti al Comune sciolto per mafia

Carmiano, «scompare» il presepe davanti al Comune sciolto per mafia

 
Operazione dei Cc
Lecce, banda di rom svaligiava le case: due arresti anche a Napoli

Lecce, banda di rom svaligiava le case: due arresti anche a Napoli

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Il Bari aggancia il Potenza: la partita giocata in casa finisce 2-1

Il Bari aggancia il Potenza: il match finisce 2-1. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoè ai domiciliari
Taranto, strappa borsa a una vecchietta per strada: arrestata 28enne

Taranto, strappa borsa a un'anziana per strada: arrestata 28enne

 
Bariall'archivio di stato
Bari, record di presenze per la mostra Luoghi e Memorie 1943-1945, dedicata alla storia russa

Bari, record di presenze per la mostra Luoghi e Memorie 1943-1945, dedicata alla storia russa

 
PotenzaSanità
«San Carlo» Potenza, c'è la copertura finanziaria 2020 per tutto il personale

«San Carlo» Potenza, c'è la copertura finanziaria 2020 per tutto il personale

 
Leccecrolli nel salento
San Foca, mareggiata sgretola la falesia: divieto di avvicinamento

San Foca, mareggiata sgretola la falesia: divieto di avvicinamento

 
FoggiaL'estorsione
Foggia: «Vuoi essere protetto? Dacci 200 euro», 2 arresti

Foggia: «Vuoi essere protetto? Dacci 200 euro», 2 arresti

 
Batnordbarese
Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

 
BrindisiPub Ciporti
Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

 
MateraOperazione dei Cc
Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

 

i più letti

L'intervista

Paola Turci arriva a Lecce ed è «Viva da morire»

Il tour della cantautrice fa tappa al Teatro Politeama Greco di Lecce domani sera, 23 novembre

Paola Turci arriva a Lecce ed è «Viva da morire»

Paola Turci, voce inconfondibile e innata eleganza, torna nel Salento per la tappa del suo «Viva da Morire Tour», che prende il nome dall’ultimo album di inediti. Atteso concerto domani alle 21 sul palco del Politeama Greco, Teatro di tradizione di Lecce. La cantautrice romana è certamente una delle artiste più apprezzate del panorama musicale italiano, ma cosa la fa sentire «Viva da morire»? «L’idea di poter fare qualcosa - risponde - di poter suonare, di essere viva. Il fatto di non darlo mai per scontato».

Più di 30 anni di carriera, veterana al Festival di Sanremo: cosa rimane dei primi esordi?
«Ricordi indelebili di una ragazza che ne sapeva poco, ma che si è fatta avvolgere dalla potenza della musica. Una ragazza che ha vissuto un periodo della vita saltellando in mezzo a questioni da affrontare, con la soddisfazione di avere sempre accanto quella musica, come un grande amore. Sono molto felice per questo».

Dopo tanto tempo cosa si prova quando si viaggia per andare a suonare da qualche parte?
«È una sensazione che mi piace sempre da matti. Tornare a casa è bellissimo, ma viaggiare, le fasi di preparazione al concerto, l'incontro con i musicisti e la produzione, è meraviglioso».

Cantante e donna: si è mai sentita «scomoda» in questo ruolo?
«A volte ho provato rabbia, e la provo ancora, per l’ingiustizia che c’è nei confronti delle donne. È una rabbia che viene dall'idea che non è stato fatto ancora abbastanza per rendere l’uomo alleato della donna. Oggi c’è ancora qualcuno che non si rende conto della normalizzazione di questa disuguaglianza, e quando si parla di “femminismo”, il significato viene distorto, percepito come ingombrante. Il femminismo è l'attestazione dell’uguaglianza tra i due sessi, tutto qui».

Tutta questa grinta, che mette nella musica e sul palco, è molto apprezzata dai fan. Che rapporto ha con loro?
«Sicuramente non c’è amicizia, nulla di privato, ma c’è una sensibilità unica, un amore e una presenza concreti. Sapere di voler bene e di essere ricambiati dal pubblico, da persone che non sono fratelli o familiari, ma sono “altro”, è bellissimo, ti senti avvolta da un affetto che io a mia volta restituisco cantando e scrivendo canzoni. Io mi propongo, poi è il pubblico che si avvicina, per un’attrazione psicologica, intellettuale. C’è comunque un contatto, una forma di affetto ineguagliabile».

Si sente arrivata da qualche parte?
«Soltanto alla destinazione del momento, poi si ricomincia sempre. Non voglio sembrare candida o ingenua, a me sorprende ancora quando mi riconoscono per strada, rimango abbastanza colpita. Per il resto ogni cosa che faccio, ogni canzone che scrivo, ogni posto in cui suono, sono tutti capitoli che si aprono e si chiudono, ma non c’è un vero punto d’arrivo. L’unico, vero, è solo la morte».

Dopo il tour, che la terrà impegnata fino a dicembre inoltrato, cosa farà Paola Turci?
«Posso solo immaginarlo, perché non ho progetti precisi. Quello che voglio fare lo costruisco giorno per giorno. Ho intenzione di lavorare a un romanzo, a cui penso quotidianamente, vorrei riprendere in mano il monologo che ho portato per tre sere al Teatro Menotti di Milano. Questi potrebbero essere i progetti imminenti. Per il resto sto scrivendo canzoni, perché so che la musica è e sarà la mia vita, ma è tutto molto tranquillo, ho raggiunto un tale stato di serenità che non ho la smania di fare per forza un altro disco. Sicuramente mi piace l'idea di continuare a suonare in giro, magari con un tour più elettrico, nei club, con atmosfere rock come in passato. Mi piacerebbe spogliare le canzoni e dar loro una nuova veste».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie