Venerdì 05 Giugno 2020 | 19:08

NEWS DALLA SEZIONE

Coronavirus
Soleto, anziana di nuovo malata di Covid dopo 4 tamponi negativi

Soleto, anziana di nuovo malata di Covid dopo 4 tamponi negativi

 
Fase 2 lavoro
Cassintegrati Covid, a Lecce e provincia sono 58mila

Cassintegrati Covid, a Lecce e provincia sono 58mila

 
Il caso
Galatina, l’Inps chiede soldi al caro estinto morto da 35 anni

Galatina, l’Inps batte cassa e chiede soldi a un utente morto 35 anni fa

 
L'ironia
Salento, dopo Foggia spunta una nuova pantera nera in Puglia: ma è soltanto un peluche

Salento, dopo Foggia spunta una nuova pantera nera in Puglia: ma è soltanto un peluche

 
nel salento
Ugento, brucia auto maresciallo Polizia Locale: indagano i cc

Ugento, brucia auto maresciallo Polizia Locale: indagano i cc

 
L'appello
Lecce, omicidio Petrachi, lettera della moglie di Camassa condannato all'ergastolo: «Ti aspettiamo»

Lecce, omicidio Petrachi, lettera della moglie di Camassa condannato all'ergastolo: «Ti aspettiamo»

 
L'inchiesta
Lecce, allieve molestate: nei guai prete-prof

Lecce, allieve molestate: nei guai un prete-prof 45enne

 
L'iniziativa
Fase 2, in Salento si simula una festa patronale con luci e banda

Fase 2, in Salento si simula una festa patronale con luci e banda

 
Il caso
Gallipoli, legato a uno scoglio per attirare turisti: è polemica sul cigno Renzo

Gallipoli, legato a uno scoglio per attirare turisti: è polemica sul cigno Renzo

 
Sanità post emergenza
Il San Giuseppe da Copertino

L’ospedale di Copertino riapre ma l’organizzazione è disastrosa

 

Il Biancorosso

serie C
C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaEdilizia
San Giovanni Rotondo, l'Arca consegna 18 alloggi. Emiliano: «Casa è sinonimo di dignità»

San Giovanni Rotondo, l'Arca consegna 18 alloggi. Emiliano: «Casa è sinonimo di dignità»

 
Brindisiterapia Covid
Brindisi, al «Perrino» prime 2 donazioni di plasma iperimmune

Brindisi, al «Perrino» prime 2 donazioni di plasma iperimmune

 
LecceCoronavirus
Soleto, anziana di nuovo malata di Covid dopo 4 tamponi negativi

Soleto, anziana di nuovo malata di Covid dopo 4 tamponi negativi

 
Potenzafase 3
Basilicata, piattaforma online per autosegnalazioni di lucani che tonano in regione

Basilicata, piattaforma online per autosegnalazioni di lucani che tonano in regione

 
BariI dati
Effetto Covid 19, meno reati a Bari e nella Bat: il bilancio dei carabinieri

Effetto Covid 19, meno reati a Bari e nella Bat: il bilancio dei carabinieri

 
Tarantomobilità sostenibile
Taranto prima in Puglia nella graduatoria: 800mila euro per piste ciclopedonali

Taranto prima in Puglia nella graduatoria: 800mila euro per piste ciclopedonali. Stanziati 13,8 mln dalla Regione

 

i più letti

L'intervista

Paola Turci arriva a Lecce ed è «Viva da morire»

Il tour della cantautrice fa tappa al Teatro Politeama Greco di Lecce domani sera, 23 novembre

Paola Turci arriva a Lecce ed è «Viva da morire»

Paola Turci, voce inconfondibile e innata eleganza, torna nel Salento per la tappa del suo «Viva da Morire Tour», che prende il nome dall’ultimo album di inediti. Atteso concerto domani alle 21 sul palco del Politeama Greco, Teatro di tradizione di Lecce. La cantautrice romana è certamente una delle artiste più apprezzate del panorama musicale italiano, ma cosa la fa sentire «Viva da morire»? «L’idea di poter fare qualcosa - risponde - di poter suonare, di essere viva. Il fatto di non darlo mai per scontato».

Più di 30 anni di carriera, veterana al Festival di Sanremo: cosa rimane dei primi esordi?
«Ricordi indelebili di una ragazza che ne sapeva poco, ma che si è fatta avvolgere dalla potenza della musica. Una ragazza che ha vissuto un periodo della vita saltellando in mezzo a questioni da affrontare, con la soddisfazione di avere sempre accanto quella musica, come un grande amore. Sono molto felice per questo».

Dopo tanto tempo cosa si prova quando si viaggia per andare a suonare da qualche parte?
«È una sensazione che mi piace sempre da matti. Tornare a casa è bellissimo, ma viaggiare, le fasi di preparazione al concerto, l'incontro con i musicisti e la produzione, è meraviglioso».

Cantante e donna: si è mai sentita «scomoda» in questo ruolo?
«A volte ho provato rabbia, e la provo ancora, per l’ingiustizia che c’è nei confronti delle donne. È una rabbia che viene dall'idea che non è stato fatto ancora abbastanza per rendere l’uomo alleato della donna. Oggi c’è ancora qualcuno che non si rende conto della normalizzazione di questa disuguaglianza, e quando si parla di “femminismo”, il significato viene distorto, percepito come ingombrante. Il femminismo è l'attestazione dell’uguaglianza tra i due sessi, tutto qui».

Tutta questa grinta, che mette nella musica e sul palco, è molto apprezzata dai fan. Che rapporto ha con loro?
«Sicuramente non c’è amicizia, nulla di privato, ma c’è una sensibilità unica, un amore e una presenza concreti. Sapere di voler bene e di essere ricambiati dal pubblico, da persone che non sono fratelli o familiari, ma sono “altro”, è bellissimo, ti senti avvolta da un affetto che io a mia volta restituisco cantando e scrivendo canzoni. Io mi propongo, poi è il pubblico che si avvicina, per un’attrazione psicologica, intellettuale. C’è comunque un contatto, una forma di affetto ineguagliabile».

Si sente arrivata da qualche parte?
«Soltanto alla destinazione del momento, poi si ricomincia sempre. Non voglio sembrare candida o ingenua, a me sorprende ancora quando mi riconoscono per strada, rimango abbastanza colpita. Per il resto ogni cosa che faccio, ogni canzone che scrivo, ogni posto in cui suono, sono tutti capitoli che si aprono e si chiudono, ma non c’è un vero punto d’arrivo. L’unico, vero, è solo la morte».

Dopo il tour, che la terrà impegnata fino a dicembre inoltrato, cosa farà Paola Turci?
«Posso solo immaginarlo, perché non ho progetti precisi. Quello che voglio fare lo costruisco giorno per giorno. Ho intenzione di lavorare a un romanzo, a cui penso quotidianamente, vorrei riprendere in mano il monologo che ho portato per tre sere al Teatro Menotti di Milano. Questi potrebbero essere i progetti imminenti. Per il resto sto scrivendo canzoni, perché so che la musica è e sarà la mia vita, ma è tutto molto tranquillo, ho raggiunto un tale stato di serenità che non ho la smania di fare per forza un altro disco. Sicuramente mi piace l'idea di continuare a suonare in giro, magari con un tour più elettrico, nei club, con atmosfere rock come in passato. Mi piacerebbe spogliare le canzoni e dar loro una nuova veste».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie