Domenica 20 Ottobre 2019 | 16:15

NEWS DALLA SEZIONE

IL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
Un 67enne
Melendugno, gli sfugge motosega di mano: muore dissanguato

Melendugno, gli sfugge motosega di mano: muore dissanguato

 
La tragedia
Melendugno, gli sfugge la motosega di mano: 67enne morto dissanguato

Melendugno, gli sfugge la motosega di mano: 67enne morto dissanguato

 
ESERCITO
Lecce, il 31° Reggimento carriha un nuovo comandante

Lecce, il 31° Reggimento carri ha un nuovo comandante

 
la mossa del sindaco
Otranto, sotto esame l’idea dei pontili aperti

Otranto, sotto esame l’idea dei pontili aperti

 
Migranti
Salento, due sbarchi in poche ore: in 81 arrivano a bordo di una barca a vela

Salento, due sbarchi in poche ore: in 81, tra curdi e iracheni, a bordo di un veliero

 
I soccorsi
Migranti, in arrivo 80 a Leuca: erano su una barca intercettata dalla Guardia costiera

Migranti, in arrivo 50 a Leuca: erano su una barca intercettata dalla Guardia costiera

 
L'intesa
Casarano, salvi i 423 posti di lavoro call center Enel per mercato libero

Casarano, salvi i 423 posti di lavoro call center Enel per mercato libero

 
Incidente mortale
Lecce, contromano sulla statale: confermati arresti per carabiniere

Lecce, contromano sulla statale: confermati arresti per carabiniere

 
in salento
Muore a 79 anni Marcello, fratello di Don Tonino Bello

Muore a 79 anni Marcello, fratello di Don Tonino Bello

 
era in ospedale
Gallipoli, morte sospetta di una prof 78enne: 24 indagati

Gallipoli, morte sospetta di una prof 78enne: 24 indagati

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaInvasi semivuoti
Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

 
LecceIL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
BariIl fenomeno
Bari, la nuova guerra dei gazebo colpa di abusi, tolleranze e scelte sbagliate

Bari, la nuova guerra dei gazebo colpa di abusi, tolleranze e scelte sbagliate

 
FoggiaSalgono a due le vittime
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: muoiono marito e moglie

 
TarantoMARINA MILITARE
Taranto, musica e solidarietà insiemesuccesso del concerto "Note d'autunno"

Taranto, musica e solidarietà insieme successo del concerto "Note d'autunno"

 
BrindisiIl sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 

i più letti

Nuove migrazioni

Nardò, nel Mar Jonio spunta il pesce tropicale «dentone»

È stato pescato qualche giorno fa a Santa Caterina, ed è un pesce "ruminante"

Nardò, nel Mar Jonio spunta il pesce tropicale «dentone»

Un pesce “ruminante” fa la sua comparsa nelle acque di Nardò. Sempre più di frequente i pescatori della zona tirano a bordo alcuni strani esemplari, colorati come l’arcobaleno e provvisti di una bella “dentatura”. E’ successo qualche giorno fa a Santa Caterina con un grosso “pesce pappagallo”, così come è chiamato volgarmente lo Sparisoma Cretense. L’ittiologo italiano Griffini, nel suo Ittiologia Italiana (1903), conferma l’abitudine di ruminare di questa specie, “erbivoro e rumina l’alimento”, ma Thompson (1947) sostiene che più probabilmente lo Scarus mastichi semplicemente il cibo più duro con i suoi denti grandi. In ogni caso il pesce “dentone” rappresenta una novità per i nostri pescatori e diportisti e perciò il dibattito si è subito alimentato. Va detto subito che è esistito, in passato, anche nel Mediterraneo, e i Romani ne tentarono l’introduzione nel Tirreno, apprezzatene le carni. Così come era noto ai Greci antichi: alcuni fossili sono stati ritrovati in un sito del VI secolo. Le catture in corso, dunque, non sono dovute alla tropicalizzazione del Mediterraneo ma da una meridionalizzazione del nostro mare, visto che specie di origine del basso Mediterraneo stanno migrando verso nord raggiungendo anche le coste della Francia del Sud e della Spagna.

Va tutto bene, dunque? Ma neanche per sogno. Il “piccolo” mare ionico risente molto delle specie “aliene”: ne sono state individuate 33 soltanto nel 2017. Come per le piante, infestate da insetti provenienti da altri continenti (basti pensare al punteruolo rosso che ha devastato tutte le palme salentine in pochi anni), anche i mari risentono della “contaminazione”: “il nostro mare è fortemente invaso da specie alloctone – scrive l’autorevole National Geographic - che possono raggiungere il bacino attraverso il Canale di Suez o lo Stretto di Gibilterra”. Oppure (ed è questa la spiegazione più plausibile) essere trasportate passivamente dalle acque di zavorra delle navi. I sistemi di pompaggio e di sterilizzazione delle acque in uscita dovrebbero impedire l’introduzione di specie aliene ma molte navi riportano delle avarie a questi sistemi, permettendo il passaggio non solo di alghe e di invertebrati, ma anche di specie di grandi dimensioni come Chlorurus rhakoura (un’altra famiglia di pesce pappagallo, l’esemplare più grande ritrovato è grande circa 40 centimetri) o addirittura di interi branchi di pesci. I mari chiusi ne risentono di più e ora viene sfatata la tesi che non possano ospitare specie tropicali. Anzi, proliferando potrebbero entrare in conflitto alimentare con le specie autoctone, causandone anche l’estinzione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie