Mercoledì 24 Aprile 2019 | 20:03

NEWS DALLA SEZIONE

Tecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
L'operazione dei cc
Lecce, distruggono i vetri di 5 auto e di un’ambulanza: denunciati

Lecce, distruggono i vetri di 5 auto e di un’ambulanza: denunciati

 
Tap e Poseidon
Gasdotti in Salento: un risiko tra energia e geopolitica

Gasdotti in Salento: un risiko tra energia e geopolitica

 
L'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
Il martedì dei leccesi
A Lecce la Pasquetta continua con «Lu riu»: tra pic nic e musica

A Lecce la Pasquetta continua con «Lu riu»: tra pic nic e musica

 
La tragedia di Pasquetta
Melendugno, contro frontale muore una 25enne: grave una coppia

Melendugno, scontro frontale muore 25enne: grave una coppia

 
A Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
Tutela ambientale
Lecce, scatta il divieto di accensione dei fuochi e barbecue nei boschi

Lecce, scatta il divieto di accensione dei fuochi e barbecue nei boschi

 
Il caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
Inchiesta Favori & giustizia
Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

 
Nel Salento
Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

La visita

Patto Cnr-Eni sulla ricerca: il premier Conte arriva a Lecce

Le organizzazioni presenteranno una serie di richieste urgenti. Previste per l' emergenza xylella, 20 mln di fondi per 4 laboratori ricerca 

Il presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte

Il presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte

LECCE - E' stato firmato a Lecce, alla presenza del premier Giuseppe Conte, il piano di ricerca che Cnr ed Eni hanno stipulato in settori di studio fondamentali per lo sviluppo sostenibile del Paese. Oltre a Conte erano presenti il ministro per il Sud, Barbara Lezzi, e il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. Il piano di ricerca è stato firmato dal presidente del Cnr, Massimo Inguscio, e dall'amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi. Si tratta di una joint research agreement che prevede 22 milioni di investimenti per attivare quattro laboratori congiunti, tutti localizzati nel Mezzogiorno, e un connesso programma di alta formazione rivolto a giovani ricercatrici e ricercatori. Dopo la firma, Conte ha lasciato il campus Ecotekne, dove si è svolta la cerimonia. "Ho raccolto con entusiasmo questo invito - ha detto nel suo discorso il premier Conte - ad assistere oggi alla firma degli accordi tra Eni e Consiglio nazionale delle ricerche per la creazione di quattro laboratori, tutti localizzati nel Sud Italia, in Puglia, Basilicata, in Sicilia e in Campania, nei quali sarà avviato un programma di alta formazione rivolto ai ricercatori". "Investire nella ricerca - ha aggiunto - è fra le azioni più concrete e al contempo più preziose che si possano compiere". 


Oltre a Conte erano presenti il ministro per il Sud, Barbara Lezzi, e il governatore della Regione Puglia Michele Emiliano. Presente anche una delegazione di Confagricoltura, guidata dal presidente regionale Luca Lazzàro. Al premier Confagricoltura presenterà la piattaforma «che contiene gli interventi essenziali alla rinascita del Salento e della sua agricoltura, devastati dal flagello della Xylella».

LE PAROLE DEL PREMIER CONTE - «E' una giornata molto importante, sono fierissimo di essere qui a presiedere alla firma di queste intese tra Cnr ed Eni. Vengono istituiti quattro laboratori di alta ricerca per ricercatori che potranno evidentemente dare un grande contributo nel settore energetico, perché sia sostenibile e sempre più accessibile a tutti i cittadini. La cosa bella è che questi quattro laboratori si insedieranno tutti nel Sud Italia. E’ un segnale importante». Così il premier Giuseppe Conte a Lecce dove presenzia alla firma del piano di ricerca che Cnr ed Eni hanno stipulato in settori di studio fondamentali per lo sviluppo sostenibile del Paese. La joint research agreement prevede 20 milioni di investimenti per attivare quattro laboratori congiunti, tutti localizzati nel Mezzogiorno, e un connesso programma di alta formazione rivolto a giovani ricercatrici e ricercatori. «Questo governo - ha concluso Conte - continuerà adesso a battere sul pilastro della ricerca. Siamo in ritardo rispetto ad altri Paesi, dobbiamo colmare questo gap e investiremo sempre più». 

E sul governo aggiunge: «Io personalmente l’ho detto, non ho la prospettiva di lavorare per una nuova esperienza di governo. La mia esperienza di governo termina con questa. Quello che dobbiamo fare sino all’ultimo giorno in cui avremo questa responsabilità, è lavorare incessantemente, senza sosta, con la massima concentrazione per individuare e selezionare gli interessi degli italiani e perseguirli». Così il premier Giuseppe Conte ha risposto a Lecce a chi gli chiedeva se ci fosse una strategia per salvare il M5S dalla crisi.

LE PAROLE DELL' AD DI ENEL DESCALZI - «Questa ricerca è proprio nell’ambito delle strategie di Eni sulla parte rinnovabile e di economia circolare. L’Artico è fondamentale perché dà un campionamento di quello che può succedere come impatto ambientale, il ghiaccio che si scioglie libera CO2 e metano. Abbiamo tantissime attività artiche e campionamenti che potranno essere utilizzati dai laboratori Cnr. Gli investimenti che facciamo sono moltissimi. Investiremo nei prossimi quattro anni tre miliardi sulla parte di economia circolare e rinnovabili proprio in prospettiva futura». Lo ha detto a Lecce, l’Ad di Eni, Claudio Descalzi, prima della firma del piano di ricerca Cnr-Eni in settori di studio fondamentali per lo sviluppo sostenibile del Paese. La joint research agreement prevede 20 mln di investimenti per attivare quattro laboratori congiunti, tutti al Sud, e un connesso programma di alta formazione rivolto a giovani ricercatori. «Il Cnr - ha concluso - è la piattaforma più importante in termini di ricercatori, di diversificazione della ricerca, di impegno sulle rinnovabili».

«La CO2 si libera anche da un ghiaccio che si fonde, crea ulteriormente effetto serra e questo va ulteriormente a peggiorare la situazione. Quindi, è un fenomeno che deve essere studiato e monitorato per poterlo ridurre, ma la riduzione si avrà solo da un forte impegno di tutto il mondo a ridurre le emissioni». Così a Lecce l’Ad di Eni, Claudio Descalzi, rispondendo a una domanda sui progetti di ricerca sull'Artico in occasione della firma del piano di ricerca tra Eni e Cnr alla presenza del premier Conte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400