Domenica 21 Ottobre 2018 | 04:09

NEWS DALLA SEZIONE

A Taurisano (Le)
Palpeggia donna per strada, arrestato 33enne pakistano

Palpeggia donna per strada, arrestato 33enne pakistano

 
L'intervista
Sgarbi: «Salento affascinante, ma poca offerta culturale»

Sgarbi: «Salento affascinante, ma poca offerta cultural...

 
Lavori senza autorizzazione
Lecce, da paladina degli ulivi a regina degli abusi: indagata l'Oscar Helen Mirren

Lecce, da paladina degli ulivi a regina degli abusi: in...

 
La rivolta nel M5S
Tap, ultimatum ai parlamentari«Subito incontro o dimissioni»

Tap, ultimatum ai parlamentari «Subito incontro o dimis...

 
Il caso
Migranti, Calimera offre ospitalitàsindaco Riace. Lega: spot a illegalità

Migranti, Calimera offre ospitalità sindaco Riace. Lega...

 
UN detenuto
Lecce, esce per un permesso e torna in carcere con una dose a mo' di supposta

Lecce, esce per un permesso e torna in carcere con una ...

 
La sentenza
Mafia, Consiglio di Stato confermascioglimento comune di Parabita

Mafia, Consiglio di Stato conferma scioglimento Comune ...

 
A Cavallino (LE)
Salento, pitbull azzanna un altro cane e proprietaria che tenta di difenderlo

Salento, pitbull azzanna un altro cane e proprietaria c...

 
Il gasdotto
Tap, Potì: «Tavolo anche per Emiliano e Arpa» Ma per ministero Ambiente: «incontro informale»

Tap, Potì: «Tavolo anche per Emiliano e Arpa» Ma per mi...

 
Economia
La rivincita delle scarpe «made in Casarano»

La rivincita delle scarpe «made in Casarano»: i casi Do...

 
Igiene
Escrementi e cattivi odori: i disagi in via Zanardelli

Escrementi e cattivi odori: i disagi in via Zanardelli

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

il «no» del consiglio di stato

Lecce, troppo vicino agli abitati i giudici «bocciano» l’impianto di compostaggio

Soddisfatti i sindaci di San Donato Lizzanello e San Cesario, pronti ad impugnare eventuali «riproposizioni»

compost

LECCE - Il Consiglio di Stato boccia l’impianto di compostaggio accanto alla discarica perché troppo vicino ai centri abitati e i sindaci dei comuni limitrofi sono pronti alla battaglia se la Regione dovesse ripresentarlo nella mappa in fase di stesura.
La quarta sezione di Palazzo Spada ha respinto il ricorso presentato dal Comune di Cavallino contro la sentenza del Tar di Lecce dell’aprile 2016, quando venne fermato un progetto per il riammodernamento, la ristrutturazione, l’adeguamento e la gestione di un impianto di biostabilizzazione e discarica di servizio e soccorso.
Nel 2015 l’assemblea dei sindaci dell’Ambito territoriale ottimale eliminò un primo progetto e ne approvò uno nuovo del Comune che prevedeva lo scavo di un catino per una volumetria di 430mila metri cubi (quella attuale in esaurimento è di 328mila), la realizzazione di opere idrauliche di supporto (sistema di drenaggio e sollevamento percolati, fossi di guardia, sistema di trattamento acque pluviali e vasca di smaltimento acque pluviali), la realizzazione di opere di captazione del biogas, la realizzazione di viabilità di servizio, un impianto di compostaggio attraverso la costruzione di un’area destinata alle attività di pretrattamento, otto nuovi biotunnel e un capannone dedicato alla maturazione, raffinazione e stoccaggio del compost.
Ad opporsi il limitrofo municipio di San Donato, a cui diedero man forte quelli di San Cesario e Lizzanello.
Al Tar vinse San Donato e Cavallino decise di rivolgersi al Consiglio di Stato che però ora gli ha dato torto, ritenendo violate le prescrizioni in materia di distanze dai centri abitati contenute nel Prgru (il piano regionale di gestione dei rifiuti urbani). L’impianto di compostaggio in progetto dista 400 metri dalla zona commerciale di Cavallino e circa 1000 dal centro abitato di San Donato, la discarica 750 metri dal centro abitato di San Cesario, 1200 da Cavallino e 1500 da San Donato. Il Prgru invece, prevede come fattori escludenti una distanza inferiore a 2000 metri dai centri abitati, inferiore a 300 da case sparse e inferiore a 2500 da luoghi sensibili.
«Le opere di progetto - hanno scritto i giudici - avrebbero dovuto essere realizzate in un’area contigua all’attuale discarica di servizio-soccorso in post gestione, al di fuori del perimetro delle aree dell’impianto in precedenza autorizzate. Il Prgru non impediva la ristrutturazione e l’ammodernamento degli impianti esistenti o la conversione degli stessi in impianti di compostaggio, ma prescriveva solo limiti alla localizzazione per gli interventi di modifica di impianti esistenti che comportassero variazioni catastali e in tale categoria andava ricompreso quello in progetto».
Esultano i sindaci contrari all’impianto.
«È stata una vittoria della politica che si è opposta all’accorpamento di più impianti di rifiuti nello stesso luogo, condivisa con i cittadini – hanno commentato all’unisono i primi cittadini di Lizzanello e San Donato, Fulvio Pedone e Alessandro Quarta – ora la Regione dovrà tenerne contro in sede di organizzazione del ciclo rifiuti». L’attenzione resta dunque alta. «Le nostre comunità hanno già pagato troppo – ha aggiunto il sindaco di San Cesario Fernando Coppola – vedremo che intenzioni ha la Regione su Cavallino e se ci saranno i presupposti siamo pronti a un altro ricorso al Tar». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400