Domenica 20 Gennaio 2019 | 15:44

NEWS DALLA SEZIONE

Truffa nel Leccese
Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

 
Ambiente
Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

 
In Salento
Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

 
A Castrignano del Capo
Beve in un bar detersivo al posto dell'acqua: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

Chiede acqua in un bar e gli servono brillantante: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

 
Vandali al Vanoni
Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

 
Padre, madre e 2 figli
Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

 
Nel Leccese
Strattona nonna 95enne per avere soldi per la droga: un arresto a Casarano

Strattona nonna 95enne per avere soldi per la droga: un arresto a Casarano

 
A Torre San Giovanni
Tenta rapina in farmacia con rasoio e scappa, arrestato 31enne salentino

Tenta rapina in farmacia con rasoio e scappa, arrestato 31enne salentino

 
Il movimento nel Salento
Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

 
Nel Leccese
Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

 
Il festival
Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

 

Lecce

Liste d’attesa, le mosse della Asl per abbatterle

Narracci: «Un nuovo sistema delle agende e medici tutor»

Liste d’attesa, le mosse della Asl per abbatterle

LECCE - «La Asl è al lavoro per ridurre i tempi di attesa per le visite specialistiche affiancando i tutor e rivedendo il sistema delle agende».

Dopo il caso dell’anziano di Lequile a cui era stata prenotata una risonanza magnetica a oltre un anno di distanza, seguita dalla prese di posizione di Funzione pubblica Cgil e Federconsumatori, è il direttore generale dell’Azienda sanitaria locale, Ottavo Narracci, a intervenire in prima persona, sia per attenuare il senso di sfiducia che potrebbe generarsi tra i pazienti nei confronti di chi quotidianamente opera per assicurare i servizi, sia per illustrare le azioni già avviate e tese al repentino miglioramento della situazione.

«Nel caso specifico segnalato - puntualizza Narracci - si è trattato di un’impegnativa che non aveva priorità, tantomeno recava il requisito diagnostico. Un caso singolo, unito a dati diffusi senza una reale conoscenza della situazione - osserva - rischia di ingenerare un allarmismo ingiustificato tra gli utenti».

Il direttore si addentra poi nel sistema delle prenotazioni, spiegando quali procedure vengono seguite secondo i modelli standard.

«Premesse tutte le difficoltà organizzative verso cui sappiamo di dover fare passi avanti - prosegue Narracci - bisogna attenersi a un codice di prenotazione diviso in quattro categorie: la U riservata alle urgenze con un tempo limite di prenotazione che arriva a tre giorni, la B che riguarda l’attesa breve con un tempo stimato entro i dieci giorni, la D per le prestazioni differibili e per le quali l’intesa Stato-Regioni ha garantito un’attesa di massimo 30 giorni per le visite e di 60 per le prestazioni strumentali, infine la P, vale a dire una categoria per le visite programmabili in cui vanno automaticamente a finire le impegnative che non hanno una codifica. In quest’ultima rientrano anche i controlli ai pazienti successivi alla visita specialistica già effettuata e questi dati poi non rientrano nella valutazione dei tempi di attesa. Affinché le prenotazioni possano corrispondere ai giusti codici - rimarca - ci deve essere una necessità clinica che le giustifichi. Per questo abbiamo avviato un confronto con i medici «prescrittori», al fine di vedere se c’è la reale corrispondenza tra i codici applicati e le reali esigenze».

Poi l’impegno dell’Azienda per l’abbattimento dei tempi di attesa con l’attivazione dei tutor e la rivisitazione delle agende.

«Siamo di fronte a una questione etica del sistema perché ne soffrono i pazienti più fragili - è la riflessione del direttore generale - negli ultimi anni il sistema ha trovato delle capacità adattative per ridurre i tempi ma avviene solo se il paziente va a controllare giornalmente se si libera un posto oppure se c’è un professionista libero. Il nostro obiettivo a questo punto è la presa in carico della prestazione e se il centro unico non ha la disponibilità immediata lavorerà la pratica attraverso i “cup tutor” che con il sistema della filiera corta interloquiranno con gli specialisti del distretto o dell’ospedale, trovando la possibilità legittima di garantire la prestazione entro i tempi previsti. Il sistema - ricorda Narracci - è già partito in sordina qualche settimana fa. Accanto a questo faremo una pulizia delle agende - annuncia - eliminando quelle che non garantiranno almeno 100 prestazioni all’anno. In questo momento i contratti con i privati stanno andando a rilento per una modifica regionale delle griglie e la mancata sottoscrizione non rende vivibile il sistema delle agende private. Il cittadino - conclude con una promessa - deve avere le prestazioni nei tempi giusti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400