Martedì 02 Marzo 2021 | 02:54

 

Tutto sul Bari calcio

il Biancorosso Facebook
 

Il post-partita

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

foto Luca Turi

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

«Ci sono pressioni e ci sta. Bene in alcuni momenti ma la manovra non è stata sempre fluida come vorrei»

Quasi quasi sembrava più contento della striminzita vittoria di Bisceglie rispetto al poker contro il Francavilla, Gaetano Auteri. Non è un paradosso, ma il tecnico biancorosso ha davvero posto l’accento su quanto il suo Bari debba ancora crescere, migliorare, scrollarsi di dosso ogni timore. Ad ogni modo, i biancorossi sono emersi con una vittoria squillante da una settimana scandita da qualche momento di tensione, esploso in particolare con lo striscione esposto da un gruppo di tifosi proprio contro il tecnico siciliano.
«Non sono stati giorni difficili, c’è ben altro nella vita. Non dimentichiamo che in fondo gli stadi sono chiusi, i contatti sono impossibili. E resta un peccato perché avremmo tanto bisogno del nostro pubblico», stigmatizza Auteri. «Abbiamo disputato una partita diversa rispetto a quelle contro Turris e Vibonese: stavolta non abbiamo sciupato nulla. Il Francavilla possiede un valore diverso rispetto alla sua classifica: è una squadra organizzata e di qualità che paga soltanto un avvio difficoltoso. Sono venuti al San Nicola accettando il confronto ed è scaturito un match più aperto che abbiamo sbloccato dopo una buona pressione, salvo poi rimetterlo in equilibrio per una serie di errori evitabili. Nel complesso, però, siamo stati padroni della situazione per tutto il tempo. Deve, però, svanire la tensione. Questa preoccupazione deriva dal comportamento degli avversari o da quanto accade alle nostre rivali. Ma non bisogna guardare gli altri, io lo faccio già da tempo».
Il tecnico scinde ciò che gli è piaciuto da quanto va limato. «Vorrei che migliorassimo alcune cose sull’atteggiamento mentale: dobbiamo essere più liberi. Ma su altri aspetti sono soddisfatto: siamo stati molto alti ed aggressivi. Tuttavia, la pressione di squadra si può attuare contro un avversario che ama giocare palla a terra come il Francavilla. Ma se il pallone è sempre in aria, potremmo fare pressione soltanto con i fucili e non si possono portare in campo. Il campionato ora entra nel vivo: ogni punto è importante, tutti cercano di realizzare i loro obiettivi, ci potrà capitare di incontrare compagini chiuse e dovremo essere bravi a stanarle. È difficile azzardare previsioni su quanto potrà accadere. Di certo, non ci mancano qualità e caratteristiche giuste per fare bene. Ho a disposizione un organico ampio che mi consente di scegliere sempre i più meritevoli». Dall’esordio di Rolando, al cambio di rigorista, dalla situazione di Maita a quella di Montalto, ecco come Auteri argomenta sui singoli protagonisti. «Rolando - spiega il coach di Floridia - ha giocato spesso in carriera in questo ruolo e con questo sistema tattico: sa interpretare la posizione a destra e a sinistra. I rigoristi sono Antenucci e Marras: gestiscono loro la scelta su chi calcia. Maita è reduce dal coronavirus che è una brutta malattia: ha lavorato tre giorni con noi e al quarto si è fermato a causa di dolori alla testa e allo stomaco. I suoi dati erano negativi negli allenamenti che ha svolto durante la pausa natalizia: non so quando potremo contare pienamente su di lui. Ma a centrocampo, pur con doti differenti, sono tutti sullo stesso livello. Montalto è un po’ disturbato da alcune voci di mercato: perciò non ha giocato. Ribadisco che a me il gruppo va benissimo così: chi è andato via l’ha fatto per scelte personali che non sono sempre di natura tecnica, ma anche contrattuali. Una cosa, però, è certa: dei ragazzi che sono qui non abbandono nessuno. Perché tutti hanno dedizione totale alla causa». Bruno Trocini, dal canto suo, accetta la sconfitta, pur non digerendo l’episodio del rigore concesso al Bari. «La vittoria dei biancorossi è meritata, non cerco alibi», afferma l’allenatore del Francavilla. «Dispiace solo che siamo andati al riposo in svantaggio dopo aver recuperato un gol e affrontato il match alla pari. Sul penalty, Marras ha cambiato la traiettoria di corsa ed è entrato in contatto con Di Cosmo: la massima punizione è generosa. Ma mi dispiace di più tornare a casa con un passivo così pesante. Per la prestazione mostrata, quattro gol sul groppone sono eccessivi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DAL BIANCOROSSO

Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, il Bari in 10 batte il Foggia 1-0:...

 
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato ferma...

 
Bari-Foggia, il gran derby di sabato è anche questione di gol

Bari-Foggia, il gran derby di sabato è anche questione ...

 
Il metodo Carrera: elasticità e furore per far decollare il Bari

Il metodo Carrera: elasticità e furore per far decollar...

 
Catania-Bari, pareggio da brivido: Frattali salva il match parando un rigore al 93'

Catania-Bari, pareggio da brivido: Frattali salva il ma...

 
Catania-Bari di domani vale più di un secondo posto

Catania-Bari, il doppio ex Spinesi: vale più di un seco...

 
Bari calcio, scoppia la Cianci-mania dopo il gol d'esordio del bomber: il video del tripudio diventa virale

Bari calcio, scoppia la Cianci-mania dopo il gol d'esor...

 
Bari-Monopoli 1-0: al San Nicola esordio vittorioso per mister Carrera

Bari-Monopoli 1-0: al San Nicola esordio vittorioso per...