Giovedì 13 Maggio 2021 | 23:24

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Sdegno a Foggia, rubano tandem dell’Unione Ciechi e Ipovedenti: «Così ci tolgono la libertà»

Sdegno a Foggia, rubano tandem dell’Unione Ciechi e Ipovedenti: «Così ci tolgono la libertà»

 
Occupazione
Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

 
Emergenza migranti
Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo 13 migranti

Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo di 13 migranti

 
Lotta al virus
Vaccinazioni in Puglia: utilizzato il 91% delle dosi ricevute

Vaccinazioni in Puglia: utilizzato il 91% delle dosi ricevute

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 8.085 nuovi casi e 201 morti nelle ultime 24 ore

Covid in Italia, 8.085 nuovi casi e 201 morti nelle ultime 24 ore

 
Sicurezza stradale
Foggia, tre incidenti stradali nel pomeriggio

Foggia, tre incidenti stradali nel pomeriggio

 
Il caso
Bari, detenzione di arsenale da guerra: nuovo arresto per ex gip De Benedictis

Bari, detenzione di arsenale da guerra: nuovo arresto per ex gip De Benedictis. Sparò col mitra dal balcone di casa

 
La competizione
Bari, il velista Giuseppe D’Amato terzo all'Interzonale Sud di e-sailing «Mille per una vela»

Bari, il velista Giuseppe D’Amato terzo all'Interzonale Sud di e-sailing «Mille per una vela»

 
Lutto
Bari, addio a Lillino D'Erasmo storico dirigente Msi-An

Bari, addio a Lillino D'Erasmo storico dirigente Msi-An

 
Ambiente
Depuratore di Porto Cesareo, per ora nessuno scarico in battigia

Depuratore di Porto Cesareo, per ora nessuno scarico in battigia

 
Il caso
Fuga di notizie su tangenti, due avvocati di Bari rischiano processo

Fuga di notizie su tangenti, due avvocati di Bari rischiano processo

 

Il Biancorosso

Verso il derby
Bari, si punta a ritrovare tra i disponibili il difensore esterno Celiento

Bari, si punta a ritrovare tra i disponibili il difensore esterno Celiento

 

NEWS DALLE PROVINCE

Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini in Puglia, trasferite a Bari dalla Sicilia 50mila dosi AstraZeneca

Vaccini in Puglia, trasferite a Bari dalla Sicilia 50mila dosi AstraZeneca

 
FoggiaIl caso
Sdegno a Foggia, rubano tandem dell’Unione Ciechi e Ipovedenti: «Così ci tolgono la libertà»

Sdegno a Foggia, rubano tandem dell’Unione Ciechi e Ipovedenti: «Così ci tolgono la libertà»

 
PotenzaOccupazione
Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

 
HomeEmergenza migranti
Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo 13 migranti

Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo di 13 migranti

 
BatLa curiosità
Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

 
MateraLa novità
Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

 
TarantoSicurezza sul lavoro
Taranto, fuga di gas questa mattina nell’area Altiforni dell'ex Ilva

Taranto, fuga di gas questa mattina nell’area Altiforni dell'ex Ilva

 
BrindisiCarabinieri
Francavilla, le molestie corrono sul filo del telefono

Francavilla, le molestie corrono sul filo del telefono

 

i più letti

Ma il Ministero va avanti

Raddoppio Bologna-Bari, Commissione «Via» boccia la Termoli-Ripalta: danneggia gli uccelli

I 32 chilometri che separano il Nord dal Sud ferroviario: l'opera attesa da decenni dopo dopo il tempo perso per il «ricatto» del Molise

Termoli-Lesina, la Puglia striglia la Regione Molise

Gli uccelli lasciano l'Italia divisa in due sui binari: la commissione Via-Vas del Ministero dell'Ambiente ha dato parere negativo alla compatibilità ambientale al progetto Rfi sul raddoppio della linea Adratica Bologna-Bari, in particolare il secondo e terzo lotto del tratto Termoli-Ripalta. Ma il Ministero va avanti e dichiara comunque chiuso il procedimento approvando il progetto definitivo.

Per intenderci, si tratta quell'opera che dovrebbe portare anche al Sud i treni veloci. La Termoli-Lesina, prevista nella Legge Obiettivo del 2001 varata dal Governo Berlusconi nel 2001, dovrebbe porre fine a quel collo di bottiglia causato dall'unico binario - inaugurato da Vittorio Emanuele III nel 1863 - che divide il Molise e la Puglia e dal Nord Italia.

Il completamento del raddoppio della tratta Bologna-Bari è stato per anni osteggiato dal «ricatto» politico del Molise, in particolare per la posizione del Comune di Campomarino, che ha comportato la revisione del tracciato per allontanarlo dal mare con il risultato di far lievitare i costi (circa mezzo miliardo di euro).

Le osservazioni dei super esperti del Ministero, riguardano, tra gli altri, il pericolo che i rumori del cantiere potrebbe arrecare all'avifauna con particolare riferimento ad alcune categorie di uccelli. Di qui la necessità di procedere «nella Valutazione "appropriata” e nella definizione di opere di compensazione quali la rinaturalizzazione di nuove aree o il management degli habitat, interventi da strutturare tenendo in considerazione l'impatto generale dell'opera nel suo complesso, interventi che potrebbero in parte contenere gli impatti sull'Avifauna».

Appunti che, insieme ad altri ritenuti comunque superabili sia pure con tempistiche abbastanza accelerate, rischiano comunque di rallentare un'opera ritenuta strategica per unire le due Italie. Tutto ciò mentre il ministro dei Trasporti, Paola De Micheli, annuncia il Piano #Italiaveloce da 200 miliardi di investimenti.

Il 23 aprile scorso, sempre la Commissione tecnica di verifica dell’Impatto Ambientale Via e Vas, sullo stesso progetto definitivo si era espresso in termine di «sostanziale coerenza» con il precedente Progetto preliminare approvato con la Delibera Cipe n. 2/2015».

I 32 chilometri tra Termoli e Lesina sono l’ultimo tratto a singolo binario della linea Adriatica, quella che collega la Puglia a Milano, e rappresentano la principale strozzatura ferroviaria del Mezzogiorno: la velocità dei 200 km l’ora si ferma alle porte del Molise, poi si scende a 140 con enormi perdite di tempo per l’incrocio tra i treni che provengono da direzioni opposte.
Il primo lotto dell'opera, i 7 chilometri da Lesina a Ripalta (costo 100 milioni), è stato appaltato ma i lavori sono bloccati da un ricorso al Tar.

Il rischio è che, alla vigilia della fase esecutiva dell'opera, si possa registrare un battuta di arresto anche se, come già, con atto del 18 giugno scorso il Ministero ha preso atto delle risultanze dei lavori e ha dichiarato chiuso il procedimento con un decreto direttoriale. E ha rimandato il completamento dell’osservanza delle prescrizioni ritenute non ottemperate alla fase di progettazione esecutiva

Nel 2013 la Gazzetta ha promosso una battaglia "Vogliamo i treni veloci al Sud" coinvolgendo i governatori di Puglia, Basilicata, Molise, Abruzzo e Firuli e ottenendo rassicurazioni da diversi ministri. La battaglia non si è mai fermata e recentemente viene portata avanti anche dall'associazione «l'Isola che non c'è».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ASTERISCHIO

    06 Luglio 2020 - 16:11

    Sembra lo facciano di proposito a farsi ridere dietro.....una delle poche opere utili all'Italia ferma per la avifauna!!!!!!!!! Allora tav, tap, ilva, eni, enel, snam, aerei, autostrade ecc......si potevano bloccare per questo motivo....mannaggia a saperlo prima....

    Rispondi

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie