Domenica 09 Agosto 2020 | 22:46

NEWS DALLA SEZIONE

L'appuntamento
Il premier Conte a Ceglie Messapica scende in «Piazza»

Il premier Conte a Ceglie Messapica scende in «Piazza»

 
Dopo 3 anni
Strage san Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti della criminalità

Strage San Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti
Emiliano: «La Puglia non dimentica»

 
L'aggiornamneto nazionale
Coronavirus in Italia, cresce curva contagi (+463), in calo i decessi (

Coronavirus in Italia, cresce curva contagi (+463), calo dei decessi (+2)

 
Occupazione
Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

 
il bollettino
Coronavirus Puglia

Coronavirus, in Puglia 9 nuovi casi su 1368 tamponi

 
nel basso salento
Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

 
L'intervista
«Il taglio dei parlamentari non regge senza le riforme»

«Il taglio dei parlamentari non regge senza le riforme»: la parola a Luciano Violante

 
politica pugliese
«Che errore la linea da duri e puri pronto al dialogo con Emiliano»

Lattanzio lascia il M5S: «Che errore la linea da duri e puri, pronto al dialogo con Emiliano»

 
Elezioni
«Non voterò per Emiliano lui vuole solo yes-man»

Puglia, Liviano non si ricandida: «Non voterò per Emiliano, lui vuole solo yes-man»

 
L'inchiesta
Taranto, lesioni colpose,. Indagati 10 medici

Taranto, perde una gamba dopo il ricovero: indagati 10 medici per lesioni colpose

 
L'intervista
«Bene Corvino, ora porti nel Salento una punta con la fame di La Mantia»

«Bene Corvino, ora porti nel Salento una punta con la fame di La Mantia»

 

Il Biancorosso

serie c
Troppi over, il Bari col bisturi  taglio chirurgico a ogni arrivo

Troppi over: il Bari col bisturi, taglio chirurgico a ogni arrivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaDopo 3 anni
Strage san Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti della criminalità

Strage San Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti
Emiliano: «La Puglia non dimentica»

 
TarantoOccupazione
Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

 
Leccenel basso salento
Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

 
MateraIl caso
Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

 
PotenzaIl caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
Batverso il voto
Barletta, manifesti abusivi. È già polemica

Barletta, manifesti abusivi in spazi non ancora assegnati: è già polemica

 
Brindisil'appuntamento
Ceglie Messapica, domani sera il premier Conte ospite de «La Piazza»

Ceglie Messapica, il premier Conte ospite de «La Piazza»

 

i più letti

pericolo contagio

Coronavirus, Bari muore 85enne in casa di riposo: altri 9 contagiati. Rischio focolaio

I positivi sono 7 anziani, tra i quali anche un centenario, il direttore e il medico della struttura. Molti in quarantena, manca personale pulizia e mense 

Bari, anziano positivo in casa di riposo: 100 tamponi a ospiti

BARI - Un uomo di 85 anni è morto e altre 9 persone sono risultate positive al coronavirus all’interno del centro per anziani Don Guanella di Bari, che attualmente ospita 86 persone. I tamponi, non somministrati a tutti ma soltanto a chi presenta sintomi, sono stati effettuati dopo il primo caso positivo, quello dell’85enne che era stato ricoverato in ospedale una settimana fa perchè risultato positivo e che poi è deceduto.

Le persone risultate positive sono 7 anziani, tra i quali anche un centenario, il direttore e il medico della struttura. Tutti i contagiati, che non presentano al momento sintomi respiratori mentre solo alcuni hanno qualche linea di febbre, sono stati messi in isolamento in un’area dell’istituto, separati dagli altri ospiti.

EMERGENZA ASSISTENZA - C'è una emergenza assistenziale che si aggiunge a quella sanitaria all’interno del centro per anziani Don Guanella di Bari, dove dieci persone, otto ospiti uno dei quali deceduto, il direttore e il medico della struttura, sono risultati positivi al coronavirus. Dopo i tamponi che hanno rivelato il focolaio nel centro, molti dei 50 dipendenti, tra addetti alle pulizia e ai pasti e operatori socio sanitari, si sono messi in autoquarantena domiciliare non andando più in struttura a lavorare. Questo sta creando notevoli difficoltà nella gestione degli 86 anziani ospiti, i sette in isolamento e gli altri 79, alcuni dei quali ultranovantenni non autosufficienti, con alzheimer e altre patologie. «Stiamo cercando nuovo personale per l’assistenza ai nostri anziani, - dice dalla sua quarantena all’interno del centro il direttore, don Santino - perché molti dipendenti sono a casa in quarantena»

LA DENUNCIA ASSOAP -  «Senza personale e dispositivi di protezione personale, quello che stanno affrontando i gestori e gli operatori sociali delle strutture residenziali di assistenza, Rsa e case di riposo, è un «dramma, nel dramma generale». A dirlo è Fabio Margilio, presidente di AssoAp (Associazione strutture socio assistenziali pugliesi), il quale sottolinea che «queste strutture, già per definizione, sono rivolte alle persone più fragili e maggiormente soggette ad alto rischio di mortalità a seguito di contagio con il Covid-19». In una lettera indirizzata al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, Margilio ricorda «la drammatica situazione che stanno già vivendo le Rsa delle regioni italiane più colpite dal virus, comunità devastate da un tasso di mortalità degli ospiti del 30-40%» e «per la Puglia, purtroppo, non sarà diverso, - dice - abbiamo già casi in Rsa delle province di Foggia, di Bari e di Lecce». Nella missiva, il presidente di AssoAp evidenzia, inoltre, che «le centinaia di assunzioni di infermieri e Oss da parte degli ospedali pubblici, concentrate nell’ultima settimana, in qualche caso hanno sottratto la quasi totalità del personale impegnato nelle nostre comunità, costringendo il personale rimasto a turni massacranti per garantire un minimo di assistenza agli ospiti. Tale circostanza è aggravata da un’altra causa che ha determinato carenza di personale: tutte le strutture hanno personale assente momentaneamente (per almeno 14 giorni) per quarantene obbligatorie o cautelative». Margilio fa presente, ancora, che «non abbiamo dispositivi di protezione individuali. Sono settimane che risultano introvabili, le nostre scorte sono finite, li abbiamo richiesti alle farmacie ospedaliere, alla Protezione civile, senza risultato» e chiede "cosa dobbiamo fare presidente, fabbricarli da noi? A chi ci dobbiamo rivolgere?».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie