Giovedì 23 Maggio 2019 | 19:21

NEWS DALLA SEZIONE

La polemica
Soldi Regione Puglia per ficton su strage Duisburg. Santelli, Antimafia: «È oscena»

Soldi Regione Puglia per fiction su strage 'ndrangheta a Duisburg. Santelli (Antimafia): «Osceno»

 
Studio Cattolica
Comuni efficienti, l'Osservatorio di Cottarelli boccia tutti i capoluoghi pugliesi

Comuni efficienti e servizi, l'Osservatorio di Cottarelli boccia i capoluoghi pugliesi

 
Coinvolti 2mila lavoratori
Caporalato: sfruttavano braccianti a 2,5 euro l'ora tra Bari e Andria, in 8 patteggiano

Caporalato, braccianti a 2,5 euro l'ora tra Bari e Andria: in 8 patteggiano

 
Playout
Foggia calcio, il Tar Lazio sospende tutto: tifosi tornano a sperare

Foggia calcio, il Tar Lazio sospende tutto: tifosi tornano a sperare

 
Con Mayo Clinic
Tumori fegato: ospedale Castellana avvia partnership in Usa

Tumori fegato: ospedale Castellana avvia partnership in Usa

 
Trasporti
Ferrovie Sud-Est, al Salento l'«usato sicuro» dei treni polacchi

Ferrovie Sud-Est, al Salento l'«usato sicuro» dei treni polacchi

 
Calciomercato
Lecce: cercasi portiere esperto di Serie A

Lecce: cercasi portiere esperto di Serie A

 
L'intervista
Corsa alle Europee, Fitto: «Solo noi possiamo cambiare l'Ue»

Corsa alle Europee, Fitto: «Solo noi possiamo cambiare l'Ue»

 
Nel brindisino
Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

 
Di Monopoli
Ingegneria, a Bari laurea honoris causa all'imprenditore Vito Pertosa

Ingegneria, a Bari laurea honoris causa all'imprenditore Vito Pertosa

 
Rendiconto
Regione Puglia: debiti in calo, nelle casse 1,5 miliardi

Regione Puglia: debiti in calo, nelle casse 1,5 miliardi

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 
PotenzaStatale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 
BatLa sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
HomeCon Mayo Clinic
Tumori fegato: ospedale Castellana avvia partnership in Usa

Tumori fegato: ospedale Castellana avvia partnership in Usa

 
BrindisiNel brindisino
Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

 
Tarantonel tarantino
Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

 
LecceSenza lavoro
Povertà: a Lecce aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

Povertà: aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

 
FoggiaLo studio
Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

 

i più letti

Solidarietà

Pasqua in Mozambico, la storia di 3 volontari pugliesi in Africa

Il trio racconta l’impegno nel paese africano dopo il ciclone di marzo

Pasqua in Mozambico, la storia di 3 volontari pugliesi in Africa

BARI - Una Pasqua differente, in nome della solidarietà, lontani da casa ma con la ferma volontà di vivere il sociale lasciando segni concreti. Sono stati tre ragazzi pugliesi a costituire la nuova «Unità di risposta di emergenza» che la Croce Rossa italiana ha inviato in Mozambico per rendere possibile la seconda fase dell’aiuto umanitario alle popolazioni. Il paese africano, infatti, il 14 e 15 marzo, è stato colpito dal più violento ciclone che abbia mai investito l’Africa sud orientale, provocando più di mille morti e devastando e allagando 3mila chilometri quadrati di territorio. Come se non bastasse, proprio in seguito alle inondazioni è esplosa una epidemia di colera.

È in questo contesto che sono stati attivati i volontari Lia Romano, 35 anni, ingegnere esperto di alluvioni, di Bari, Alessandra Biccari, infermiera trentenne e Luciano D’Anzeo, studente ventunenne, entrambi volontari del comitato di San Severo, nel Foggiano. In realtà, come in ogni grande storia, c’è anche il quarto uomo, Riccardo di Caro, toscano trapiantato in Piemonte, un esperto logista che però, assicura la squadra pugliese, «viene sottoposto dal primo giorno ad un “corso intensivo” di civiltà pugliese e tornerà a casa più pugliese di noi». Hanno passato le festività pasquali a Beira, lontani dai loro cari, assieme ad altri cento «operativi» della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa internazionale, delle Nazioni Unite, con medici venuti da tutto il mondo per assistere i quasi due milioni di persone colpite, decisi a fermare le epidemie.

Il team italiano ha un ruolo fondamentale perché gestisce tutta la logistica e i servizi del cosiddetto Campo base, punto di riferimento centrale di tutte le attività del vasto contingente della Croce Rossa. La squadra precedente, sempre italiana, andata via dopo un mese di lavoro, ha gettato le basi per la realizzazione delle strutture su cui si reggerà la nuova fase, partita con una campagna di vaccinazione di massa che, dopo più di cinquemila casi accertati, ha già bloccato l’epidemia di colera.

Cosa porteranno in Puglia questi ragazzi dopo una esperienza così impegnativa? «Noi abbiamo fatto una scelta, che i nostri amici e famigliari capiscono e sostengono – spiega Alessandra Biccari – che è quella di mettersi al servizio degli altri. Come volontari di Croce Rossa, non lo facciamo solo lontano da casa o quando ci sono degli eventi così disastrosi. In realtà lo facciamo tutti i giorni, nella nostra comunità e nelle nostre città. Non c’è bisogno di andare lontano per trovare persone che hanno bisogno di aiuto, di ogni tipo di aiuto. E, anzi, in realtà a un certo punto della vita può capitare a tutti. Molti dicono “meglio a loro che a me”, ma io non mi sento bene se penso che qualcuno soffre e non faccio nulla per alleviare le sue sofferenze. È anche per questo che ho scelto di fare l’infermiera».

«Non è questione di guardarsi allo specchio e sentirsi più buoni degli altri - assicura Luciano D’Anzeo - o anche semplicemente sentirsi a posto con se stessi. È qualcosa di più». «Una volta che sei entrato in Croce Rossa - aggiunge - appartieni a qualcosa che ha una grande storia e che ha cambiato il mondo. Penso che concepire l’idea che, finita la battaglia, tutti i feriti, di qualsiasi esercito, devono essere soccorsi e curati anziché finiti, ha aperto gli occhi sull’umanità delle persone. In troppi fanno retorica, ideologia e filosofia, per noi dire che siamo tutti fratelli non è uno slogan, ma una realtà che viviamo tutti i giorni, senza vanto e senza clamore». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400