Lunedì 19 Agosto 2019 | 02:36

NEWS DALLA SEZIONE

Ospite di Jacopo Pesce
La cantante Elodie è a Molfetta: la rivelazione sui social

La cantante Elodie è a Molfetta: la rivelazione sui social

 
Vip in Puglia
Jane Alexander innamorata di Monopoli: «È bella da matti»

Jane Alexander innamorata di Monopoli: «È bella da matti»

 
Cronache rosa
La bitontina Bianca Guaccero sbarca su Rai 1 con Ruggeri

La bitontina Bianca Guaccero sbarca su Rai 1 con Ruggeri

 
Cronaca rosa
I resort della Puglia aspettano i vip, da Naomi Watts a Catherine Zeta-Jones

I resort della Puglia aspettano i vip, da Naomi Watts a Catherine Zeta-Jones

 
Cronaca rosa
Al Bano: «Canterò a Tokyo per Putin»

Al Bano: «Canterò a Tokyo per Putin»

 

Il Biancorosso

Coppa Italia
Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

LecceVandalismo
Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

 
HomeGuardia costiera
Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli

Polignano, stop bagni a Lama Monachile: pericolo nuovi crolli. L'Ordinanza

 
FoggiaLa polemica
Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

Lega, scoppia il bubbone a Foggia: espulsioni e «sassolini». Arriva il nuovo segretario

 
BrindisiIl caso
Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

 
HomeIncidenti stradali
Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

Puglia, domenica di sangue sulle strade: 4 morti a Laterza, Trinitapoli e Veglie

 
GdM.TVIl ritrovamento
Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

 
PotenzaIl caso
Castelmezzano, Rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

Castelmezzano, rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

 
BatL'iniziativa il 22 agosto
Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

 

i più letti

Gossip

Nozze pugliesi in vista per Federica Panicucci: il sì in estate a Monopoli

La conduttrice dello show di fine anno a Bari ha scelto la Puglia per convolare a giuste nozze con il fidanzato imprenditore Marco Bacini

Nozze pugliesi in vista per Federica Panicucci: il sì in estate a Monopoli

BARI - Dai Caraibi al Salento, dalle Bahamas alla Città bianca passando per Sankt Moritz, il 2019 si è aperto sotto il segno dei nuovi amori. Afef Jnifen, 55 anni beatamente compiuti il 3 novembre scorso, ha ufficializzato la nuova love story con il ricchissimo avvocato milanese Claudio Dal Boni nel Capodanno alle Bahamas puntualmente narrato nelle sue storie di instagram mentre Claudia Gerini è appena tornata da una crociera ai Caraibi con il principe Fabio Borghese suo novello compagno e provetto fotografo (anche in questo caso le foto dell'attrice in bikini sono sui social). Tania Missoni ha brindato a Sankt Moritz con il suo amore storico Mirco Gasparotto a pochi passi dalla coppia formata da Gerò Carraro, ex di Simona Ventura, e Laura Moretti, erede della griffe omonima che domina nel guardaroba delle «madamine» meneghine, a partire da Chiara Bazoli «coniugata» de facto con il fascinoso sindaco Beppe Sala. A Bari si sono scambiati una sontuosa promessa Federica Panicucci conduttrice di Mattino 5 e del Capodanno in diretta dalla piazza pugliese su Canale 5 ed il fidanzato imprenditore Marco Bacini che sono volati a Parigi 48 ore più tardi per scambiarsi un romantico bacio sotto la Torre Eiffel.
Secondo i bene informati, Federica e Marco avrebbero deciso di sposarsi nella prossima estate proprio a Bari mettendo in agenda una tappa del viaggio di nozze in un lussuoso relais di Monopoli (forse La Peschiera di Andrea Sabato, ottimo manager della catena che gestisce anche il Melograno). Alla vigilia della Befana che, come da tradizione, porta via tutte le feste, eccovi tutti i gossip del san Silvestro sull'asse Roma-Puglia. Preparatevi: già da lunedi prossimo il salotto della capitale si rimette in moto promettendo dal 10 gennaio in poi feste, cocktail e cenette vip.

Mister Moncler & gli amori di Simona
Gerò Carraro erede di Nicola, editore e marito di Mara Venier è stato uno dei più paparazzati nel Capodanno di Sankt Moritz dove si è fatto notare, più innamorato che mai, teneramente allacciato alla sua Laura. L'ex di Simona Ventura sembra pronto al sì con la freschissima Laura; Simona, invece, dopo il Capodanno a Sharm con i figli l'ex marito Stefano Bettarini e la nuova compagna di lui Nicoletta Larini, pare «cotta» del giornalista Giovanni Terzi già fidanzato storico di Dalila Di Lazzaro nonché ospite fisso di Storie italiane della bella Eleonora Daniele su Rai 1. Sarà amore o solo un flirt? A Sankt Moritz, il veglione più «in» è stato comunque quello del patron di Moncler Remo Ruffini che si è aggiudicato - complice l'annullamento della cena a Cortina di Matteo Marzotto- la palma del san Silvestro piu trend topic del jet set internazionale. Sul tavolo del buffet tra piatti pregiati erano serviti anche bijoux scintillanti che le signore potevano indossare, ma solo per la serata. Ruffini, presidente e stratega del marchio Moncler, chiude l’anno con profitti dorati. Dopo aver salvato lo storico marchio di piume dalla bancarotta archivia infatti il bilancio 2018 con un utile netto del 47% e alla prestigiosa rivista per miliardari Forbes dice: «I risultati sono superiori non solo alle attese del mercato ma anche alle nostre stesse aspettative». Per festeggiare utili e felicità personale, monsierur Ruffini nel suo chalet brinda alla grande e con la leggerezza di una... piuma, con ospiti eccellenti e menù stellato di Vittorio, 3 stelle Michelin, che ha aperto un ristorante anche sulla promenade di Sankt Moritz. Tornando a Cortina dove tra i pugliesi piu quotati c'erano il famoso avvocato Rico Anglani di Ostuni e la bella moglie Donatella Melpignano (elegantissima), altro party degno di menzione, è stato quello dell'ex dg Rai Luigi Gubitosi e della consorte Ludovica che ha raccolto anche giornalisti amici, manager e banchieri.
Nella perla ampezzana il re dei condizionatori Sandro Riello ha festeggiato con la moglie brindisina Fernanda Piscicelli che lui conobbe proprio a Cortina durante una vacanza invernale (lei, poco più che adolescente, bellissima, arrivava con il padre medico da Brindisi mentre lui saliva in montagna dalla natìa Verona con la famiglia) e da cui ha avuto tre magnifici figli. «Ogni anno, finito il san Silvestro, metto in freezer un magnum di champagne che stapperò l'anno successivo» confessa Riello a La Gazzetta del Mezzogiorno «è un rito diventato nel tempo beneaugurale a cui né io nè mia moglie sappiamo rinunciare». Prosit.

Le cene nevose della Città bianca
Nevica da ieri a Ostuni, la Città bianca per antonomasia della Puglia, dove sono transitati molti politici del governo per Capodanno. Rocco Casalino quando arriva in zona fa tappa nel meraviglioso Caffè Tito Schipa del giovane e brillante imprenditore di Francavilla fontana Gabriele Menotti Lippolis che tra pochi giorni diventerà - notiziona - coordinatore confindustriale per le regioni del Mezzogiorno. Il 31 Gabriele ha allestito nel suo locale una delle cene più divertenti di fine anno con musica dj set e «sciabolate» di magnum brut Ferrari dell'amico Matteo Lunelli (un'amicizia, questa, che Menotti Lippolis condivide con Matteo Salvini). Nel tavolo imperiale con Marianna Pacifico moglie di Gabriele in attesa di una bimba, anche un'altra futura mamma, l'avvocato Emilia Fasano da Cerignola (molto chic in premanan di paillettes color tortora) ed il compagno Carmine, imprenditore foggiano. Sabato 29 invece grande cena in casa della nuova regina dei salotti ostunesi la bella e biondissima Angela Anglani che riesce a mettere a tavola i bei nomi del Salento (autorità in primis) insieme all'amica Anna Cinti direttrice del museo di Brindisi e all'avvocato Roberto Fusco, uno dei primi contribuenti del capoluogo brindisino accompagnato dalla giovane consorte Iole in mini dress di velluto nero. Domani sera Angela chiude il ciclo della kermesse natalizia con un open house 19/22 dedicato agli amici più cari che saranno ospiti nella sua lussuosa magione per un «giro» di pandoro & bollicine. Tavolo bianco sotto un'opera di Monachesi, impianto di luci e installazioni by Domenico Caramia per la soireè che Angela ha ribattezzato «In fondo alla calza». Tra gli habitueè il sindaco Gianfranco Coppola in pole position per la riconferma (si dice che avrà un appoggio forte della Lega nazionale) la bella moglie Eugenia, l'imprenditore Lillo Santomanco, il questore Maurizio Masciopinto, la top model brindisina Antonia dell'Atte in vacanza a Ostuni dopo un san Silvestro consumato a Lecce da Bruna Montinaro con la sorella Annarita e l'amica Luciana. Nei giorni scorsi la musa di Giorgio Armani, oggi regina di Masterchef Spagna (imperdibile la sua ultima cover nella versione ispanica di Vanity fair) si è fatta vedere con la family dell'Atte a pranzo dal mitico Bruno Marseglia, il risto-brunch più prelibato di Ostuni (se ci passate non dimenticate di assaggiare le tagliatelle ai frutti di mare o le polpettine «stunesi») o all'aperitivo al Tito dal sopra citato Gabriele Menotti. In transito per Ostuni, infine, anche Riccardo Scamarcio volutamente in incognito.

Al via il film su Mattarella
Aurelio Grimaldi sarà prossimamente sul set per le riprese de «Il Delitto Mattarella», con un ricco cast di attori siciliani. Inizierà, il 4 febbraio prossimo, a Palermo la pre-produzione del film «Il Delitto Mattarella» per la regia dello stesso Grimaldi, co-prodotto da Cine 1 Italia e Arancia Cinema; con la partecipazione in qualità d’investitore esterno della società Edilizia Acrobatica Spa. Le riprese avranno inizio il 25 febbraio, con un ricco cast siciliano composto da: Leo Gullotta, Nino Frassica, Tuccio Musumeci, Pino Caruso, Pippo Pattavina, Toni Sperandeo, Donatella Finocchiaro, Lucia Sardo e Guia Jelo. Un vero e proprio tributo alla memoria di Piersanti Mattarella da parte degli attori siciliani coinvolti nel progetto.
Aurelio Grimaldi, spiega alla Gazzetta che da anni raccoglie materiali sul caso-Mattarella. Dopo l’elezione del fratello Sergio al Quirinale ha scritto una sceneggiatura densa di fatti e documenti, con l'intento di combattere l'oblio in cui è caduta la vicenda. Tra i personaggi le prime due cariche dello Stato, Sergio Mattarella e l'allora presidente del Senato Pietro Grasso, che quel 6 gennaio 1980 era un giovane Pm di turno e quindi titolare di inizio indagini sull’omicidio. Circondati da politici poi pluricondannati (Ciancimino), uccisi dalla mafia per non aver rispettato i patti (Lima), suicidi per sensi di colpa (Nicoletti), condannati ma prescritti (Andreotti) e boss mafiosi come Stefano Bontade e poi Totò Riina, che ne prese il posto col sangue, dando inizio al predominio dei Corleonesi. «Piersanti Mattarella –sottolinea Grimaldi - è una figura ingiustamente dimenticata. A Roma e Milano non esiste nemmeno una via a lui dedicata. La discrezione della impeccabile famiglia e del fratello presidente della Repubblica sono senza pari». Il presidente della Regione Sicilia Piersanti Mattarella fu ucciso a Palermo, nella centralissima Via Libertà, il 6 gennaio 1980. Secondo la vedova, Irma Chiazzese, il killer fu il terrorista di destra Valerio Fioravanti, da lei ripetutamente riconosciuto. Secondo il Giudice Istruttore, Giovanni Falcone, Mattarella fu ucciso da neofascisti per uno scambio di «servizi» tra Cosa Nostra, Banda della Magliana (che trattava col capomafia Pippo Calò il riciclaggio dei soldi mafiosi) e i NAR di Fioravanti, interessati a far evadere, con l’aiuto della mafia, il leader Concutelli, provvisoriamente rinchiuso nel carcere Ucciardone di Palermo. Ma Mattarella aveva avviato in Sicilia una giunta bianco-rossa con l’appoggio del Pci, in anticipo sulla Solidarietà Nazionale del suo maestro Aldo Moro con Berlinguer. I principali avversari politici di Mattarella furono i suoi compagni di partito: Lima, Ciancimino, Gioia e Nicoletti. Secondo Giovanni Falcone non erano state trovate prove di una loro diretta responsabilità nell’omicidio-Mattarella. Ma di questo e altro si parlerà nel film più atteso del 2019. Auguri!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie