Giovedì 25 Febbraio 2021 | 18:17

NEWS DALLA SEZIONE

nel foggiano
San Severo, estrae coltello: «Dov'è l'assessore?»

San Severo, estrae coltello: «Dov'è l'assessore?»

 
I fatti a settembre
Foggia, tabaccaio ucciso durante rapina: 5 persone arrestate dopo 5 mesi

Foggia, tabaccaio ucciso in rapina: 5 persone arrestate dopo 5 mesi, anche un minore VD

 
Ciclismo
Giro d'Italia, l'ottava tappa parte da Foggia il 15 maggio

Giro d'Italia, l'ottava tappa parte da Foggia il 15 maggio

 
Foggia
Fondazione Puglia, l’Assori contro la povertà educativa

Fondazione Puglia, l’Assori contro la povertà educativa

 
controlli dei CC
Foggia, in auto con un etto di cocaina pura tra salumi e formaggi: arrestato 36enne

Foggia, in auto con un etto di cocaina pura tra salumi e formaggi: arrestato 36enne

 
Sono fratelli
Manfredonia, tabaccai reagiscono ai rapinatori: feriti a coltellate due fratelli

Manfredonia, tabaccai reagiscono ai rapinatori: feriti a coltellate due fratelli

 
L'episodio
Foggia, sassi contro autobus di linea, nessun ferito

Foggia, sassi contro autobus di linea, nessun ferito

 
Il caso
Concussione e abuso d'ufficio, a processo sindaco di Serracapriola

Concussione e abuso d'ufficio, a processo sindaco di Serracapriola

 
la decisione
Panni, sfiduciato sindaco e si dimettono 6 consiglieri: sciolto consiglio comunale

Panni, sfiduciato sindaco e si dimettono 6 consiglieri: sciolto consiglio comunale

 
Il gesto
Lucera, donato al «Lastaria» un videolaringoscopio dal Club Unesco di Alberona

Lucera, donato al «Lastaria» un videolaringoscopio dal Club Unesco di Alberona

 
la decisione
Manfredonia, uccise a coltellate commercialista rivale in amore: 53enne rinviato a giudizio

Manfredonia, uccise a coltellate commercialista rivale in amore: 53enne rinviato a giudizio

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaSerie C
Troppi casi di Covid nella Cavese: rinviata gara col Potenza

Troppi casi di Covid nella Cavese: rinviata gara col Potenza

 
Foggianel foggiano
San Severo, estrae coltello: «Dov'è l'assessore?»

San Severo, estrae coltello: «Dov'è l'assessore?»

 
TarantoNel tarantino
Martina Franca, raggirano 80enne all'uscita dalla Posta e gli rubano tutta la pensione

Martina Franca, raggirano 80enne all'uscita dalla Posta e gli rubano tutta la pensione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
Barinel Barese
Gravina, fidanzamento osteggiato dalle famiglie sfocia in una rissa in strada: 4 arresti

Gravina, fidanzamento osteggiato dalle famiglie sfocia in una rissa in strada: 4 arresti

 
LecceL'incidente
Auto travolge bici: muore ciclista 45enne in Salento

Auto travolge bici: muore ciclista 45enne in Salento

 
BrindisiIl caso
Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

 

i più letti

Il caso

Omicidio boss Raduano, chieste due condanne a 18 anni per agguato a Vieste

Ai due imputati si contestano l’aggravante mafiosa e quella della premeditazione

omicidio vescera

FOGGIA - La Procura di Bari ha chiesto due condanne a 18 anni di reclusione per i pregiudicati Claudio e Giovanni Iannoli, cugini di 43 e 33 anni, imputati per il tentato omicidio del boss di Vieste (Foggia) Marco Raduano, compiuto il 21 marzo 2018. Il processo si sta celebrando con il rito abbreviato dinanzi al gup del Tribunale di Bari Luigi Lambriola. La sentenza è prevista per il 23 marzo. Ai due imputati si contestano l’aggravante mafiosa e quella della premeditazione.
Stando alle indagini coordinate dal pm della Dda di Bari Ettore Cardinali, i due imputati, in concorso con il pregiudicato Gianmarco Pecorelli e su mandato del capo clan Girolamo Perna (questi ultimi entrambi uccisi in agguati mafiosi rispettivamente il 18 giugno 2018 e il 26 aprile 2019), tentarono di uccidere il boss del clan rivale colpendolo a braccia, spalla e gambe con due fucili e un kalashnikov. Secondo la Dda il ferimento rientra nella guerra tra i due clan rivali di Vieste Perna e Raduano per il controllo dello spaccio, che dal 2015 ha causato nove omicidi e diversi tentati omicidi.
L’agguato del 21 marzo 2018 è il secondo della sequenza dei tre «delitti del 21 marzo», come più volte evidenziato dalla Dda di Bari, dopo l’omicidio di Giuseppe Silvestri, avvenuto a Monte Sant'Angelo il 21 marzo 2017, e quello di Francesco Pio Gentile, commesso a Mattinata il 21 marzo 2019. Per gli inquirenti baresi è una data «evocativa», il primo giorno di primavera, scelto dall’associazione Libera per ricordare le vittime di mafia, nel quale «anziché celebrare la vita - ha detto tempo fa il procuratore di Bari, Giuseppe Volpe - la mafia celebra la morte». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie