Giovedì 28 Maggio 2020 | 21:27

NEWS DALLA SEZIONE

l'indagine
Foggia, conclusi test sierologici al Policlinico: positivo al Covid l'1,9% dei dipendenti

Foggia, conclusi test sierologici al Policlinico: positivo al Covid l'1,9% dei dipendenti

 
nel foggiano
Lucera, GdF sequestra beni per 110mila euro a sorvegliato speciale: violata normativa antimafia

Lucera, GdF sequestra beni per 110mila euro a sorvegliato speciale: violata normativa antimafia

 
fase 2
Foggia, vietato mangiare e bere all'aperto: arriva ordinanza anti-assembramenti

Foggia, vietato mangiare e bere all'aperto: arriva ordinanza anti-assembramenti

 
Controlli dei CC
Cerignola, recuperata piattaforma aerea rubata a Firenze: 36enne denunciato

Cerignola, recuperata piattaforma aerea rubata a Firenze: 36enne denunciato

 
CAPITANATA
Lucera, il sindaco contro la «movida. Chiude 3 locali dalle 17 alle 7, situati in una stradina larga 2 metri che conduce in piazza

Lucera, il sindaco contro la movida: chiude 3 locali dalle 17 alle 7

 
nel foggiano
Lucera, GdF sequestra discarica di 5mila mq: una denuncia

Lucera, GdF sequestra discarica di 5mila mq: una denuncia

 
nel foggiano
Cerignola, rapina supermercato con coltello: arrestato 34enne già in sorveglianza speciale

Cerignola, rapina supermercato con coltello: arrestato 34enne già in sorveglianza speciale

 
fase 2
Più controlli anti-movida e stop a sagre e feste nel Foggiano: la richiesta del prefetto

Controlli anti-movida e stop a sagre e feste nel Foggiano: le richieste del prefetto

 
Lo studio
S. Giovanni Rotondo, sclerosi multipla: una speranza dal trapianto di cellule staminali

S. Giovanni Rotondo: una speranza per la sclerosi multipla dal trapianto di cellule staminali

 
nel foggiano
S.Severo, blitz cc dopo festa con fuochi d'artificio non autorizzata: trovati giubbotti antiproiettile

S.Severo, blitz cc dopo festa con fuochi d'artificio non autorizzata: trovati giubbotti antiproiettile

 

Il Biancorosso

serie C
Il tecnico biancorosso Vincenzo Vivarini

Il Bari pronto a tornare in campo: i play-off l’ipotesi più credibile

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa decisione
Basilicata, i tamponi si fanno come al «drive-in» a Villa d'Agri

Basilicata, i tamponi si fanno come al «drive-in» a Villa d'Agri

 
Tarantoil siderurgico
ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

 
Leccel'incidente
Operaio morto in cantiere gasdotto Salento: indagato autista macchina posatubi

Operaio morto in cantiere gasdotto Salento: indagato autista macchina posatubi

 
Foggial'indagine
Foggia, conclusi test sierologici al Policlinico: positivo al Covid l'1,9% dei dipendenti

Foggia, conclusi test sierologici al Policlinico: positivo al Covid l'1,9% dei dipendenti

 
Baritecnologia
Policlinico Bari, il corso di preparazione al parto si segue online

Policlinico Bari, il corso di preparazione al parto si segue online

 
Brindisinel Brindisino
Ambiente, Emiliano: «Enel dismetterà Gruppo 2 centrale Cerano

Ambiente, Emiliano: «Enel dismetterà Gruppo 2 centrale Cerano

 
Batnella bat
Bisceglie, carabinieri smantellano piazza di spaccio: arrestati in 2 con 1,3kg di marijuana

Bisceglie, carabinieri smantellano piazza di spaccio: arrestati in 2 con 1,3kg di marijuana

 
Materatecnologia
veduta di Montescaglioso

Montescaglioso, dal Comune un «no» deciso alla sperimentazione 5G

 

i più letti

Il caso

Omicidio boss Raduano, chieste due condanne a 18 anni per agguato a Vieste

Ai due imputati si contestano l’aggravante mafiosa e quella della premeditazione

omicidio vescera

FOGGIA - La Procura di Bari ha chiesto due condanne a 18 anni di reclusione per i pregiudicati Claudio e Giovanni Iannoli, cugini di 43 e 33 anni, imputati per il tentato omicidio del boss di Vieste (Foggia) Marco Raduano, compiuto il 21 marzo 2018. Il processo si sta celebrando con il rito abbreviato dinanzi al gup del Tribunale di Bari Luigi Lambriola. La sentenza è prevista per il 23 marzo. Ai due imputati si contestano l’aggravante mafiosa e quella della premeditazione.
Stando alle indagini coordinate dal pm della Dda di Bari Ettore Cardinali, i due imputati, in concorso con il pregiudicato Gianmarco Pecorelli e su mandato del capo clan Girolamo Perna (questi ultimi entrambi uccisi in agguati mafiosi rispettivamente il 18 giugno 2018 e il 26 aprile 2019), tentarono di uccidere il boss del clan rivale colpendolo a braccia, spalla e gambe con due fucili e un kalashnikov. Secondo la Dda il ferimento rientra nella guerra tra i due clan rivali di Vieste Perna e Raduano per il controllo dello spaccio, che dal 2015 ha causato nove omicidi e diversi tentati omicidi.
L’agguato del 21 marzo 2018 è il secondo della sequenza dei tre «delitti del 21 marzo», come più volte evidenziato dalla Dda di Bari, dopo l’omicidio di Giuseppe Silvestri, avvenuto a Monte Sant'Angelo il 21 marzo 2017, e quello di Francesco Pio Gentile, commesso a Mattinata il 21 marzo 2019. Per gli inquirenti baresi è una data «evocativa», il primo giorno di primavera, scelto dall’associazione Libera per ricordare le vittime di mafia, nel quale «anziché celebrare la vita - ha detto tempo fa il procuratore di Bari, Giuseppe Volpe - la mafia celebra la morte». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie