Venerdì 05 Giugno 2020 | 19:10

NEWS DALLA SEZIONE

Edilizia
San Giovanni Rotondo, l'Arca consegna 18 alloggi. Emiliano: «Casa è sinonimo di dignità»

San Giovanni Rotondo, l'Arca consegna 18 alloggi. Emiliano: «Casa è sinonimo di dignità»

 
La denuncia
Foggia, in fumo decine di ettari di grano, Coldiretti Puglia: «Colpa della criminalità»

Foggia, in fumo decine di ettari di grano, Coldiretti Puglia: «Colpa della criminalità»

 
L'iniziativa
Foggia, oltre 22mila litri di alcol sequestrati e devoluti dalla Gdf al Riuniti (e non solo)

Foggia, oltre 22mila litri di alcol sequestrati e devoluti dalla Gdf al Riuniti (e non solo)

 
Infrastrutture e servizi
Il tratto di pista già realizzato

Gino Lisa a Foggia, l'Enac chiede interventi radicali sulla pista

 
Viale Candelaro
Foggia, auto travolge donna in bicicletta: nell'impatto sfondato il parabrezza

Foggia, auto travolge donna in bicicletta: nell'impatto sfondato il parabrezza

 
I provvedimenti
Tre casi di stalking nel Foggiano: tra questi una 26enne che molestava una sua ex amica

Tre casi di stalking nel Foggiano: tra questi una 26enne che molestava una sua ex amica

 
Post coronavirus
Vieste, la costa del Gargano è «Covid free»: niente più contagiati o non ci sono mai stati

Vieste, la costa del Gargano è «Covid free»: niente più contagiati o non ci sono mai stati

 
nel foggiano
San Severo, in casa eroina e cocaina: giovane pusher ai domiciliari

San Severo, in casa eroina e cocaina: giovane pusher ai domiciliari

 
operazione della gdf
Eroina e cocaina da Lucera al Molise: 6 arresti, smantellato gruppo criminale

Droga da Lucera al Molise: 6 arresti, smantellato gruppo criminale VD

 
luoghi di culto
San Giovanni Rotondo, ripresa celebrazioni liturgiche: fedeli prenotano posto per funzione religiose

San Giovanni Rotondo, ripresa celebrazioni liturgiche: fedeli prenotano posto per funzioni religiose

 
Nel Tavoliere
Foggia, si riparte con la mietitura: dai campi spallata al Covid

Foggia, si riparte con la mietitura: dai campi la spallata al Covid

 

Il Biancorosso

serie C
C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaEdilizia
San Giovanni Rotondo, l'Arca consegna 18 alloggi. Emiliano: «Casa è sinonimo di dignità»

San Giovanni Rotondo, l'Arca consegna 18 alloggi. Emiliano: «Casa è sinonimo di dignità»

 
Brindisiterapia Covid
Brindisi, al «Perrino» prime 2 donazioni di plasma iperimmune

Brindisi, al «Perrino» prime 2 donazioni di plasma iperimmune

 
LecceCoronavirus
Soleto, anziana di nuovo malata di Covid dopo 4 tamponi negativi

Soleto, anziana di nuovo malata di Covid dopo 4 tamponi negativi

 
Potenzafase 3
Basilicata, piattaforma online per autosegnalazioni di lucani che tonano in regione

Basilicata, piattaforma online per autosegnalazioni di lucani che tonano in regione

 
BariI dati
Effetto Covid 19, meno reati a Bari e nella Bat: il bilancio dei carabinieri

Effetto Covid 19, meno reati a Bari e nella Bat: il bilancio dei carabinieri

 
Tarantomobilità sostenibile
Taranto prima in Puglia nella graduatoria: 800mila euro per piste ciclopedonali

Taranto prima in Puglia nella graduatoria: 800mila euro per piste ciclopedonali. Stanziati 13,8 mln dalla Regione

 

i più letti

L'omicidio nel Lodigiano

Guardia giurata uccide cugino per gelosia: morto 29enne di Cerignola

La vittima ospite del cugino in Lombardia, è stata uccisa con una serie di colpi di pistola: al centro della lite ci sarebbe una donna

polizia

FOGGIA - All'alba di ieri una guardia giurata ha ucciso in un paesino Tavazzano, in provincia di Lodi il cugino, Amato Di Paolo, 29enne di Cerignola. A muovere la mano del killer, Sebastian Ganci, di 40 anni è stata la gelosia. L'uomo ha sparato diversi colpi contro il cugino, reo di volersi portare a letto una ragazza rumena di 17 anni ospite a casa sua e di cui si era invaghito. 

Quando ha sentito il cugino dire «a me di lei non interessa niente, la voglio solo portare a letto», non ha capito più nulla e ha sparato. Ha detto più o meno così al pm di Milano Andrea Fraioli, l'omicida.

Ieri, davanti al magistrato, il vigilantes ha confessato, ma al termine dell’interrogatorio, come ha riferito il suo difensore, Eliana Zecca, si è sentito male. «E' stato visitato dai medici del carcere - ha assicurato il legale - ed è tutto sotto controllo. Ma è sotto choc, non riesce a darsi una spiegazione del gesto».
Al pm, la guardia giurata ha spiegato che tra lui e la ragazza, di cui si era invaghito e che era sua ospite a casa, c'era un’amicizia 'specialè. Amicizia, questo è il senso delle poche parole pronunciate, che sperava si trasformasse in una relazione stabile e che il cugino, da poco venuto da Cerignola (Foggia) a trovarlo, stava rovinando.
Ganci nel corso della sua ricostruzione, al pubblico ministero ha pure detto di aver avuto «paura» in quanto durante il violento litigio il cugino avrebbe minacciato di «buttarlo giù dalla finestra». Inoltre ha parlato di un battibecco avvenuto qualche ora prima del delitto, aggiungendo che il 29enne lo avrebbe provocato dicendo «me la porto via».

L’avvocato Zecca, che stamane ha incontrato il suo assistito in carcere, ha tenuto a precisare durante il colloquio che Ganci ha pianto e ha ripetuto: «Mi dispiace, ma non ho capito più nulla. Non so cosa mi è successo. Io non sono un delinquente. Mi sono rovinato la vita».
Il difensore ha inoltre aggiunto che domani il vigilantes confermerà la versione resa al pm anche nell’interrogatorio al gip Alessandra Clemente chiamata a decidere sulla richiesta di convalida del fermo e della misura della custodia cautelare in carcere.

LE PAROLE DEL GIP - Ha parlato di «furia omicida" dovuta alla «gelosia» e di «persona instabile che gestisce male le frustrazioni», il gip di Milano Alessandra Clemente nel provvedimento con cui oggi ha convalidato il fermo e disposto il carcere per Sebastian Ganci, la guardia giurata pugliese che domenica scorsa ha ucciso, a Tavazzano nel Lodigiano, il cugino di 29 anni, Amato Di Paola, dopo una lite per via di una ragazza di 17 anni di cui il vigilantes si era invaghito.
Il giudice, che nel provvedimento riporta le dichiarazioni messe a verbale dalla minorenne, di origine romena, parla anche di un verosimile «abuso di cocaina», ritrovata nell’appartamento dove è avvenuto il delitto assieme a hashish. Sul punto sono in corso accertamenti per capire se e chi abbia fatto uso di sostanze stupefacenti.
Secondo la ricostruzione finora emersa e riportata nell’ordinanza, il vigilantes di 40 anni, innamorato della 17enne, qualche giorno prima del delitto sarebbe andato a Cerignola (Foggia), il paese di origine, assieme alla ragazza per una breve vacanza. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie