Lunedì 22 Luglio 2019 | 05:21

NEWS DALLA SEZIONE

Il premio
Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

 
La tragedia
Foggia, scontro tra auto della Finanza e scooter: muore 15enne

Foggia, auto della Finanza contro scooter: muore 15enne, non aveva il casco

 
nel Foggiano
Lucera, festa patronale senza la musica: Comune al capolinea con i fondi

Lucera, festa patronale senza la musica: Comune al capolinea con i fondi

 
Il rapporto
Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

 
Lo stabilimento
Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: in arrivo 1500 posti di lavoro

Con la Princes Foggia diventa capitale del pomodoro: ogni stagione offerti fino a 1500 posti di lavoro

 
Sfruttamento del lavoro
Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

 
Corsa alle polizze
Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

 
Emergenza abitativa
Foggia, da 14 anni vivono in container invasi da topi e blatte: la protesta delle mamme

Foggia, da 14 anni in container invasi da topi e blatte: secondo giorno di protesta delle mamme

 
Femminicidio
San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata

San Severo, uccisa dal fidanzato, il legale: è morta annegata, non strangolata. Domani i funerali

 
Nel Foggiano
Orta Nova, commando sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

Orta Nova, banda sequestra camionista e scappa con tir pieno di sigarette

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIgiene urbana
Bari, stop ai rifiuti nelle piazze della movida: Amiu in azione dalle 23 alle 3

Bari, stop ai rifiuti nelle piazze della movida: Amiu in azione dalle 23 alle 3

 
LecceIl ritrovamento
A Porto Cesareo trovati 3 proiettili di artiglieria dell’ultima guerra

A Porto Cesareo trovati 3 proiettili di artiglieria dell’ultima guerra

 
Batil salvataggio
Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

 
FoggiaIl premio
Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

 
HomeLa scoperta
Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

 
MateraIl convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
PotenzaL'operazione
Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

 
HomeL'allarme
La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

 

i più letti

Ospedali riuniti

Foggia, anziani «parcheggiati» boom di dimissioni protette

In Geriatria posti letto off-limits : «Difficile evadere le richieste del Pronto soccorso»

La visita è stata rinviata? Lo comunica il telegramma

FOGGIA - Due reparti si fronteggiano da anni: la Fisiatria universitaria da un lato, la Geriatria dall’altro. Patologie molto diverse, via via di pazienti e parenti da mattino a sera che attraversano l’unico corridoio per passare da un capo all’altro. Tanta confusione, vociare continuo e persistente anche se l’invito al silenzio dovrebbe essere la regola d’oro in certi ambienti. Alla sofferenza dei malati si aggiunge anche questo trambusto fuori ordinanza. Una situazione che si protrae da troppo tempo. Ma ora qualcosa dice che bisogna dire basta. Siamo agli Ospedali riuniti, il nuovo policlinico regionale che sta cambiando gradualmente pelle: nuovi reparti, grandi attrezzature, il nuovo Deu dell’emergenza-urgenza indicato come il fiore all’occhiello della futura e ormai prossima trasformazione. Ma negli anziani al terzo piano del terzo lotto la sensazione di esser lasciati soli non muta. «Il direttore generale Vitangelo Dattoli è venuto a rendersi conto di come stiamo messi - così alla Gazzetta il primario di Geriatria, Massimo Zanasi - unico direttore a farlo da quando ci sono io in questa struttura. Speriamo che qualcosa cambi nel rispetto dei malati e di un’emergenza anziani che nella nostra società sta assumendo una rilevanza sociale sempre più importante».

Non è la coabitazione in quanto tale quella che viene denunciata da Zanasi: «I malati sono tutti uguali, ma le patologie diversissime. Nulla contro i colleghi e il personale della Fisiatria con i quali abbiamo anzi anche un rapporto di collaborazione, ma non possono coesistere due reparti così diversi su di un unico piano. Chiediamo il rispetto per le persone in carrozzina, per gli anziani accompagnati a spalla dai parenti che avrebbero bisogno di maggior privacy e riservatezza».
La circostanza del trasloco pone altre questioni sul tappeto. La società invecchia e c’è sempre più bisogno di residenze per anziani, luoghi di ricovero e cura perchè anche le famiglie disposte a tenere in casa i propri cari scarseggiano sempre più. Aumentano infatti le dimissioni protette da parte dei parenti: la norma prevede che l’Asl invii la commissione invalidi per verificare le condizioni dell’anziano e mandarlo d’ufficio in una Rsa, una procedura che permette di saltare a piè pari le lunghe liste d’attesa presenti ormai in tutte le residenze sanitarie per anziani sia private che convenzionate. «In tre mesi ne abbiamo fatte una quarantina di dimissioni così - dice il dottor Zanasi - ma noi abbiamo diciotto posti letto quasi tutti sempre pieni, quando i parenti chiedono la dimissione protetta il posto letto non può liberarsi subito. Così si formano le file al Pronto soccorso. L’ospedale a mio avviso dovrebbe occuparsi anche delle post-acuzie, dal momento che la popolazione invecchia e la richiesta di questi luoghi è costante».

Anche “Nonno libero”, il clochard vestito di buste, è stato ricoverato qui per quindici giorni. Ora è all’ospedale Casa Sollievo a San Giovanni Rotondo: chi si sta prendendo cura di lui indica in quell’uomo enigmatico e sconosciuto che ha circolato fino a poco tempo fa per le strade di Foggia, un simbolo di riscatto anche degli ultimi che passa necessariamente dalle cure e dall’assistenza che si può ricevere in un ospedale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie