Lunedì 13 Luglio 2020 | 10:47

Il Biancorosso

Calcio
Bari cerca una notte rock nel labirinto dei playoff

Bari cerca una notte rock nel labirinto dei playoff

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiamercato
spesa del contadino»

Foggia ancora città «low cost»: il 7% in meno sugli alimentari

 
TarantoIl caso
Crispiano, Ippoterapia scomparsi due cavalli

Crispiano, scomparsi due cavalli per l'ippoterapia, sospetto furto

 
Materain zona san pardo
Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

 
BrindisiTrasporti
Brindisi, «Disservizi per navi e passeggeri. Si apra tavolo di concertazione»

Brindisi, stagione crocieristica: dopo luglio cancellati anche attracchi di agosto

 
Leccebatterio Killer
Il secolare “albero del diavolo”

Salice Salentino, il secolare “albero del diavolo” ucciso dalla Xylella dopo 400 anni

 
Barigiornali e caffè
Gioia del Colle, il barista camerunense confessa «Senza la Gazzetta non so stare»

Gioia del Colle, il barista camerunense confessa: «Senza la Gazzetta non so stare»

 
Potenzanel Potentino
Venosa, carabinieri smantellano piazza di spaccio: 4 arresti

Venosa, carabinieri smantellano piazza di spaccio: 4 arresti. Pusher anche davanti alle scuole

 

i più letti

Arricchita da salumi e formaggi

Martedì grasso con polenta «Pat»

Le celebrazioni di Carnevale fra tradizione e sapori il 25 febbraio a Nemoli (Potenza)

I MAESTRI - I ramaioli sono  al lavoro  col mais dorato

I MAESTRI - I ramaioli sono al lavoro col mais dorato

Sua maestà la polenta, per carnevale a Nemoli (Lagonegro), arricchita da salumi e formaggi del potentino, sarà il simbolo delle celebrazioni. E’ una tradizione così radicata che la polenta di Nemoli è stata inserita fra i Pat (Prodotti agroalimentari tradizionali) della Regione Basilicata, come parte integrante dell’alimentazione locale. Ma come mai la tradizione dei polentoni si è radicata qui nel Mezzogiorno? Ce lo racconta il giornalista Salvatore Lovoi, autore del libro “La storia della polenta” in cui lo ha definito un piatto prerisorgimentale perché ha precorso l’Unità d’Italia in gastronomia, unendo la polenta del nord alla “lucanica” del sud.

Polenta

Proviene dalla trasformazione molitoria della varietà vegetale di granturco quarantino (un ecotipo detto anche “trecchenieddro”) ed è consumata tutto l’anno nella valle del Noce come “Frascatola” (molle). Ma viene preparata e indurita in grandi forme solo per il martedì grasso. La tradizione forse risale all’800, quando i ramai di Nemoli e Rivello percorrevano la penisola, l’Europa e l’Africa Mediterranea per riparare caldaie. Altri sostengono che sia stata introdotta dai soldati del viceregno spagnolo, dalla penisola iberica dove il granturco venne coltivato per prima dai moriscos. Comunque, è proprio in quattro calderoni di metallo che la “vellutata” di mais per mano di esperti “mastri polentari”, muniti di lunghi “remenaturi” (bastoni di legno) lavorano per ore la farina dorata fino ad ottenere forme solari racchiuse in candide lenzuola, su grandi tavoli di legno. L’impasto è unto con il condimento di sugo proveniente dal soffritto di salsiccia e ventresca (oltre 100 kg) e pepe rosso di Senise in polvere (“o ziff”). La polenta (circa 5 quintali), accompagnata da pezzi di salumi e benedetta dal rosso ciliegiuolo della collina nemolese, viene offerta gratuitamente nel segno della proverbiale ospitalità del luogo, nel tradizionale “Angolo dello Spizio”.

Il tutto nell’allegra cornice carnascialesca, con suoni di strumenti tipici, corteo di carri allegorici, gruppi e maschere che sfilano per le vie del borgo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie