Venerdì 03 Aprile 2020 | 06:51

NEWS DALLA SEZIONE

emergenza coronavirus
Brindisi, 2 navi da crociere in arrivo nei prossimi giorni

Brindisi, 2 navi da crociere in arrivo nei prossimi giorni

 
emergenza coronavirus
Brindisi, ospedale «Perrino», 4 positivi a Pneumologia: chiuso il reparto

Brindisi, ospedale «Perrino», 4 positivi a Pneumologia: chiuso il reparto

 
a mesagne
Sacra Corona Unita: pentito si suicida in località protetta del Brindisino

Sacra Corona Unita: pentito si suicida in località protetta del Brindisino

 
l'operazione
Brindisi, tentarono di estorcere 20mila euro a imprenditore minacciandolo con coltello: arrestati padre e figlio

Brindisi, tentarono di estorcere 20mila euro a imprenditore minacciandolo con coltello: arrestati padre e figlio

 
Il focolaio
Coronavirus, contagi record a Carovigno: 21 positivi e 6 morti. «Fate più tamponi»

Coronavirus, contagi record a Carovigno: 21 positivi e 6 morti. «Fate più tamponi». 25 contagi anche a Noicattaro

 
Il virus
Coronavirus, pronto a Brindisi nuovo laboratorio analisi tamponi

Coronavirus, pronto a Brindisi nuovo laboratorio analisi tamponi

 
EMERGENZA CORONAVIRUS
Brindisi, controllo del territoriomobilitati i militari del San Marco

Brindisi, controllo del territorio: mobilitati i militari del San Marco

 
emergenza coronavirus
Brindisi, sirene e applausi dei vigili del fuoco ai sanitari del «Perrino»

Brindisi, sirene e applausi dei vigili del fuoco ai sanitari del «Perrino»

 
emergenza coronavirus
Ceglie Messapica, 4 fisioterapisti positivi al «San Raffaele»

Ceglie Messapica, 4 fisioterapisti positivi al «San Raffaele»

 
a cerano
Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: circa 30 egiziani, tutti con le mascherine

Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: 44 egiziani e iracheni, minorenni, tutti con le mascherine

 

Il Biancorosso

emergenza coronavirus
Bari calcio, video di ex giocatori biancorossi per aiutare chi ha bisogno

Bari calcio, video di ex giocatori biancorossi per aiutare chi ha bisogno

 

NEWS DALLE PROVINCE

Batemergenza coronavirus
Trani, 180mila euro a sostegno del reddito dei giovani avvocati

Trani, 180mila euro a sostegno del reddito dei giovani avvocati

 
Good News CoronavirusIl virus
Coronavirus, è barese il ricercatore che ha scoperto il "vaccino cerotto": pronto per essere testato

Coronavirus, è barese il ricercatore che ha scoperto il «vaccino cerotto»: pronto per essere testato VIDEO

 
Lecceemergenza coronavirus
Lequile, donate oltre 5000 mascherine «Made in carcere»

Lequile, donate oltre 5000 mascherine «Made in carcere»

 
Potenzaemergenza coronavirus
Basilicata, undicesimo morto per il virus: è un 68enne di Potenza

Basilicata, 11esimo morto per il virus: è un 68enne di Potenza Bardi dispone indagini per eventuali responsabilità

 
Brindisiemergenza coronavirus
Brindisi, 2 navi da crociere in arrivo nei prossimi giorni

Brindisi, 2 navi da crociere in arrivo nei prossimi giorni

 
Foggiaemergenza coronavirus
Foggia, vigilanti aggrediti dai clienti di due supermercati

Foggia, vigilanti aggrediti dai clienti di due supermercati

 
Tarantoemergenza coronavirus
Mittal Taranto sospensione lavori Aia, il sindaco: «Erano essenziali»

Mittal Taranto, sindacati: «Se non vende acciaio impianti fermi. Misure anti-Covid non rispettate»

 
Materaemergenza coronavirus
Matera, il sindaco: «Separare i contagiati dalle famiglie»

Matera, il sindaco: «Separare i contagiati dalle famiglie»

 

i più letti

Il caso

Fasano, accusata di favorire atti sessuali della figlia minore con i suoi amici

Ma la superperizia sentenzia: «La ragazzina non è attendibile»

molestie

FASANO - Le accuse che la Procura della Repubblica muove ad una 35enne fasanese sono pesanti come macigni: faceva assistere la figlia, che oggi ha 15 anni e quando la mamma l’ha iniziata al sesso di anni ne aveva appena 3, ai rapporti sessuali che intratteneva con i suoi compagni del momento. Nella stessa inchiesta è indagato un 37enne albanese, “naturalizzato” fasanese, che per un certo periodo è stato il compagno di vita della madre della bambina. Per entrambi il pm titolare del fascicolo di indagine, il sostituto procuratore della Repubblica Giovanni Marino, il 19 marzo dell’anno scorso ha chiesto il rinvio a giudizio. In attesa della celebrazione dell’udienza preliminare, il 20 giugno 2019 è iniziato l’incidente probatorio (un’udienza che si svolge in camera di consiglio, quindi senza la presenza del pubblico, e serve per cristallizzare le prove assunte durante le indagini).
Il consulente nominato dal pm per vagliare le pesantissime accuse mosse dalla ragazzina alla madre, dopo aver ascoltato in sede di incidente probatorio la presunta vittima dei maltrattamenti e delle (indicibili) violenze, è arrivato alla conclusione che la 15enne non è attendibile. L’indagine si avvia, quindi, ad una clamorosa svolta: all’esito della super perizia il pm titolare del fascicolo di indagine potrebbe chiedere l’archiviazione del procedimento.
L’incidente probatorio si è articolato in due sedute. Conclusa l’audizione, la consulente del pm ha depositato la propria relazione. La psicologa è arrivata alla conclusione che la ragazzina non è attendibile. Quindi, le pesantissime accuse che ha mosso alla madre potrebbero essere frutto di invenzione.
Cosa ha “denunciato” la figlia della 35enne fasanese? Ha detto, tra le tante altre cose, che la madre la faceva assistere ai rapporti sessuali che intratteneva con i suoi compagni del momento. Partendo dalla “denuncia” della ragazza, alla 35enne fasanese la magistratura inquirente contesta di aver “maltrattato la figlia, cagionandole condizioni di vita penose ed instaurando un regime familiare improntato al degrado, alla sessualità precoce ed al totale abbandono”.
Ma questa madre, stando alle accuse che le vengono mosse, faceva di peggio. Molto di peggio. Faceva, ad esempio, vedere alla sua bambina film pornografici in modo che imparasse “le pratiche sessuali da emulare”. “Faceva entrare in casa diversi uomini, così da esporre i figli alla loro aggressività, talvolta allontanandosi dal domicilio domestico e lasciando i figli in balia” dei suoi compagni occasionali.
Scendendo ancora nella (virtuale) scala del degrado, la 35enne fasanese “costringeva la figlia a compiere atti sessuali con i suoi diversi compagni”. Al peggio – dice un vecchio detto popolare – non c’è mai fine. La madre e il suo compagno, “in concorso tra loro e ad altri partner frequentati dalla donna, in più occasioni costringevano la bambina a subire atti sessuali, consistiti in palpate sul sedere, ed altresì la costringevano a praticare sesso orale. Condotte – scrive il pm nella richiesta di incidente probatorio – coartate sia mediante violenza, consistita nel prendere di forza la bambina, sia mediante minaccia ed abuso di autorità, consistita nel prospettare alla minore di non somministrarle il cibo qualora si fosse rifiutata di sottostare agli abusi”.
Tutto questo sarebbe successo nell’intervallo temporale compreso tra il 2008 (quando la piccola aveva appena 3 anni) e il 2014 (la ragazzina all’epoca aveva 9 anni). Nello stesso arco temporale la 35enne fasanese “in più occasioni, faceva assistere la figlia, all’epoca dei fatti minore di 14 anni, al compimento di atti sessuali ed altresì le mostrava materiale pornografico al fine di indurla a compiere e subire atti sessuali”. Queste le accuse mosse alla donna, ma all’esito della superperizia il quadro è radicalmente cambiato: tutto questo potrebbe essere frutto della “fantasia” di una ragazzina che, con le due dichiarazioni, ha fatto finire nei guai – e che guai – la madre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie