Venerdì 19 Luglio 2019 | 11:56

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Fasano, problemi con la movida: ristoratori contro il Comune

Fasano, problemi con la movida: ristoratori contro il Comune

 
Nel Brindisino
Ruba 6 quintali di meloni in un'azienda, pizzicato al posto di blocco: arrestato 35enne

Ruba 6 quintali di meloni in un'azienda, pizzicato al posto di blocco: arrestato 35enne

 
Destinate a una ditta laziale
Porto Brindisi: sequestrate 18mila Dr. Martens false, 3 denunce

Porto Brindisi: sequestrate 18mila Dr. Martens false, 3 denunce

 
Nel brindisino
Mesagne, picchia e minaccia la madre, impedendole di uscire o ricevere visite: una 41enne in libertà vigilata

Mesagne, picchia e minaccia la madre, impedendole di uscire o ricevere visite: una 41enne in libertà vigilata

 
nel Brindisino
Francavilla F.na, 11 educatrici in asili nido sottopagate: arrestato imprenditore

Francavilla F.na, 11 educatrici in asili nido sottopagate: arrestato imprenditore

 
Un mistero di 2000 anni fa
Brindisi, dalla Germania archeologi setacciano il mare a caccia del disco di Nebra

Brindisi, dalla Germania archeologi in mare a caccia del disco di Nebra

 
Dalla polizia
Brindisi, minacciavano e impedivano acquisti alle aste giudiziarie: 4 arresti

Brindisi, minacciavano e impedivano acquisti alle aste giudiziarie: 4 arresti

 
Sulla strada per il mare
Brindisi, rissa fra due ragazzine per «colpa» di un fidanzatino

Brindisi, rissa fra due ragazzine per «colpa» di un fidanzatino

 
Sotto la pioggia
Brindisi, a folle velocità sulla statale con 15kg di droga nel portabagagli: arrestato

Brindisi, a folle velocità sulla statale con 15kg di droga nel portabagagli: arrestato

 
Il caso
Erchie, guidava un trattore rubato del valore di 50mila euro: arrestato

Erchie, guidava un trattore rubato del valore di 50mila euro: arrestato

 
Dopo una lite
Ostuni, accoltellato mentre passeggia in centro con la moglie: morto 34enne

Ostuni, ucciso dal fidanzato della figlia: fermati anche i consuoceri

 

Il Biancorosso

L'AMICHEVOLE
Tanti sperimenti, poche emozioniIl Bari pareggia con la Fiorentina

Tanti esperimenti, poche emozioni
Il Bari pareggia con la Fiorentina

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraHeroes Pride
Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

 
GdM.TVGli arresti
Tre rapine in tre mesi a Bitonto: due giovani in manette

Tre rapine in tre mesi a Bitonto: due giovani in manette

 
LecceLa sentenza
Lecce, senza lavoro perché parente del boss: netturbino reintegrato dal giudice

Lecce, senza lavoro perché parente del boss: netturbino reintegrato dal giudice

 
FoggiaCorsa alle polizze
Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

Foggia, clima pazzo: agricoltori «costretti» ad assicurarsi

 
BrindisiIl caso
Fasano, problemi con la movida: ristoratori contro il Comune

Fasano, problemi con la movida: ristoratori contro il Comune

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 
TarantoAmbiente ferito
Taranto, rete di fibra di cocco per trattenere le polveri: ok dalla Procura

Taranto, rete di fibra di cocco per trattenere le polveri: ok dalla Procura

 
PotenzaDegrado in città
Rifiuti, scatta la tolleranza zero a Potenza: «multe salatissime»

Rifiuti, scatta la tolleranza zero a Potenza: «multe salatissime»

 

i più letti

L'allarme

Brindisi, Legambiente scrive al sindaco: «Comune dichiari emergenza climatica»

L'associazione invita le istituzioni a prendere una posizione

Brindisi, Legambiente scrive al sindaco: «Comune dichiari emergenza climatica»

L’emergenza climatica tra le priorità contenute nell’”agenda” di Legambiente Brindisi che nei giorni scorsi ha inviato una lettera al sindaco e al presidente del Consiglio comunale per conoscere gli intendimenti al riguardo dell’Amministrazione.
«Nonostante la mobilitazione in atto in tutto il mondo - riporta la missiva -, i Governi non stanno facendo abbastanza per contrastare i cambiamenti in corso. Ognuno di noi, dal canto suo, deve accettare di modificare alcune abitudini per non doverle poi modificare tutte, perché i cambiamenti climatici, se non debitamente affrontati, porranno fine alla vita umana sulla terra così come la conosciamo. E, in tal senso, anche il presidente della Repubblica ha più volte sottolineato l’emergenza, sottoscrivendo persino un documento, congiunto con altri quattordici Capi di Stato, in cui si riconosce che il cambiamento climatico è la sfida chiave del nostro tempo».

A rafforzare i timori manifestati da più parti, concorrono dati e studi di certo non incoraggianti: «Il riscaldamento globale, salvo azione immediata, provocherà un aumento di temperatura globale superiore ai 3 gradi centigradi entro il 2100, con effetti devastanti sugli ecosistemi terrestri e sulla specie umana - incalza nella lettera Legambiente -. Inoltre, c’è l’ultimo rapporto Ipcc-Onu (2018), secondo cui l’umanità ha tempo entro il 2030 per limitare l’incremento della temperatura a 1.5° centigradi (per evitare danni irreversibili al clima, ottenibile con scelte individuali, comunitarie e con un mutamento di rotta nel comparto industriale a cominciare dall’uscita dalla combustione di tutti i fossili), nonchè l’ultimo rapporto Ipbes-Onu, pubblicato il 6 maggio 2019, che segnala un declino ecologico “senza precedenti”, in cui un milione di specie animali e vegetali sono a rischio estinzione nel breve periodo per colpa dei cambiamenti climatici e di un sovrasfruttamento di terra e mare, piante e animali». «A ciò - prosegue l’associazione ambientalista - si affiancano i preoccupanti effetti del riscaldamento globale e dell’inquinamento (che ogni anno diminuiscono le aspettative di vita di circa 6,5 milioni di persone in tutto il mondo), il rapporto sul Global Environment Outlook (che rappresenta la valutazione più completa e rigorosa sullo stato dell’ambiente mondiale, firmato da più di 250 scienziati) e lo studio della Ellen MacArthur Foundation, in collaborazione con il World Economic Forum, dal titolo “The New Plastics Economy: Rethinking the future of plastics”, il quale stima che ad oggi finiscono nel mare 8 milioni di tonnellate di plastica ogni anno e che nel 2050 gli oceani potrebbero contenere più plastica che pesci, in termini di peso».

Da qui, l’appello e il monito al sindaco di Brindisi, con annesse specifiche richieste in merito alla posizione da assumere sulla vicenda: «Chiediamo, in primo luogo - è riportato ancora nella missiva di Legambiente - la dichiarazione dello stato di emergenza climatica ed ambientale, intesa come assunzione di responsabilità politica con straordinaria determinazione e focalizzazione di impegno, riconoscendo le responsabilità storiche del cambiamento climatico. Chiediamo, inoltre, ogni possibile contributo all’interno delle competenze del Comune di Brindisi per contenere l’aumento della temperatura globale entro 1,5° C e fissare un obiettivo di azzeramento delle emissioni nette di gas climalteranti entro il 2030, ritenendo l’obiettivo di zero emissioni nel 2050 insufficiente e incoerente con lo stato di emergenza climatica, nonchè la massima priorità al contrasto al cambiamento climatico nell’agenda dell’Amministrazione comunale, tenendo conto in ogni azione amministrativa o iniziativa degli effetti che questa comporta sul clima».

Ma la lista delle richieste non si esaurisce qui: «Chiediamo altresì che le misure di contrasto, mitigazione e adattamento vengano implementate secondo il principio di giustizia climatica (i costi della transizione non devono gravare sulle fasce più deboli della popolazione, ma devono essere sostenuti soprattutto da chi ha causato maggiormente i danni ambientali) e, infine, di invitare tutte le istituzioni territoriali, a partire dalla Regione Puglia e dal Governo della Repubblica, a varare analoghi provvedimenti». «Alleghiamo alla missiva la copia della delibera del Consiglio comunale di Torchiarolo (significativa in quanto assunta da uno dei Comuni inseriti nell’area ad elevato Rischio di crisi ambientale di Brindisi)». Delibera con la quale l’Amministrazione ha dichiarato lo stato di emergenza climatica per il proprio territorio, facendo propri i sei punti di istanze proposte online dai cittadini e riconscendo lesiva del diritto umano al clima qualsiasi inziativa capace di ostacolare l’abbandono definitivo della produzione e del consumo energetico fossile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie