Lunedì 27 Gennaio 2020 | 02:02

NEWS DALLA SEZIONE

In piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
Una 50enne romena
Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

 
Le dichiarazioni
Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

 
L'annuncio
Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

 
Nel Brindisino
Ceglie Messapica, due cadaveri trovati in una casa: indagano i carabinieri

Ceglie Messapica, trovati morti in casa: si sono uccisi a coltellate dopo una lite

 
Nel Brindisino
Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

 
L'iniziativa
Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

 
nel brindisino
Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

 
Il caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 
Operazione della Polizia
Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

 
Nel Brindisino
Fasano, ha il divieto di avvicinamento e incendia auto degli amici dell'ex compagna: arrestato

Fasano, incendiava auto degli amici dell'ex compagna: arrestato stalker

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato. Alle 15 la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatESERCITO
Barletta, tutti di corsa per la "Toro Ten"1.300 partecipano alla gara con le stellette

Barletta, tutti di corsa per la «Toro Ten»
1.300 partecipano alla gara con le stellette

 
HomeLa tragedia
San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

 
HomeAggressione
Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

 
BrindisiIn piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
PotenzaCittà europea dello sport 2021
Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

 
LecceIl video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

Soccorse

Torre Guaceto, tartarughe salvate da ami e lenze killer

Curati 50 esemplari in due anni

Torre Guaceto, tartarughe salvate da ami e lenze killer

La prima trovata con un cappio di lenza al collo, la seconda con un amo in bocca che le aveva perforato l’occhio. Continuano le attività di soccorso delle tartarughe marine in difficoltà ed i conseguenti ricoveri presso il centro recupero «Luigi Cantoro» di Torre Guaceto che negli ultimi due anni ha contribuito a salvare una cinquantina di esemplari.
Gli ultimi due animali sono stati rinvenuti in stato di necessità dai pescatori della Riserva.
La prima è stata scoperta in mare con un cappio stretto in torno al collo che, oltre ad averle lacerato parte dello stesso, rischiava di ucciderla. Dopo averla notata, i pescatori l’hanno subito caricata sulla loro piccola barca, per non perdere un minuto in più, si sono armati di un coltellino che tenevano con loro e hanno liberato il povero animale dalla stretta infernale, una lenza con la bobbina ancora attaccata. Tornati sulla costa, i pescatori hanno chiesto l’intervento del personale del Consorzio di Gestione di Torre Guaceto e la Caretta caretta è stata trasferita presso il centro recupero «Luigi Cantoro». Fortunatamente, non corre pericolo di vita.


La seconda è stata recuperata solo un paio di giorni dopo. Anche in questo caso, l’animale ha rischiato di morire a causa della presenza in mare di attrezzi da pesca. Questa Caretta caretta aveva un amo che le fuoriusciva dalla bocca e da un occhio. L’attrezzo le impediva anche di mangiare. Arrivata al centro recupero di Torre Guaceto, il personale addetto ha deciso per l’immediato trasferimento presso la sede della Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Bari, struttura con la quale il Consorzio ha sottoscritto un protocollo d’intesa per la cura degli animali che versano in condizioni di salute preoccupanti.
Gli animali marini uccisi dall’inquinamento del mare o recuperati prima che fosse troppo tardi e soccorse a Torre Guaceto sono innumerevoli.
Nel 2017, gli esemplari accolti nel centro recupero sono stati 27, di cui 26 della specie Caretta caretta e 1 Chelonia mydas. Di questi 1 è risultato pescato con tramaglio, 3 con palamito, 13 si sono spiaggiati, 9 sono stati raccolti in mare alla deriva, 1 è rimasto intrappolato nella griglia di protezione dei sistemi di aspirazione dell’acqua marina usata da un’industria. In totale sono stati riabilitati e reintrodotti in natura 23 esemplari, 4, purtroppo, non ce l’hanno fatta malgrado le cure che sono state dedicate loro.


Nel 2018, invece, 20 sono le Caretta caretta recuperate. Di queste, 8 sono state recuperate alla deriva dopo essersi impigliate in attrezzi a lenza utilizzate per la pesca, 6 si sono spiaggiate, 6 sono rimaste intrappolate in vasche di raffreddamento. Poi, 12 di loro hanno ripreso completamente la forma fisica presso il «Luigi Cantoro» e sono state liberate, 3 sono ancora in degenza, 2 sono ancora ricoverate a Bari, 3 sono decedute.
Sulla base di questi dati, la maggior parte delle tartarughe marine ha rischiato di morire a causa di pratiche di pesca non sostenibili o per colpa dei rifiuti, attrezzi da pesca e non, che ormai infestano i nostri mari.
Per non parlare del fatto che la maggior parte degli animali che vengono curati a Torre Guaceto hanno ingerito plastica in mare: buste per la spesa che scambiano per meduse, resti di reti, microplastiche.
Ogni anno, gli operatori del Consorzio accolgono i visitatori della Riserva e cercano di trasmettere loro l’importanza del condurre una vita realmente sostenibile, fanno sensibilizzazione, ma poco cambierà fin quando non si capirà che ogni piccola azione quotidiana può avere un impatto catastrofico sull’ambiente e gli animali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie