Mercoledì 22 Maggio 2019 | 00:58

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità
Da Bisceglie a Boston: ricercatore scopre innovativa terapia oncologica

Da Bisceglie a Boston: ricercatore scopre innovativa terapia oncologica

 
Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 
I danni
Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

 
Riflettori puntati
Trani, inchiesta Giancaspro: nuovo stadio in periferia, palazzi al posto del vecchio

Trani, inchiesta Giancaspro: nuovo stadio in periferia, palazzi al posto del vecchio

 
Il diretto
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Treni, a Barletta fermerà Bari-Roma. Mit: nuovi servizi su Alta velocità. Che non esiste

 
L'episodio
Bisceglie: atti osé in piazza fra adolescenti, scoppia rissa

Bisceglie: atti osé in piazza fra adolescenti, scoppia rissa

 
Magnitudo 2
Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

 
REBUS VIABILITÀ
Trani, caos passaggio a livello: 60 giorni per scegliere

Trani, caos passaggio a livello: 60 giorni per scegliere

 
Il memoriale
Nardi Savasta

Magistrati arrestati, D'Introno: «Ai giudici escort, mazzette e frullatori»

 

Il Biancorosso

IL PAGELLONE
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top
Piovanello l'under più in palla

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIngenti danni
Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

 
MateraL'incidente
Montescaglioso, contro tra auto e moto: un morto

Montescaglioso, scontro tra auto e moto: muore un 30enne

 
HomeLa decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
TarantoI tubi scambiati
Morirono in 8 per scambio tubi in ospedale: reato va in prescrizione

Castellaneta, 8 morti in ospedale: il reato va in prescrizione

 
BrindisiIl comizio
Ostuni, botta e risposta tra Salvini e i contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

Ostuni, botta e risposta tra Salvini e contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

 
PotenzaComando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
HomeLa visita
Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

 

i più letti

Caso al Nuzzi

Andria, lezioni a giorni alterne
al liceo: il riscaldamento non va

Si attende il collegamento dell'impianto alla rete del gas. E la dirigente è costretta a far restare a casa ogni giorno otto classi perchè le aule riscaldate sono poche

Andria, lezioni a giorni alterneal liceo: il riscaldamento non va

MARILENA PASTORE

ANDRIA - Mentre il contatore sul sito istituzionale del liceo scientifico “R. Nuzzi” segna 866 giorni di ritardo nella consegna dei lavori del nuovo edificio, la scuola corre ai ripari e dispone la turnazione delle classi vista l’impossibilità di usare le aule nuove, che non sono riscaldate. Un provvedimento che potrebbe durare anche tutto l’inverno se la situazione non si sblocca.

Il dirigente scolastico del “R. Nuzzi” Michelangelo Filannino ha diffuso una nota con cui informa genitori e studenti della necessità di turnare nelle uniche aule riscaldate, viste ormai le temperature invernali giunte e stabilizzatesi in questi giorni. Dall’11 gennaio, dunque, «le otto aule del nuovo edificio – scrive il preside - non potranno più essere utilizzate, come in questi primi giorni, con orario ridotto fino a quando l’impianto di riscaldamento già esistente, non sarà collegato alla rete del gas. In questo periodo otto classi (tranne le quinte) a turno giornalmente non verranno a scuola».

In sostanza, una classe al giorno rimane a casa. Preoccupati da un lato i genitori degli studenti: si accumulano ritardi e si interrompono le lezioni che chiaramente non verranno mai più recuperate; dall’altro preoccupati i docenti che si trovano costretti a proseguire nel percorso di studio in maniera accidentata, nonostante tutti gli sforzi profusi. È dal mese di agosto, infatti, che già si erano posti il problema dell’utilizzo delle nuove aule nel periodo invernale, chiedendo fin da subito all’ente Provincia di attivarsi per consegnare le aule, ormai pronte, ufficialmente alla scuola dopo aver fatto richiesta di attivazione di utenze e servizi. Gli studenti e i docenti hanno manifestato, protestato, sfilato per la città. Qualche promessa di risoluzione, tanti i silenzi da parte di chi avrebbe dovuto agire subito, senza indugio, per garantire il diritto allo studio che oggi invece gli studenti vedono compromesso, costretti a casa da un’empasse stagnante che non vede spiragli.

Gli studenti dello scientifico sono scesi in strada lo scorso 20 dicembre per denunciare la situazione ed al contempo sollecitare l’amministrazione provinciale Barletta-Andria-Trani, il presidente della Bat e sindaco di Andria Nicola Giorgino a completare finalmente i lavori di ampliamento dell’edificio di via Cinzio Violante oltre ai lavori di allacciamento della rete elettrica, idrica e riscaldamento. Ma è tutto fermo. Per martedì 16 gennaio è stato convocato dal dirigente Filannino il collegio docenti che esaminerà e approverà un documento che darà l’avvio ad una petizione: una raccolta firme per chiedere in via ufficiale alla Provincia la ripartenza dei lavori. Allo stato, dal punto di vista strettamente legale è in piedi una battaglia giudiziaria sul mancato pagamento all’impresa di una parte dei lavori: al decreto ingiuntivo dell’impresa si è opposta la provincia Bat che ha contestato i lavori eseguiti; dal punto di vista tecnico, invece, si succedono determine dirigenziali su passaggi di consegna della direzione dei lavori che, tuttavia, non sbloccano lo status quo. Ad oggi, il rischio è che quell’opera sia destinata a morire così, simbolo per le future generazioni di adulti delle promesse mai mantenute.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400