Venerdì 24 Maggio 2019 | 01:40

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
La bomba
Barletta, paura per ordigno bellico in mare

Barletta, paura per ordigno bellico in mare

 
Dopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
Sanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 
Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 
I danni
Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

 
Riflettori puntati
Trani, inchiesta Giancaspro: nuovo stadio in periferia, palazzi al posto del vecchio

Trani, inchiesta Giancaspro: nuovo stadio in periferia, palazzi al posto del vecchio

 
Il diretto
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Treni, a Barletta fermerà Bari-Roma. Mit: nuovi servizi su Alta velocità. Che non esiste

 
L'episodio
Bisceglie: atti osé in piazza fra adolescenti, scoppia rissa

Bisceglie: atti osé in piazza fra adolescenti, scoppia rissa

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl candidato
Comunali, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

Comunali Bari, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 
PotenzaStatale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 
BatLa sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
BrindisiNel brindisino
Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

 
Tarantonel tarantino
Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

 
LecceSenza lavoro
Povertà: a Lecce aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

Povertà: aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

 
FoggiaLo studio
Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

 

i più letti

Ordine del Tribunale

Andria, sequestrato
tesoro dei fratelli narcos

Campi di calcetto, tre appartamenti, arredi, quadri, arazzi, vasi, denaro, monili d’oro e d’argento, gioielli e orologi, oltre 8 conti correnti

Andria, sigilli ai campi di calcetto«Comprati con i soldi della droga»

Hanno acquistato - secondo l’accusa - immobili e terreni con i proventi dello spaccio di droga, intestando poi i beni a familiari compiacenti. La Polizia di Stato ha sequestrato ad Andria due terreni adibiti a campi di calcetto in contrada Sant'Agostino e la società che gestiva i campi, tre appartamenti comprensivi di arredi, quadri, arazzi, vasi e suppellettili di pregio, denaro, monili d’oro e d’argento, gioielli e orologi, oltre 8 conti correnti bancari e postali. Destinatari dei provvedimenti di sequestro preventivo disposti dal Tribunale del Riesame di Bari sono i fratelli Fabio, Sabino e Nicola Roberto con le rispettive mogli.

I primi due risultano indagati in un’inchiesta della Dda di Bari, coordinata dal pm Ettore Cardinali, che coinvolge altre 9 persone, tutte arrestate nel febbraio 2015, per i reati di associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di droga, porto e detenzione di armi da guerra. Il Riesame di Bari, presidente Francesca La Malfa, accogliendo l’appello della Procura dopo che il gip aveva rigettato le richieste di sequestro, ha ritenuto sussistente la sproporzione tra i redditi dichiarati dai familiari degli indagati e i beni acquistati che erano nella piena disponibilità dei fratelli Roberto.

Agli atti dell’indagine ci sono, oltre agli accertamenti patrimoniali, anche le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia secondo i quali «i Roberto avevano acquistato terreni per poi costruire alcuni campetti da calcetto investendo 200mila euro, cifra proveniente dallo spaccio, allo scopo di avere una attività lecita che funga da copertura». La società sarebbe stata poi intestata al fratello Nicola, l’unico incensurato della famiglia, «ma gestita direttamente da loro (Fabio e Sabino Roberto, ndr)».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400