Mercoledì 23 Settembre 2020 | 09:14

NEWS DALLA SEZIONE

Lavori pubblici
Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

 
il rogo
Andria, deposito di merce divorato dalle fiamme: un fulmine forse all'origine

Andria, deposito di merce divorato dalle fiamme: un fulmine forse all'origine VD

 
Il rogo
Vasto incendio ad Andria: il sindaco invita i cittadini a chiudere le finestre

Vasto incendio ad Andria: il sindaco invita i cittadini a chiudere le finestre

 
L'addio di un amico
Barletta, addio a Pasquale meccanico alla Ferrari morto per infarto

Barletta, addio a Pasquale meccanico alla Ferrari morto per infarto

 
La ricorrenza
Trani, ucciso per sedare una rissa: il ricordo di Biagio Zanni

Trani, ucciso per sedare una rissa: il ricordo di Biagio Zanni

 
Elezioni 2020
Bisceglie, ministro Boccia vota nella scuola elementare Cosmai

Bisceglie, ministro Boccia vota alla Cosmai

 
Elezioni comunali
Andria e Trani alla prova della scelta del sindaco

Andria e Trani alla prova della scelta del sindaco

 
La riqualificazione
Trani, una pietra «a cuore» per la rinascita

Trani, una pietra «a cuore» per la rinascita

 
Il caso
Canosa, «No a ristoranti o bar nell’ex Filantropica»

Canosa, «No a ristoranti o bar nell’ex Filantropica»

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, esordio in Coppa Italia senza Di Cesare e De Risio

Bari calcio, esordio in Coppa Italia senza Di Cesare e De Risio

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaCaso nel Potentino
Basilicata, a Carbone il sindaco «sconosciuto»: eletto con altri che nessuno ha mai visto. «Mi dimetterò»

Basilicata, a Carbone il sindaco che nessuno ha mai visto: eletto con altri «sconosciuti». «Mi dimetterò»

 
BariIl caso
Bari, scatta la prescrizione per 11 furbetti del cartellino dell'ex Provincia

Bari, scatta la prescrizione per 11 furbetti del cartellino dell'ex Provincia

 
TarantoContagi
Grottaglie, un impiegato della Leonardo è positivo al Covid 19

Grottaglie, un impiegato della Leonardo è positivo al Covid 19

 
BrindisiIn 60 anni
Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

Brindisi, Roma e Milano nella top 100 delle città «più calde» d'Europa

 
Materal'anniversario
Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

 
FoggiaCovid
S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

S. Giovanni Rotondo, tutto esaurito in Chiesa per la veglia di San Pio

 
BatLavori pubblici
Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

 
LecceViaggi della speranza
Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

 

i più letti

La protesta

Barletta: «Manifesti elettorali? Ecco la solita giungla»

I 5 Stelle: adesso basta, servono controlli accurati e sanzioni. «Qui vige la “regola” di oscurare volutamente ciò che viene affisso nel rispetto delle regole arraffando quanti più spazi possibile»

Barletta, ecco la solita giungla dei manifesti elettorali

BARLETTA - «Più trascorrono i giorni che ci avvicinano al voto, più Barletta si trasforma in una vera e propria giungla delle affissioni e dei comitati». Lo sottolineano Beppe Basile, Antonio Coriolano e Maria Angela Carone, consiglieri comunali del Movimento 5Stelle, e Stefania Doronzo, candidata al consiglio regionale. «Quello che sta accadendo - aggiungono - per l’affissione dei manifesti nelle plance predisposte dalla amministrazione, ha ormai i connotati di una savana senza regole. Ad eccezione di pochissimi, tra cui la nostra candidata al consiglio regionale Stefania Doronzo, nessuno rispetta le posizioni assegnate. Il rispetto delle norme e degli altri candidati è un optional. Anzi, vige la regola di oscurarli volutamente, affiggendo in serie i manifesti ed occupando quanti più spazi possibile, coprendo quello dell’odiato avversario».

Ancora: «Eppure non è difficile. Ognuno ha le sue plance, ci sono i numerini e l’amministrazione comunale ha fatto pure il disegnino. La verità è che per questi personaggi le regole non esistono e pensano di esserne al di sopra e che per loro non valgano, dimostrando una assoluta mancanza di rispetto verso quelle istituzioni nelle quali sperano di entrare. Una situazione analoga si sta verificando anche per i comitati elettorali. Pochi rispettano le regole di esposizione di manifesti all’esterno, alcuni le infrangono spudoratamente alla luce del sole, nelle vie e nelle piazze più centrali della città, sotto gli occhi di tutti, senza che nessuno intervenga. In tutta questa confusione spicca, come al solito, l’Inerzia della Amministrazione comunale e di chi dovrebbe materialmente vigilare sul corretto svolgimento della campagna elettorale, sanzionando i trasgressori e coprendo i manifesti abusivi. Già alcuni giorni fa abbiamo mandato una mail certificata al comandante dei vigili e al sindaco, con tanto di foto a testimonianza delle irregolarità diffuse, ma a nulla è valso finora. Finora neanche l’ombra di un controllo o di una sanzione e tutto, come troppo spesso accade, sembra invisibile a chi deve garantire sia ai cittadini che ai candidati i loro diritti.

A questa amministrazione cieca e sorda, forse perché troppo coinvolta in queste elezioni, chiediamo che vengano ripristinate le regole minime per garantire una competizione elettorale corretta, per far sì che tutti abbiano il giusto spazio. Ah, forse si intravede qualche spiraglio: ieri qualche pudìco avviso di “spazio occupato abusivamente” s’è visto. Ma non copre per intero neppure ...gli abusivi. Incredibile e paradossale!».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie