Giovedì 13 Agosto 2020 | 16:38

NEWS DALLA SEZIONE

i fatti nel 2018
Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

 
il provvedimento
Bisceglie: rissa e colpi di pistola in aria, chiuso locale per 15 giorni

Bisceglie: rissa e colpi di pistola in aria, chiuso locale per 15 giorni

 
NORDBARESE
Andria, Marmo: da rifare la gara ponte sulla raccolta dei rifiuti

Andria, gara ponte sui rifiuti: tutti i dubbi di Marmo

 
nella Bat
Spinazzola, braccianti sfruttati a 3,80 euro all'ora: 3 arresti in un'azienda

Spinazzola, braccianti sfruttati a 3,80 euro all'ora: 3 arresti in un'azienda

 
IL RACCONTO
Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

 
INQUINAMENTO
Legambiente: canale H a Barletta inquinamento da bollino rosso

Legambiente: mare da bollino rosso a Barletta nei pressi del canale H

 
MALASANITÀ
Barletta, «Il ricovero-odissea di mia sorella tra attese e mancanza di acqua e cibo»

Barletta, «Il ricovero-odissea di mia sorella tra attese e mancanza di acqua e cibo»

 
IL CASO
Barletta, concorso vigili, solo 8 «superstiti»

Barletta concorso vigili, solo 8 «superstiti»

 
verso il voto
Barletta, manifesti abusivi. È già polemica

Barletta, manifesti abusivi in spazi non ancora assegnati: è già polemica

 
IL PROGETTO
Trani, nuovi uffici giudiziari con vista sulla storia

Trani, nuovi uffici giudiziari con vista sulla storia

 
i fatti nei mesi scorsi
Fece esplodere una bomba e appiccò un incendio davanti a farmacia: un arresto a Bisceglie

Fece esplodere una bomba e appiccò un incendio davanti a farmacia: un arresto a Bisceglie

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, un altro giorno di rinvii

Bari, un altro giorno di rinvii: torna in quota solo il ds Scala

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl virus
Coronavirus, positivi 4 giovani lucani: sono appena tornati da Malta

Coronavirus, positivi 4 giovani lucani: sono appena tornati da Malta

 
LecceLa curiosità
Lecce, strombazzano il clacson in piazza Sant'Oronzo: multata coppia di neosposi

Lecce, strombazzano il clacson in piazza Sant'Oronzo: multata coppia di neosposi

 
Barinel barese
Monopoli, mascherine obbligatorie dalle 18 all'1 di notte, sindaco firma ordinanza

Monopoli, mascherine obbligatorie dalle 18 all'1 di notte, sindaco firma ordinanza

 
Tarantoguardia costiera e polizia
Taranto, 2 tonnellate di cozze con etichette contraffatte: sequestro e una denuncia

Taranto, 2 tonnellate di cozze con etichette contraffatte: sequestro e una denuncia

 
Foggiain mattinata
Foggia, auto contro vespa: un ferito al pronto soccorso

Foggia, auto contro vespa: un ferito al pronto soccorso

 
Materaestate
Matera, buon afflusso di turisti per Ferragosto

Matera, buon afflusso di turisti per Ferragosto

 
BrindisiCORONAVIRUS
Brindisi, esposto all'Ordine medici: «Contagiato dal primario»

Covid-19, Brindisi, esposto all'Ordine dei medici: «Contagiato dal primario»

 
Bati fatti nel 2018
Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

 

i più letti

NordBarese

Trani, scoppia l'incendio nel terreno incolto: pericolo annunciato

L’incendio di ieri in zona Capirro arriva dopo la denuncia dei residenti. Intervento massiccio dei Vigili del fuoco nell’area di proprietà dell’ente regionale Asp Vittorio Emanuele II

Trani, scoppia l'incendio nel terreno incolto: pericolo annunciato

Trani - Tanto tuonò che piove. E sarebbe stato davvero meglio che su quel terreno fosse caduta tanta acqua, perché avrebbe spento molto prima il rogo. Invece dobbiamo parlare di un vasto incendio, pressoché annunciato come illustreremo più avanti, che si è diffuso per una considerevole estensione sul terreno compreso fra via Astor Piazzolla e via Giuseppe Palmieri, di proprietà della Azienda servizi alla persona (ex casa di riposo) Vittorio Emanuele II.

L’area, che si estende per ben 40.000 metri quadrati, è rimasta incolta a dispetto dell’ordinanza sindacale che disponeva aratura e bonifica di tutti i terreni a rischio incendio entro lo scorso 15 giugno.

Già il Comune di Trani ha realizzato i suoi interventi con ritardo rispetto alla tabella di marcia, che il sindaco stesso aveva dato a privati ed enti pubblici (quindi anche a se stesso), ma aveva ugualmente proceduto attraverso la sua azienda partecipata Amiu. Il terreno di Capirro, però, non è rientrato in quell’intervento poiché l’Asp Vittorio Emanuele II è un organismo (ex Ipab) di fatto dipendente della Regione Puglia e non dal Comune di Trani. Nel frattempo, però, le stoppie erano cresciute a dismisura e soltanto sabato scorso la Gazzetta si era soffermata diffusamente sulle conseguenze che avrebbero potuto determinare qualora fosse sorto un incendio: detto, fatto, a distanza di soli tre giorni, l’altra notte il rogo è divampato.

A dare l’allarme, alle 23.10 dell’altro ieri, il gestore del centro sportivo adiacente il terreno: sul posto, guidati da una pattuglia della Polizia locale, i vigili del fuoco con un numero considerevole di autobotti grazie alle quali hanno domato le fiamme già prima della mezzanotte.

Ma questo è stato possibile anche grazie al fatto che la serata era, per fortuna, quasi per nulla ventosa: diversamente il fuoco si sarebbe potuto facilmente propagare e raggiungere sia il centro sportivo, sia il circolo Sporting Club, sia ville abitate.
Sempre nei giorni scorsi un cittadino che abita proprio di fronte a quel terreno, in qualità di portavoce di tutti gli altri residenti, aveva segnalato alla Prefettura lo stato di abbandono di quel fondo, che sarebbe potuto risultare a rischio incendio.

Il vice prefetto Grandolfo, condividendone le preoccupazioni, aveva a sua volta scritto a sindaco, assessore all’ambiente e comandante della Polizia locale chiedendo di informare tempestivamente il Palazzo del Governo in merito ai provvedimenti adottati e programmati a tutela della pubblica e privata incolumità. Interventi che restano da attuare, poiché l’incendio ha interessato una parte limitata del fondo, che è ancora gravemente a rischio incendio.

Alla base del mancato intervento, l’assenza pressoché totale di fondi nelle casse di una ex casa di riposo che ormai, a tutti gli effetti, è una scatola vuota con un commissario straordinario (che la regge per l’ordinaria amministrazione) nella persona dell’avvocato Anna Curci.

Le disponibilità economiche sono quasi pari a zero, mentre consistenti appaiono quelle immobiliari, tutte da alienare in tempi e modi ancora non meglio definiti: fra queste, l’area di Capirro è decisamente la più importante e di valore.

Della sua vendita si parla addirittura da un quarto di secolo a questa parte: infatti era il 1995 quando, sotto l’egida del sindaco Giancarlo Tamborrino, pareva imminente la sua alienazione ai fini della costruzione di una nuova casa di riposo.

Sfumata quella operazione, nulla è più accaduto, mentre nel 2014 la casa di riposo ha chiuso e, con quella, sono terminate in breve tempo le risorse disponibili.

Tanto è vero che oggi, con riferimento ad un’altra importante unità immobiliare di proprietà della Asp presso Palazzo Trombetta in piazza Longobardi (la cui intera ristrutturazione è tuttora in corso) il Comune di Trani sta agendo in danno della stessa Asp per i lavori nell’appartamento di sua proprietà, confinante con altri di proprietà comunale.

Quanto al terreno, il commissario Curci fa sapere che «il Comune si era impegnato a bonificare una parte del terreno». Al contrario il sindaco, Amedeo Bottaro, anticipa «l’esecuzione in danno anche qui, anche se si tratta del terreno di estensione più ampia fra tutti quelli su cui siamo intervenuti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie