Giovedì 23 Gennaio 2020 | 12:50

NEWS DALLA SEZIONE

nel nordbarese
Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

 
nel nordbarese
Andria, svastica sulla Cattedrale, vescovo: «Preoccupa l'ideologia»

Andria, svastica sulla Cattedrale, vescovo: «Preoccupa l'ideologia»

 
Bat
La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

 
il caso
Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

 
l'ultimo saluto
Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

 
Il caso
Gli ingegneri-netturbini di Barletta si raccontano a France 2

Gli ingegneri-netturbini di Barletta si raccontano a France 2

 
La decisione
Trani, infiltrazioni mafiose in azienda: disposta ammnistrazione giudiziaria

Trani, infiltrazioni mafiose in azienda: disposta ammnistrazione giudiziaria

 
nel nordbarese
Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare Silvestris: si indaga

Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare: si indaga

 
l'esplosione
Andria, bomba su auto tecnico Fidelis durante allenamento

Andria, bomba su auto dirigente Fidelis durante allenamento

 
il caso
InnovaPuglia, nessun abuso per Emiliano con la nomina del sindaco di Bisceglie

InnovaPuglia, nessun abuso per Emiliano con la nomina del sindaco di Bisceglie

 
Tragedia sfiorata
Andria, bambina investita da auto finisce in ospedale

Andria, bambina investita da auto finisce in ospedale

 

Il Biancorosso

contro la Reggina
Bari, Vivarini già guarda alla trasferta calabrese: «Testa alla partita di domenica»

Bari, Vivarini già guarda alla trasferta calabrese: «Testa alla partita di domenica»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzadopo la tragedia
Tifosi investiti: cominciati interrogatori dei 26 arrestati

Tifosi investiti: cominciati interrogatori dei 26 arrestati

 
Batnel nordbarese
Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

 
BrindisiIl caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 
Barinel Barese
«Tu di qui non esci vivo»: minacce a imprenditore a Bitonto, affiliato clan Cipriano in carcere

Bitonto, «Tu di qui non esci vivo»: minacce a imprenditore, in carcere affiliato clan Cipriano (Video)

 
Foggianel Foggiano
San Severo: staccano elettricità a migranti e lanciano pietre, la denuncia di un'associazione

San Severo, via l'elettricità alla palazzina dei migranti e lancio di pietre

 
Tarantocontrolli dei cc
Taranto, spaccia hashish in un circolo ricreativo: arrestato 22enne

Taranto, spaccia hashish in un circolo ricreativo: arrestato 22enne

 
Leccenel Leccese
Nardò, 91enne trovata a casa nel sangue, muore in ospedale: è giallo

Nardò, 91enne trovata a casa nel sangue, muore in ospedale: è giallo

 
MateraOperazione di CC e Gdf
Matera, truffa e riciclaggio: in cella ex direttore banca. Sequestrato noto ristorante

Matera, truffa e autoriciclaggio: in cella ex direttore di banca. Sequestrato noto ristorante nei Sassi (VD)

 

i più letti

il caso

Andria, picchia fidanzata ma lei non lo denuncia: arrestato grazie a video sul web

Il pestaggio dovuto a motivi di gelosia, ma nonostante i calci e i pugni la ragazza non ha voluto sporgere denuncia perché "lo ama"

Andria, picchia fidanzata ma lei non lo denuncia: arrestato grazie a video sul web

«Lo amo e non lo denuncio». Queste le parole della ragazza 19enne, vittima del brutale pestaggio avvenuto la notte tra lunedì e martedì nei pressi dell’ospedale Bonomo di Andria. Nonostante i calci e i pugni ricevuti per strada dal suo fidanzato, la ragazza non ha voluto denunciarlo. Alla fine, la donna ha riportato lesioni al naso, un forte trauma nella zona del collo e vari ematomi sparsi sul corpo.

La mancata denuncia, però, non ha evitato le manette al fidanzato, il 29enne Alessandro Vurchio, già noto alle forze dell’ordine per precedenti di furti d’auto e rissa. Violenza privata, minacce aggravate, lesioni personali, danneggiamento e atti persecutori: questi sono i capi d’accusa alla base della richiesta d’arresto del sostituto procuratore del Tribunale di Trani, Alessandro Marangelli, che ha proceduto anche in assenza di una denuncia. Il caso di violenza sulle donne rientra perfettamente nella nuova normativa sul «codice rosso», ma non può configurarsi come tale perché non c’è stata la denuncia. Il «codice rosso» è stato introdotto da poco, infatti, proprio per dare un seguito più veloce all’azione di forze dell’ordine e magistratura.

La scena dell’aggressione era stata ripresa con un telefonino da un residente, e il video diffuso sui social è diventato virale nel giro di poche ore. C’è voluto un intenso e puntiglioso lavoro d’indagine degli agenti del commissariato di Andria, coordinati dal vice questore aggiunto Gerardo Di Nunno, ad identificare i protagonisti della triste vicenda. Portati in commissariato, a distanza di poche ore dall’accaduto, i poliziotti sono riusciti a venire a capo di quanto avvenuto. Una lite tra i due fidanzati, scoppiata per motivi di gelosia. Una discussione che in pochi istanti è passata dalle parole alle botte da orbi, alla presenza di una amica della ragazza. Immagini forti, quelle contenute nel filmato, dove la donna della giovane coppia vuole essere essere lasciata in pace, ma il fidanzato non la molla. Anzi, la bersaglia con calci, pugni, schiaffi, per poi minacciarla anche di morte.

Sulla vicenda fa riflettere un aspetto. Ormai la gente, erroneamente, preferisce riprendere con il proprio telefonino questi episodi violenti, piuttosto che chiamare prontamente le forze dell’ordine. O peggio ancora, la gente dopo aver effettuato il filmato, preferisce diffonderlo sui social piuttosto che consegnarlo alle forze dell’ordine. Bisognerebbe capire, invece, che solo una maggiore cultura della legalità può migliorare la qualità della vita di una comunità e non certamente i like o i commenti sui social.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie