Lunedì 03 Ottobre 2022 | 22:26

In Puglia e Basilicata

Denuncia di Coldiretti

«False» burrate di Andria vendute online: scattano i controlli

«False» burrate di Andria vendute online: scattano i controlli

È uno dei prodotti più imitati e vittima dell'agropirateria

22 Luglio 2019

Luca De Ceglia

La famosa “burrata” di Andria lotta per difendere la sua originalità, il suo sapore e le sue qualità inconfondibili, dall’invasione degli agro-pirati con le “imitazioni” vendute on-line, in beffa dei marchi di tutela comunitari. Truffe che si moltiplicano in “rete”.
C’era una volta, insomma, il rapporto di fiducia dalle mani del casaro al lavoro nella masseria immersa sulla Murgia a quelle del consumatore. Oggi basta un clic col mouse per ordinare e acquistare. Cosa? Una burrata “taroccata”.
Uno dei prodotti simbolo E così uno dei prodotti simbolo della Puglia rischia di affogare nel suo stesso latte. Le frodi colpiscono pure la tipicità delle lenticchie di Altamura, del limone «femminello» del Gargano, dell’olio extravergine d’oliva che sprizza nei nostri frantoi (la provincia Bat, dopo quella di Bari, è seconda in Italia per giacenza di olio con 22.904 tonnellate al 31 dicembre 2018). Ma ci si tuffa nella «rete» appassionatamente, danneggiando il «made in Italy» sopraffatto dai prodotti spacciati per originali.

La conferma viene dalla notevole mole di prodotti intercettata e bloccata dall’Ispettorato centrale per la tutela e la qualità e per la repressione frodi degli agroalimentari. Ne è scaturita la denuncia della Coldiretti Puglia, sulla base dei dati del Rapporto 2018 dell’ICQRF (in lingua cinese e inglese) del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali e del turismo.
Nella provincia di Barletta-Andria-Trani è stato portato a termine in questa settimana dalla guardia di finanza un “piano” finalizzato a prevenire e reprimere casi di contraffazione e di abusivismo commerciale. Bilancio: sequestro di oltre 10 mila articoli, in diversi settori merceologici, tra cui derrate alimentari, e la denuncia all’autorità giudiziaria di 9 persone e l’irrogazione di sanzioni amministrative per altri 9 soggetti.

«Con i prodotti che sfruttano l’italian sounding, un business che fattura nel mondo oltre 100 miliardi di euro, occorre difendere anche sul web un patrimonio agroalimentare straordinario sotto attacco dell’agropirateria internazionale - denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia - le esportazioni di prodotti agroalimentari tricolori potrebbero triplicare se ci fosse uno stop alla contraffazione alimentare internazionale, quando sono ancora falsi quasi due prodotti alimentari di tipo italiano su tre».

Secondo la Coldiretti regionale «è un fenomeno criminale che si sviluppa attraverso la vendita, le importazioni, la manipolazione e la trasformazione di prodotti agricoli di dubbia qualità e provenienza che giungono nel nostro Paese e diventano “made in Puglia” e “made in Italy” fregiandosi in modo fraudolento dell’immagine che accompagna, nel mondo, le produzioni del nostro territorio».

Si pensi che la burrata di Andria è stata venduta on-line nel bicchiere. Roba da far rivoltare nella tomba Lorenzo Bianchino, il casaro che agli inizi del ‘900 sulle colline murgiane di Andria ideò la «burrata». Secondo quanto si tramanda nella tradizione andriese egli utilizzò il latte vaccino che avrebbe dovuto portare a valle: creò una fiaschetta che farcì con la pasta filata, poi la riempì di panna prima di «sigillarla» con un filo di paglia. Segreti alimentari d’altri tempi, sviliti dai finti prodotti nostrani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725