Mercoledì 22 Maggio 2019 | 15:53

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 
Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 
I danni
Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

 
Riflettori puntati
Trani, inchiesta Giancaspro: nuovo stadio in periferia, palazzi al posto del vecchio

Trani, inchiesta Giancaspro: nuovo stadio in periferia, palazzi al posto del vecchio

 
Il diretto
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Treni, a Barletta fermerà Bari-Roma. Mit: nuovi servizi su Alta velocità. Che non esiste

 
L'episodio
Bisceglie: atti osé in piazza fra adolescenti, scoppia rissa

Bisceglie: atti osé in piazza fra adolescenti, scoppia rissa

 
Magnitudo 2
Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

 
REBUS VIABILITÀ
Trani, caos passaggio a livello: 60 giorni per scegliere

Trani, caos passaggio a livello: 60 giorni per scegliere

 
Il memoriale
Nardi Savasta

Magistrati arrestati, D'Introno: «Ai giudici escort, mazzette e frullatori»

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, 10 milioni di euro per il mercatoDe Laurentiis vuole crescere in fretta

Bari, 10 milioni di euro per il mercato
De Laurentiis vuole crescere in fretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
TarantoIl caso
Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mattinata, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento, sospetta agevolazione mafiosa

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 
BatSanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 

i più letti

La decisione

Bisceglie, cala il sipario sul teatro Garibaldi: via ai lavori sulla sicurezza

Nella sua lunga storia il teatro comunale, nel 1872 intitolato a Giuseppe Garibaldi, è stato frequentemente interessato da lavori strutturali

Bisceglie, cala il sipario sul teatro Garibaldi: via ai lavori sulla sicurezza

BISCEGLIE - Nella sua lunga storia il teatro comunale, nel 1872 intitolato a Giuseppe Garibaldi, è stato con molta frequenza interessato da lavori strutturali che ne hanno spesso penalizzato fruizione.

Ora le luci sul palcoscenico del “Garibaldi” sono state nuovamente spente. Saranno riaccese alla conclusione dei lavori previsti. La giunta ha approvato il progetto definitivo per la realizzazione dei lavori di adeguamento alle norme di sicurezza e di prevenzione dal rischio di incendio. Il progetto è stato redatto dall’Ufficio Tecnico del Comune, per un impegno di spesa di 270 mila euro nell’anno 2019.

Finora non si era giunti all’ottenimento dell’agibilità del teatro in quanto la Commissione di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo, ed in particolare i vigili del fuoco, hanno rilevato alcune carenze che hanno richiesto una ulteriore opera di adeguamento da marzo 2015. Saranno eseguite lavorazioni ritenute necessarie per rispondere ai requisiti del progetto di adeguamento alle norme. S’interverrà sui nuovi elementi realizzati nel 2000, che lasciano inalterate le parti storiche dell’edificio. Sarà sostituito il controsoffitto della sala (compreso l’impianto di illuminazione del “cielo stellato”) con altro controsoffitto certificato, mantenendo inalterato l’aspetto estetico; sarà rimosso l’intonaco di protezione delle capriate metalliche sovrastanti la zona.

Il teatro comunale di Bisceglie fu costruito in forme neoclassiche nel decennio 1862-1872. Era costituito da tre ordini di palchi e coperto con tetto a capriate in legno, successivamente sostituite (a causa di un incendio) con capriate metalliche, con tetto in tegole marsigliesi. La distribuzione funzionale del teatro è costituita dall’ingresso da via card. Dell’Olio, con un piccolo foyer. Nel 1953 l’amministrazione comunale Paternostro incaricò l’ing. Giuseppe Basile del progetto di ristrutturazione con ampliamento e trasformazione a cinema. Furono demoliti tutti i palchi e la muratura a ferro di cavallo che delimitava i corridoi di distribuzione dei palchi stessi, nonché eliminata tutta la zona a ridosso del prospetto principale per ricavarvi le nuove scale in cemento armato che portano attualmente ai due ordini di gallerie di nuova realizzazione. Fu creata anche una cabina di proiezione cinematografica a ridosso del portone d’ingresso, a livello rialzato, per cui non fu più possibile accedere al teatro dall’ingresso originario e l’accesso fu spostato in piazza regina Margherita di Savoia.

Per ampliare la capienza della sala furono anche demoliti il palcoscenico e le murature che contenevano l’arco di proscenio, sostituita con una trave e realizzate in cemento armato anche le strutture delle gallerie, con grossi pilastri e travi intradossate ed a piano terra un solaio incremento che sostituì il preesistente solaio della sala e fu ricavata nel piano interrato un’altra sala per incontri e conferenze, con accesso indipendente da piazza regina Margherita di Savoia. Il cinema fu poi chiuso nel 1984 per carenza di norme di sicurezza. Nel 2000 su incarico dell’amministrazione comunale gli architetti Gianni Boeri e Lugi Mirizzi disegnarono e realizzarono un progetto di recupero. Ora il sipario chiude, vi è il bisogno di intervenire con nuove “correzioni”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400