Giovedì 18 Aprile 2019 | 22:33

NEWS DALLA SEZIONE

Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 
Il punto
«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Problemi con gli impianti

Canosa, semafori spenti e legati al palo con le funi

Il numero dei semafori nella cittadina del Nordbarese è alto, ma alcuni sono spenti e rotti

Canosa, semafori spenti e legati al palo con le funi

Quanto a numero di impianti semaforici disseminati sul territorio, Canosa non è, in rapporto alla estensione della rete stradale urbana, seconda a nessuna delle città limitrofe. Di semafori ne ha in abbondanza. Diciotto sono quelli che si contano soltanto lungo via Corsica, di cui sei all’intersezione con via Europa, sette con via Fogazzaro, quattro all’incrocio con via Balilla ed uno nel tratto finale della strada. Una moltitudine che porta a pensare ad una efficiente organizzazione e disciplina del traffico e della salvaguardia della incolumità dei pedoni. E’, invece, l’opposto. Sono tanti, ma sono quasi tutti spenti o, al massimo, lampeggianti. Uno solo assolve alla sua funzione: quello installato su via De Gasperi all’incrocio con via Agli Avelli. E, addirittura, ve n’è uno lungo via Corsica, che è tenuto al palo da due funi elastiche.
Da quanto tempo? Si è perso il conto dei giorni in cui i passanti lo osservano in quelle condizioni precarie. Il che rappresenta, fra l’altro, un pericolo per chi attraversa a piedi o in auto quel tratto stradale. Se si stacca (e le giornate di vento forte non sono mancate) potrebbe causare seri danni.


La domanda viene spontanea. A cosa servono tanti semafori se poi nessuno provvede alla loro manutenzione? Fanno parte unicamente dell’arredo urbano. Sono stati installati, anni addietro, solo perché ne erano dotate le città limitrofe?
Si è voluto evitare di passare per il “vicino” povero o rispondere al bisogno di alleviare i disagi legati al traffico urbano? L’amministrazione pentastellata, guidata da Roberto Morra, sembra distratta in ordine al ripristino degli impianti semaforici, per cui la risoluzione continua ad essere lontana. Eppure si tratta di incroci che rappresentano punti critici del traffico veicolare nella città, con la presenza di numerosi disagi per i residenti nel quartiere ed incidenti stradali dovuti ad un traffico indisciplinato e spesso non rispettoso del limite di velocità. E’ pur vero che non sono questi i soli nodi stradali che necessitano di interventi, mancanti per l’assenza di un piano urbano del traffico, che è in attesa di essere aggiornato.
Manca una razionale regolamentazione dei flussi, per cui ci vuole poco a rimanere imbottigliato nel traffico caotico della zona centrale della città, anche fuori dalle ore di punta. Né si provvede all’analisi della situazione attuale. Insieme all’immediato ripristino degli impianti semaforici, occorre programmare i necessari interventi diretti al miglioramento sia delle condizioni della circolazione, sia della sicurezza stradale. La razionalizzazione della circolazione interna, mirata a migliorare la scorrevolezza del traffico, è divenuta una priorità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400