Mercoledì 24 Aprile 2019 | 14:09

NEWS DALLA SEZIONE

Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoPrimo caso a Sud
Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

 
BariNel quartiere San Paolo
Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

 
LecceL'operazione dei cc
Lecce, distruggono i vetri di 5 auto e di un’ambulanza: denunciati

Lecce, distruggono i vetri di 5 auto e di un’ambulanza: denunciati

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 
BatBotta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 

Inchiesta e rifiuti

Trani, questione Amiu: «L'indagine va proseguita su assunzioni e post gestione»

Le motivazioni esposte dal legale dei consiglieri comunali procacci e cinquepalmi di «Trani a capo»

Trani, questione Amiu: «L'indagine va proseguita su assunzioni e post gestione»

TRANI - "Le indagini sull’accordo sindacale che il 30 dicembre 2015 portò all’assunzione di 10 lavoratori Amiu e sul fondo post gestione della stessa municipalizzata devono proseguire”. A ribadire la richiesta al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani Raffaele Morelli è stato, ieri, l’avvocato Claudio Papagno, legale dei consiglieri comunali di “Trani a Capo” Aldo Procacci e Maria Grazia Cinquepalmi che si sono opposti alla richiesta d’archiviazione formulata dal pubblico ministero Valentina Botti. In oltre mezz’ora d’intervento, Papagno ha illustrato i motivi dell’opposizione e le presunte carenze investigative. Tra gli spunti offerti al gip sul versante fondo post gestione Amiu le condotte ed il ruolo che emergerebbero dalla relazione della Guardia di Finanza per le posizioni del sindaco di Trani Amedeo Bottaro e dell’assessore all’ambiente Michele Di Gregorio, che, è bene sottolineare, non sono indagati.

Al contrario furono iscritti nel registro della Procura tranese l’ormai ex amministratore unico Amiu Alessandro Guadagnuolo ed il suo predecessore Antonello Ruggiero con l’ipotesi di abuso d’ufficio. L’opposizione di Cinquepalmi e Procacci concerne sostanzialmente la posizione di Guadagnuolo: nella discussione di ieri, infatti, l’avv. Papagno non si è soffermato sulla posizione di Ruggiero. Nella richiesta d’archiviazione il pm contempla solo la vicenda delle 10 assunzioni, motivandola col “lieve sforamento delle percentuali d’assunzione” che però “non è sufficiente a provare l’intenzionalità del fine perseguito dagli indagati”. Il pm aggiunge che: ”la disciplina contrattualistica del rapporto di lavoro non si qualifica come norma di legge o di regolamento, la cui violazione costituisce il presupposto materiale per la configurabilità del delitto di abuso d’ufficio”.

Procacci e Cinquepalmi offrono elementi che giustificano una differente valutazione degli elementi investigativi acquisiti nonché spunti per ulteriori attività d’indagine. A cominciare dall’esame di “un estratto conto aggiornato al 31 dicembre 2017 relativo al fondo” da cui, a loro dire, emerge “l’ulteriore prelievo di somme per 750mila euro”, che aggiunti alla presunta, pregressa, movimentazione di oltre 519mila, totalizzano l’importo di 1 milione e 200mila euro. “Si suppone che il fondo post gestione si stia prosciugando con gravi conseguenze per tutti i cittadini essendo nota la destinazione di quel fondo a tutela degli interessi dei tranesi, della loro salute e dell’ambiente”. Quanto al capitolo delle 10 assunzioni, i consiglieri ritengono “che non sia stato valutato che uno dei dieci assunti è il cognato del sindaco Bottaro e che sussiste pertanto conflitto d’interessi”.
Ma le doglianze non si fermano qui, giacchè le conciliazioni sindacali, sottoscritte in Comune e non alla sede dell’Amiu alle 20,30 del 30 dicembre 2015, sarebbero avvenute “all’insaputa del dirigente dell’ufficio ragioneria, dell’assessore alle partecipate, dell’assessore al contenzioso, del presidente del collegio sindacale Amiu e non sappiamo – è scritto nell’atto di opposizione – se anche all’insaputa del sindaco”. Dal suo canto la difesa di Guadagnuolo (avvocato Giancarlo Chiariello) ha sostenuto la bontà della richiesta d’archiviazione evidenziando per il fondo post gestione come Guadagnuolo si sia attenuto all’ordinanza sindacale n.25/2016 e per le assunzioni l’aver agito sulla scorta di un parere legale a fronte, peraltro, dell’esigenza derivante da un servizio pubblico essenziale. Nei prossimi giorni la decisione del gip Morelli. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400