Mercoledì 21 Novembre 2018 | 02:22

NEWS DALLA SEZIONE

Sull'A14
Canosa, assalto con bande chiodate a portavalori di gioielli sull'A14

Canosa, assalto con bande chiodate a portavalori carico di gioielli 

 
I luoghi della cultura
Bat, musei aperti nei festivi? «Scarso personale, ma resta la protesta»

Bat, musei aperti nei festivi? «Scarso personale, ma resta la protesta»

 
Il caso
Trani, l'Osapp denuncia: «Agente aggredito in carcere da detenuto»

Trani, l'Osapp denuncia: «Agente aggredito in carcere da detenuto»

 
La vicenda
Barletta, ascensore fantasma in stazione: tanti i disagi per i disabili

Barletta, ascensore fantasma in stazione: tanti i disagi per i disabili

 
Ius soli
Margherita, la cittadinanza onoraria a 22 stranieri

Margherita, la cittadinanza onoraria a 22 bimbi stranieri

 
Niente aperture festive
Trani, Castello svevo chiuso di domenica: risorse finite

Trani, Castello Svevo chiuso di domenica: risorse finite

 
L'indagine
Casa ceduta per appuntamenti, denunciata coppia a Trani

Casa ceduta per appuntamenti, denunciata coppia a Trani

 
Guardia Costiera in azione
Cibo scaduto e congelato male: sequestri in locali a Bisceglie e Trani

Cibo scaduto e congelato male: sequestri in locali a Bisceglie e Trani

 
A Barletta
Un libro per aiutare Chiara, dopo l'incidente in Erasmus

Un libro per aiutare Chiara, dopo l'incidente in Erasmus

 
La tragedia di Andria
Scontro treni, Ferrotramvia: rispettate norme sicurezza, risarciti già 16 mln

Scontro treni, Ferrotramviaria: rispettate norme sicurezza, risarciti già 16 mln

 
Le indagini
Andria, sequestrato patrimonio per oltre 500mila euro a due coniugi

Andria, sequestrato patrimonio per oltre 500mila euro a due coniugi

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Sanità

Trani, vicenda ospedale, il consigliere Santorsola: «diffido» la Asl Bat

«Le promesse non sono state mantenute e la misura è colma»: sulla questione dell'ospedale di Trani il consigliere regionale scrive al presidente della Regione Puglia, al sindaco di Trani e al direttore generale Asl Bat e ai sindacati

Asl Bat

TRANI - Le promesse non sono state mantenute e la misura è colma»: sulla questione dell'ospedale di Trani il consigliere regionale Mimmo Santorsola scrive al presidente della Regione Puglia, al sindaco di Trani e al direttore generale Asl Bat, oltre alle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil
«Il trasferimento della Unità operativa di Gastroenterologia - tuona Santorsola - sancisce la chiusura definitiva dell’ospedale di Trani e la sua trasformazione in Presidio territoriale di assistenza. In momenti come questo diventano inutili e sterili le recriminazioni politiche ed amministrative ed i tentativi di tornare indietro nel tempo sognando un ospedale che per molti anni è stato un punto di riferimento scientifico ed assistenziale per la comunità tranese e per le città vicine. I cittadini tranesi hanno dimostrato ancora una volta la loro maturità e la loro disponibilità a sopportare sacrifici, per quanto immeritati, ed a collaborare accettando la proposta di un Pta integrato».
Sottolinea Santorsola: «Non ci sono state barricate e non ci sono state contestazioni nei confronti degli amministratori, ma il ritardo nella attuazione del protocollo di intesa siglato dal Presidente Emiliano, dal sindaco Bottaro e dal direttore generale della Asl Bt disattende il progetto concordato di una riconversione del San Nicola che compensasse in tempo reale la chiusura delle Unità operative».

Insomma: «Le promesse non sono state mantenute: non solo non sono stati comunicati i tempi certi della realizzazione delle strutture previste nel protocollo di intesa e reiterate dagli stessi vertici nell’incontro pubblico dell’11 maggio 2018 ma i segnali che provengono dalla Asl fanno presagire ulteriori tagli alla capacità assistenziale sul territorio cittadino».
Dopo il trasferimento della Gastroenterologia, «infatti, si paventa la chiusura del Pronto Soccorso, degli ambulatori di Cardiologia e di Chirurgia e del Laboratorio analisi; questo potrebbe essere solo un passo preliminare alla cancellazione di altre Unità operative quali l’Oncoematologia e la Ginecologia. La motivazione reale - sottolinea Santorsola - è sempre la stessa: la spoliazione progressiva di apparecchiature e di personale della struttura di Trani a favore degli ospedali viciniori. Credo però che la misura sia colma e, pertanto, in attesa della audizione, già richiesta, del presidente della regione, del sindaco e del direttore generale presso la Commissione regionale permanente competente diffido - dice il consigliere regionale - la Direzione Generale Asl Bt ad operare qualsiasi riduzione in termini di orario e di personale delle Unità operative attualmente operanti presso il Pta di Trani ed invito le organizzazioni sindacali di categoria, i partiti politici, i movimenti civici ed i singoli cittadini ad una mobilitazione attiva che preveda momenti di incontro con i vertici Asl e la convocazione immediata della cabina di regia del protocollo di intesa al fine di conoscere la verità sulle strutture sanitarie in termini di progetti, di organizzazione, di tempi e di modi di attuazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400