Domenica 18 Novembre 2018 | 20:14

NEWS DALLA SEZIONE

Ius soli
Margherita, la cittadinanza onoraria a 22 stranieri

Margherita, la cittadinanza onoraria a 22 bimbi stranieri

 
Niente aperture festive
Trani, Castello svevo chiuso di domenica: risorse finite

Trani, Castello Svevo chiuso di domenica: risorse finite

 
L'indagine
Casa ceduta per appuntamenti, denunciata coppia a Trani

Casa ceduta per appuntamenti, denunciata coppia a Trani

 
Guardia Costiera in azione
Cibo scaduto e congelato male: sequestri in locali a Bisceglie e Trani

Cibo scaduto e congelato male: sequestri in locali a Bisceglie e Trani

 
A Barletta
Un libro per aiutare Chiara, dopo l'incidente in Erasmus

Un libro per aiutare Chiara, dopo l'incidente in Erasmus

 
La tragedia di Andria
Scontro treni, Ferrotramvia: rispettate norme sicurezza, risarciti già 16 mln

Scontro treni, Ferrotramviaria: rispettate norme sicurezza, risarciti già 16 mln

 
Le indagini
Andria, sequestrato patrimonio per oltre 500mila euro a due coniugi

Andria, sequestrato patrimonio per oltre 500mila euro a due coniugi

 
L'agguato a Margherita di Savoia
Margherita di Savoia, preso a pistolettate un fabbro di 41 anni: è in coma

Barletta, gli sparano e lo abbandonano davanti all'ospedale: è in coma

 
Inchiesta e rifiuti
Trani, questione Amiu: «L'indagine va proseguita su assunzioni e post gestione»

Trani, questione Amiu: «L'indagine va proseguita su assunzioni e post gestione»

 
Sanità e occupazione
Addio lavoro precario per 103 lavoratori dell'Asl Bat

Addio lavoro precario per 103 lavoratori dell'Asl Bat

 
La strage
Scontro treni in Puglia, per i dirigenti del MIT: «Rispettate norme sicurezza»

Scontro treni in Puglia, per i dirigenti del MIT: «Rispettate norme sicurezza»

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

la refezione a scuola

Andria, proroga della mensa scolastica: l’Anac esprime parere favorevole

Concessa la possibilità di ripristinare il servizio in tempi brevi

mensa scolastica

ANDRIA - In concomitanza con la manifestazione di piazza di giovedì 25 ottobre, che ha visto centinaia di genitori, docenti precari, dipendenti di ditte legate al servizio di refezione, genitori di bambini diversamente abili proivati dell’assistenza specialistica scendere in piazza per protestare contro i “dis-servizi” scolastici, è giunto il parere dell’Autorità nazionale anticorruzione, interpellata dall’amministrazione comunale sulla possibilità di ottenere una proroga tecnica eccezionale per il servizio di refezione scolastica nelle scuole dell’infanzia e primaria della città, nelle more dell’espletamento della nuova gara.

Ebbene, l’Anac ha dato parere positivo all’avvio della procedura d’urgenza. In sostanza, è data la possibilità di una procedura negoziata sulla piattaforma Mepa, consentendo così in tempi brevi di poter ripristinare il servizio di mensa nelle scuole della città, la cui privazione tanto disagio sta creando alle famiglie.
«Gli uffici sono al lavoro – spiega il sindaco Nicola Giorgino – per mettere a punto un piano che permetterà ai primi di dicembre di far ripartire la mensa, tenendo conto delle nuove tariffe e sulla base delle domande che l’utenza presenterà. Intanto, la procedura per la gara vera e propria andrà avanti».

Una procedura quindi più veloce e più snella finalizzata all’ottenimento del servizio nell’immediato, considerato però che l’aumento delle rette e dei buoni pasto per l’asilo nido comunale “Gabelli” ha fatto sì che gran parte dell’utenza verso la rinuncia del servizio mensa, secondo quanto emerso dalla riunione di giovedì 25 ottobre tra i genitori dei bambini del nido, l’assessore alla pubblica istruzione Gianluca Grumo e la dirigente del settore Ottavia Matera.

«L’Anac ha dato alcuni chiari riferimenti rispetto a situazioni caratterizzate da estrema urgenza, come il caso di Andria – informa l’assessore Grumo – dove c’è una rilevanza dell’interesse pubblico per addivenire a procedure negoziate così come previste dalla normativa in vigore. A seguito, quindi, del parere inviato dall’Anac gli uffici del Settore Pubblica Istruzione sono stati subito interessati della vicenda affinché, espletati rapidamente tutti gli approfondimenti del caso, possa esserci una procedura negoziata ristretta volta a garantire nell’immediato il servizio di mensa scolastica, nelle more ovviamente dell’espletamento della gara così come già programmato. L’amministrazione – continua – fermo restando le procedure in capo al settore pubblica istruzione, farà il possibile affinché i tempi dell’avvio del servizio di refezione scolastica possano risultare brevissimi così da porre fine ai disagi arrecati alle famiglie con cui non è mai mancato il dialogo ed una azione chiarificatrice nell’interesse di tutti. I cittadini e le famiglie – conclude Grumo – meritano impegno e risposte celeri, chi invece ha solo soffiato sul fuoco di polemiche strumentali non merita risposte né attenzioni». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400