Sabato 28 Marzo 2020 | 16:33

NEWS DALLA SEZIONE

emergenza coronavirus
Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

 
l'iniziativa
Policlinico Bari, un sms per informare i parenti sulle condizioni dei ricoverati per Coronavirus

Policlinico Bari, un sms per informare i parenti sulle condizioni dei ricoverati per Coronavirus

 
il gesto
Ai domiciliari per spaccio, dona 200 mascherine al Pediatrico di Bari con l'assegno di disoccupazione

Ai domiciliari per spaccio, dona 200 mascherine al Pediatrico di Bari con l'assegno di disoccupazione

 
la storia
Genitori ricoverati per Covid-19, fratelli adolescenti restano soli: comune Bari si mobilita

Genitori ricoverati per Covid-19, fratelli adolescenti restano soli: comune Bari si mobilita

 
la storia
Bari, anziano fa la fila dal market per 4 volte: «Stavo prendendo aria, a casa c'è mia moglie»

Bari, anziano si mette in fila al market per 4 volte: «Stavo prendendo aria, a casa c'è mia moglie»

 
emergenza coronavirus
Medici volontari per aiutare la Lombardia: un barese ieri è partito per Piacenza

Medici volontari per aiutare la Lombardia: un barese ieri è partito per Piacenza

 
emergenza coronavirus
Coronavirus, ospedale Molfetta infermiera positiva: chiuso pronto soccorso

Ospedale Molfetta infermiera positiva: riapertura del pronto soccorso

 
Il virus
Coronavirus a Bari, contagi all'Oncologico: chiusi due reparti per sanificazione

Coronavirus a Bari, contagi all'Oncologico: chiusi due reparti per sanificazione

 
Il caso
Bari, donna corriere della droga: licenziata. Jobs Act finisce alla Consulta

Bari, donna corriere della droga: licenziata. Jobs Act finisce alla Consulta

 
In via Sabotino
Bari, carambola a Carrassi: auto si cappotta dopo aver urtato due auto

Bari, carambola a Carrassi: auto si cappotta dopo aver urtato due auto

 
emergenza coronavirus
Policlinico Bari, una «control room» per le indagini sui contatti degli operatori sanitari positivi

Policlinico Bari, 14 dipendenti positivi: una «control room» per le indagini sui contatti dei sanitari

 

Il Biancorosso

le dichiarazioni
Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoemergenza coronavirus
Mittal Taranto, si valuta riduzione numero operai

Mittal Taranto, si valuta riduzione numero operai

 
Foggial'allarme
Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

 
Homeemergenza coronavirus
Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

 
Leccel'emergenza
Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

 
Potenzail bollettino
Coronavirus Basilicata: altri 29 casi nelle ultime 24 ore, 170 positivi totali

Coronavirus Basilicata: altri 29 casi nelle ultime 24 ore, 170 positivi totali

 
Potenzaregione basilicata
Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

 
Batemergenza coronavirus
Bat, attivati i droni per il controllo dall'alto anti-assembramenti

Bat, attivati i droni per il controllo dall'alto anti-assembramenti

 
Brindisia cerano
Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: circa 30 egiziani, tutti con le mascherine

Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: 44 egiziani e iracheni, minorenni, tutti con le mascherine

 

La storia

Da portiere per passione a medico del Miulli: «Sognava di essere Zoff, ora chiude le porte al virus»

Delmonte, il primario di Rianimazione dell'ospedale di Acquaviva «Sto giocando la partita più importante»

Da portiere per passione a medico del Miulli: «Sognava di essere Zoff, ora chiude le porte al virus»

I pazienti del «Miulli» di Acquaviva sono in buone mani. Perché appartengono, quelle mani, alle braccia sterminate del dottor Vito Delmonte, direttore del reparto di Rianimazione e responsabile della area intensiva covid-19. Negli anni Settanta, al tempo della giovinezza, quando la vita era tutta un grande sogno, quelle dita affusolate e sicure, artigliavano palloni di cuoio sui polverosi campi della Quarta serie. Oggi devono carezzare volti di donne e uomini allettati, smarriti, feriti da un morbo invisibile e crudele che ha pur esso forma sferica.

«Non immaginavo di dover disputare a 65 anni la partita più difficile: fronteggiare la pandemia da coronavirus. E davvero tante sono le analogie con l’ambiente calcistico, anche qui bisogna fare gruppo se vogliamo vincere, ma il personale specializzato è insufficiente. Mancano, in certi casi, i titolari e anche le riserve, che per una gara così dura, sono altrettanto importanti. Non abbiamo mascherine e tute a sufficienza e questo ci mette a rischio ogni giorno, non è un caso che medici ed infermieri siano i più contagiati, e dire che dovrebbero essere le persone più preziose da preservare perché quotidianamente in prima linea». E sgrana ancora il rosario dei punti dolenti: «Mancano i ventilatori polmonari, fondamentali, perché coloro che si infettano vanno mantenuti in ventilazione con degenza lunga per 15-20 giorni e trattati con ossigenoterapia e farmaci antivirali».
«Mi auguro - prosegue Delmonte - che si abbia la forza politica e imprenditoriale per convertire alcune aziende alla produzione dei dispositivi che ci servono,visto che non sappiano quando durerà questa emergenza e sarà sempre più pericoloso andare a curare i malati a mani nude».

L’uomo che in camice bianco attraversa pensoso i reparti è stato un giovanotto zazzeruto e lungo una pertica, con la passione del calcio nel cuore. La mattina, chino sui banchi del liceo classico «Virgilio» di Gioia del Colle, il pomeriggio a sudare sul fazzoletto di terra brulla che era il Comunale di Bitonto. Sei anni in maglia neroverde: indimenticabili. Proprio come il rigore parato contro il Nardò nel ‘74-’75: «Allora si viveva questo sport bellissimo in modo ludico, contavano i sentimenti. Tutto era più puro e ci si voleva bene, ci si faceva coinvolgere nelle vicende della propria squadra con animo sincero, e questa purezza etica collettiva dovrebbe essere recuperata e rinforzata ancora oggi, e non solo in ambito sportivo».
Ma che portiere era Vito Delmonte: olimpico o istrionico? «Io mi ispiravo al grande Dino Zoff, preferivo affinare il senso della posizione e non ero molto plateale. Ero razionale ed essenziale, ecco. A 16 anni ero titolare nel quarto campionato nazionale, mi cercavano Cesena, Cagliari e soprattutto il Bari di Luciano Pirazzini, che mi faceva seguire dal suo braccio destro Enrico Catuzzi. Sono stato convocato in tutte le rappresentative finché non ho giocato nell’amichevole fra le Nazionali dilettanti di Italia e Austria».

Insomma, lo aspettava un futuro radioso sui prati dello Stivale. E invece: «Dopo la maturità ho dovuto scegliere. Mi sono iscritto all’Università e sono diventato medico. Credo di aver fatto la scelta giusta», rimarca con fermezza. Ma, in questi giorni cupi di drammatica emergenza, si sente un eroe? «No, nient’affatto. Sto solo seguendo il giuramento di Ippocrate».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie