Mercoledì 22 Maggio 2019 | 19:03

NEWS DALLA SEZIONE

La guardia costiera
Bari, sequestrati oltre 6 quintali di tonno: il pesce dato in beneficenza

Bari, sequestrati oltre 6 quintali di tonno: pesce in beneficenza

 
Il giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 
Il concerto
Bari, la voce di Giorgia fa tremare il PalaFlorio. Sfiorata rissa sul finale

Bari, la voce di Giorgia fa tremare il PalaFlorio. Sfiorata rissa sul finale

 
La storia
Bari, anziano a digiuno per giorni, picchiato e isolato in casa: arrestata badante

Bari, anziano a digiuno per giorni, picchiato e isolato in casa: arrestata badante

 
La decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
Il naufragio
Norman Atlantic: gup Tribunale Bari ammette 100 nuove parti civili

Norman Atlantic: gup Tribunale Bari ammette 61 nuove parti civili

 
La sentenza
di cosola

Bari, 27 condanne clan Di Cosola: 21 anni a fratello boss

 
Sanità
Politecnico Bari, scacco matto a ictus e infarti: ecco l'app per i consulti a distanza

Policlinico Bari, scacco matto a ictus e infarti: ecco l'app per i consulti a distanza

 
L'ecomostro
Bari, sì al salvataggio Sud Fondi: «Punta Perotti verrà venduta»

Bari, sì al salvataggio Sud Fondi: «Punta Perotti verrà venduta»

 
La protesta
«Fascista!»: a Lecce cori e proteste contro il comizio di Salvini

I cori contro Salvini: a Lecce «Fascista!» e a Bari: «Vaff...»

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, 10 milioni di euro per il mercatoDe Laurentiis vuole crescere in fretta

Bari, 10 milioni di euro per il mercato: De Laurentiis vuole crescere in fretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatDopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
BariLa guardia costiera
Bari, sequestrati oltre 6 quintali di tonno: il pesce dato in beneficenza

Bari, sequestrati oltre 6 quintali di tonno: pesce in beneficenza

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
TarantoIl caso
Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mafia, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento a Mattinata

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 

i più letti

L'intervista

È l'Italia il laboratorio del populismo europeo

Alain De Benoist: ormai tra popolo e sinistra c'è un fossato

È l'Italia il laboratorio del populismo europeo

«L’Italia? È il laboratorio del populismo europeo». Alain de Benoist, intellettuale francese classe 1943, fondatore della Nouvelle Droite e delle raffinate riviste Nouvelle École (nelle librerie dal 1968) e Krisis, con il saggio Le Moment populiste - Droite-Gauche c’est fini! (tradotto in italiano da Arianna editrice con il titolo Populismo) ha analizzato a fondo la sorprendente crescita delle forze patriottiche e sovraniste in tutta Europa. Sabato ha tenuto una conferenza a Bari, promossa dal Centro studi Polaris e da Progetto Enclave, sui «nuovi scenari» continentali.


«Il governo Conte è molto interessante - spiega il filosofo - perché è il primo caso in Italia di governo populista. Lega e M5S? Come movimento politico, quello di Luigi Di Maio ha maggiori connotati populisti, mentre tra i leader è il vicepremier del Carroccio, Matteo Salvini ad apparire esteriormente il più populista». A chi cerca di incasellare i movimenti anti-establishment in una ideologia, de Benoist fa rilevare che l’opzione politologica è differente: «Il populismo - argomenta ancora - è soprattutto uno stile, una articolazione della politica e della realtà sociale che trascende il confine classico destra-sinistra». «Queste forze vanno al di là delle fratture che separavano i partiti novecenteschi e approfittano della strada spianata dalle vecchie classi dirigenti. La geometria del panorama politico è ormai modificata. Non c’è più una distinzione orizzontale, ma un confronto verticale tra il popolo ed una élite percepita come casta che va al potere solo per tutelare i propri interessi. Persiste una frattura tra i perdenti e i vincitori della globalizzazione, tra le cittadinanze sedentarie “non connesse” e quelle “connesse”, tra chi vive nelle periferie e una classe dirigente deterritorializzata o persino transnazionale che ha come ideologia il pensiero unico e la legge del profitto».


De Benoist, da decenni distante da ogni proposizione politica del Front National e dal lepenismo (nonostante resti un autore di riferimento dei giovani identitari in tutta Europa, compresi i ragazzi della Lega e di Fratelli d’Italia), si è anche soffermato sulle responsabilità della sinistra europea nel tracollo delle sue maggiori formazioni, con il Partito socialista francese o la Spd tedesca in perenne calo di consensi, al pari del Pd in Italia: «Ormai c’è un vero fossato tra popolo e sinistra: quest’ultima ha defraudato il popolo, che a sua volta la accusa di aver tradito il socialismo». E in questo contesto si manifesta una progressiva crisi delle forme della politica per come le abbiamo immaginate finora, in quanto alla debolezza dei partiti si aggiungono i fattori di instabilità legati a flussi migratori epocali e alla crisi economica: «Interrogarsi sulla crisi dell’Unione Europea è essenziale. Per questo bisogna partire dal sottolineare - aggiunge - che è in crisi l’Ue non l’Europa: quest’ultima è, infatti, una realtà storica e geografica, una civiltà da duemila anni. L’Ue non funziona, è troppo legata alla finanza. L’euro-moneta? Era una buona idea, ma è nata male e ormai sta allargando le inimicizie tra Nord e Sud del continente». Le reazioni a questo trend, come ha recentemente spiegato in un incontro tenuto a Milano presso la Fondazione Feltrinelli, per de Benoist sono passate prima «da una crescita dell’astensionismo» e dopo «dal consolidamento di un voto di protesta».


Sul futuro, il pensatore transalpino ha poche certezze e un visione: «Abbiamo seguito la crisi della Grecia; ora non è possibile dire se l’Italia uscirà o meno dall’Ue. Il sovrastato europeo è però irriformabile. E l’Italia vive difficoltà catastrofiche sul piano economico e bancario. Probabilmente se non si risolveranno questi problemi, la colpa sarà del populismo. È necessario - conclude de Benoist - rifondare l’Europa su altre basi, dando risposte all’impoverimento dei popoli, e soluzioni alternative alla mondializzazione, all’omologazione attraverso le teorie gender e alla delocalizzazione delle aziende. In questo frangente così complesso l’Italia è considerata da tutti come una avanguardia da seguire con interesse e curiosità. Siamo solo all’inizio di un processo in costante evoluzione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400