Venerdì 30 Luglio 2021 | 23:33

NEWS DALLA SEZIONE

il punto
Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

 
Il punto
La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

 
Esperti a confronto
Bari, in città il futuro si chiama «mare»

Bari, in città il futuro si chiama «mare»

 
la riflessione
A che serve davvero il lasciapassare sanitario

A che serve davvero il lasciapassare sanitario

 
la riflessione
Quei cari banditori, altro che fake news

Quei cari banditori, altro che fake news

 
il punto
Se il vaccino diventa una questione politica

Se il vaccino diventa una questione politica

 
L'analisi
Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

 
Il commento
Le notti magiche seduti sul divano di casa

Le notti magiche seduti sul divano di casa

 
La riflessione
Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

 
il punto
Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

 
l'approfondimento
Dobbiamo attrezzarci per una vita da precari

Dobbiamo attrezzarci per una vita da precari

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccel'episodio
Con mal di denti, aggredisce sanitari che non tolgono molare

Con mal di denti, aggredisce sanitari che non tolgono molare

 
Barisangue sulle strade
Incidente mortale sulla statale 96

Incidente mortale sulla statale 96

 
Foggiale indagini
Rapine a Foggia, due fratelli a domiciliari e terzo in cella

Rapine a Foggia, due fratelli a domiciliari e terzo in cella

 
Potenzamobilità
Fal, chiusa dal 2 agosto la linea Potenza Inferiore - Santa Maria

Fal, chiusa dal 2 agosto la linea Potenza Inferiore - Santa Maria

 
PotenzaDati aggiornati
Basilicata, Covid: 37 positivi su 892 tamponi esaminati

Basilicata, Covid: 37 positivi su 892 tamponi esaminati

 
BrindisiVertice in Prefettura
Brindisi, vigneti danneggiati a Cellino San Marco: controlli da intensificare

Brindisi, vigneti danneggiati a Cellino San Marco: controlli da intensificare

 
TarantoAllarme
Taranto, pensionato esce a piedi da villaggio di Ginosa Marina e scompare

Taranto, pensionato esce a piedi da villaggio di Ginosa Marina e scompare - RITROVATO

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 

i più letti

l'Editoriale

Quando non ci sono più candidati per i comuni

Quella che per lunghi anni è stata la stagione più esaltante della cosiddetta Seconda repubblica, ovvero l'elezione diretta dei sindaci, si è trasformata in un destino incerto per i primi cittadini

sindaci

Quella che per lunghi anni è stata la stagione più esaltante della cosiddetta Seconda repubblica, ovvero l'elezione diretta dei sindaci, si è trasformata in un destino incerto per i primi cittadini, schiacciati tra l'ansia classificatoria dei comuni amministrati (qualità della vita, mobilità, gradimento e quant'altro) e il peso dei problemi irrisolti e in gran parte ereditati con la postilla, tutt'altro che gradevole, di diventare la calamita di tutte le responsabilità di carattere penale ogni qual volta c'è una denuncia, un esposto, una segnalazione: da quello che cade su un marciapiedi malmesso all'anonimo che ha trasformato un'area periferica in una discarica o, come è accaduto a Crema in Lombardia, perché un bambino si è pestato le dita in uno degli asili municipali, per non parlare degli atti che, se firmati o meno, si trasformano automaticamente in un avviso di garanzia (che diventa condanna a prescindere) per abuso d'ufficio oppure omissione.

Situazioni ingombranti per chi deve amministrare le comunità e che sono peggiorate da un immaginario collettivo che non riesce più neanche a distinguere i piani. I sindaci, loro malgrado, finiscono nel mirino anche se c'è ad esempio una virulenza di episodi criminali come se l'ordine pubblico fosse qualcosa di municipale e non demandato agli organismi preposti.

Anche se in questo caso non è mancata la complicità di quei sindaci-sceriffo che in passato hanno contribuito a confondere ancora di più le acque pensando di risolvere con le «ronde» problemi più complessi.

La manifestazione degli oltre seicento sindaci ieri a Roma, con in testa il primo cittadino di Bari e presidente dell'Anci, De Caro, ha voluto richiamare proprio la sproporzione tra i compiti e le responsabilità addossate ai sindaci che, in sede penale, rispondono di tutto e di più. È evidente che non siamo di fronte a una persecuzione delle Procure nei loro confronti. I presìdi giudiziari applicano le leggi ed è evidente che non c'è scampo in presenza di un vuoto legislativo che va assolutamente riempito.

Una delle conseguenze di questa paralisi del Legislatore, e che è già palpabile, è la difficoltà a tutti i livelli e per ogni comune indipendentemente dalle gerarchie urbane, ad assicurarsi disponibilità per le candidature, mentre fino a qualche anno fa, la base sociale composta da partiti, movimenti, società civile litigavano mesi e mesi prima per imporre questo o quel nome, tanto da introdurre le primarie anche per la scelta del candidato sindaco come soluzione accettabile di fronte alla marea delle candidature.

I sindaci non chiedono ovviamente «scudi» penali, ci mancherebbe, ma una proporzione equilibrata tra compiti e responsabilità, tenuto conto che la riforma delle autonomie locali di fatto tiene i primi cittadini fuori dalla «gestione», affidata ai dirigenti degli enti locali che, in media, guadagnano quattro volte lo stipendio di un sindaco, non devono sottoporsi all'esame elettorale, hanno uno strapotere discrezionale che meriterebbe maggiore attenzione da parte degli organismi di controllo e non ultimo si autoassegnano i premi di obiettivo (pure nei comuni in pre dissesto, ad esempio), grazie anche alla complicità dei nuclei di valutazione che nei fatti rendicontano senza valutare alcunché.

Poi ci sono le questioni che attengono a certi «diritti» politici come ad esempio quello della candidatura al Parlamento che viene negata, unico caso, solo ai sindaci, costretti a dimettersi sei mesi prima per eventualmente competere nella lotta per uno scranno (sempre di meno dopo la riforma) senza alcun paracadute.

Dalla manifestazione di Roma – e da un sentire tutt'altro che di parte ma che unisce i primi cittadini da nord a sud indipendentemente dalla collocazione politica – emerge inoltre uno spaccato tangibile e lontano da quell'ideale illusorio che accompagna il sindaco: sono uomini e donne che vivono il più bel mestiere del mondo – per dirla alla Decaro – in una moltitudine di persone che si trasforma in una galassia di solitudine.

I sindaci, infatti, si occupano prevalentemente della gestione di una città e della vita dei cittadini, ma mai come accaduto in passato dalla manifestazione romana hanno chiesto a tutti noi di dare uno sguardo anche sulla loro vita, felice nella forma, spesso triste per il contenuto. Ecco perché in assenza di un cambio di rotta del legislatore – con la messa a punto di un testo unico meno bizantino e più aderente alla realtà -, l'elezione diretta del sindaco, apparsa come una grande conquista 28 anni fa, potrebbe trasformarsi in un brutto destino per i comuni (fatte le dovute eccezioni), perché in queste condizioni al ribasso, all'appello per individuare candidati sindaci risponderanno sempre i meno bravi o nella peggiore delle ipotesi, quelli che non hanno nulla da perdere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie