Domenica 01 Agosto 2021 | 22:18

NEWS DALLA SEZIONE

editoria
Da domani la Gazzetta si ferma

Da domani la Gazzetta si ferma

 
il punto
Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

 
Il punto
La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

 
Esperti a confronto
Bari, in città il futuro si chiama «mare»

Bari, in città il futuro si chiama «mare»

 
la riflessione
A che serve davvero il lasciapassare sanitario

A che serve davvero il lasciapassare sanitario

 
la riflessione
Quei cari banditori, altro che fake news

Quei cari banditori, altro che fake news

 
il punto
Se il vaccino diventa una questione politica

Se il vaccino diventa una questione politica

 
L'analisi
Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

 
Il commento
Le notti magiche seduti sul divano di casa

Le notti magiche seduti sul divano di casa

 
La riflessione
Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

 
il punto
Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

 
PotenzaLa curiosità
È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

 
MateraEditoria
Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

 
TarantoEditoria
Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

 
BariIl caso
Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

 
Homeeditoria
Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

 
Foggianel foggiano
I carabinieri salvato il gatto dal fuoco

I carabinieri salvano il gatto dal fuoco

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 

i più letti

il punto

Il ritorno del tricolore per gli azzurri e per tutti noi

Tutti di nuovo aggrappati al Tricolore, in modo uguale ma diverso

Italia fuori dal Mondiale,  31enne strappa il Tricolore del monumento a caduto

Tutti di nuovo aggrappati al Tricolore, in modo uguale ma diverso. Ancora una volta, come 15 mesi fa, quel marzo del 2020 che segnò l'inizio della stagione del terrore inaugurata da un virus tuttora poco incline ad abbandonare il campo per lasciarlo a esclusivo appannaggio degli Azzurri e delle altre nazionali impegnate agli Europei.

Tutti di nuovo aggrappati al Tricolore, in modo uguale ma diverso. Ancora una volta, come 15 mesi fa, quel marzo del 2020 che segnò l'inizio della stagione del terrore inaugurata da un virus tuttora poco incline ad abbandonare il campo per lasciarlo a esclusivo appannaggio degli Azzurri e delle altre nazionali impegnate agli Europei.

Allora le bandiere fecero capolino dai balconi degli italiani, il primo Paese aggredito dalla pandemia. E gli italiani, dall'oggi al domani confinati in casa, dai balconi cantavano l'inno di Mameli, suonavano, ballavano, sventolavano il tricolore per esorcizzare la paura, in un moto unitario, da Bergamo a Palermo, ammirato (?) in precedenza quasi solo in occasione delle competizioni calcistiche. Anche i monumenti di città grandi e piccole si vestivano di luci biancorossoverdi. Stessi colori utilizzati per i tributi a medici e infermieri in lotta contro il Covid.

Si vedevano spesso, in verità, pure i colori dell'arcobaleno, a simboleggiare la speranza di uscire indenni dalla crisi pandemica, accompagnati dal non azzeccatissimo slogan «andrà tutto bene». Ma il Tricolore dominava.

E domina oggi come allora, rispuntato copioso sui balconi, ritornato nella sua funzione ordinaria di farci sentire italiani quando gioca l'Italia. E l'occasione è ghiotta, perché la squadra di Mancini promette bene e tutti vogliono che faccia dimenticare l'ultima figuraccia: la bruciante mancata qualificazione ai Mondiali di Russia del 2018 per mano della Svezia. Allora le bandiere furono riposte tristemente nei cassetti e il momento di rispolverarle per ragioni ludiche è stato atteso per troppi anni.

Basta fare un giro per le strade di Bari come delle altre città per notare che il numero di vessilli italiani si moltiplica giorno dopo giorno. Nelle case, nelle vetrine dei negozi, perfino nei prodotti, dalla pizza ai dolci, il tricolore è tornato di moda. E così è tornato anche il marketing con al centro il patriottico drappo. Anche il commercio come sempre gioca la sua partita. I supermercati offrono bandiere con la formula del tre per due. Coccarde, cappellini, e chi più ne ha più ne metta, purché siano presenti i magici colori che furono in origine della Repubblica cisalpina.

Questa volta, però, sembra esserci qualcosa in più dell'orgoglio nazionale per una vittoria nella partita di pallone. Si avverte il desiderio di dimenticare l'incubo, le migliaia di morti, la paralisi psicologica, sociale, economica di un intero popolo, rimasto in ginocchio quasi un anno e mezzo. C'è voglia di gioire a tutti i costi. E forse costi quel che costi, come testimoniano i via libera ai maxischermi e agli inevitabili assembramenti nel mentre la battaglia contro il Covid non è ancora vinta. Ma tant'è, si ritorna al passato.

Montanelli non aveva mai visto tanti tricolori per le strade come per la finale vinta al Mundial di Spagna '82.

E commentò: «Nella tomba di Caprera, le ossa di Garibaldi fremono di invidia. Per unificare l'Italia gli erano occorsi mille uomini. A Bearzot ne sono bastati undici». Questo è solo un Europeo, ma il record delle bandiere per le strade, nell'Italia che vuole dimenticare il Covid, può essere battuto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie