Giovedì 17 Giugno 2021 | 23:06

NEWS DALLA SEZIONE

La curiosità
Se i candidati alla maturità sbagliano... mascherina

Se i candidati alla maturità sbagliano... mascherina

 
il punto
Il ritorno del tricolore per gli azzurri e per tutti noi

Il ritorno del tricolore per gli azzurri e per tutti noi

 
L'analisi
Guelfi bianchi e guelfi neri quella lezione dimenticata

Guelfi bianchi e guelfi neri quella lezione dimenticata

 
L'analisi
Coprifuoco finito, riecco tutti i mali del sabato sera

Coprifuoco finito, riecco tutti i mali del sabato sera

 
il punto
Il patriottismo «dolce» e l’amara odissea di due pugliesi

Il patriottismo «dolce» e l’amara odissea di due pugliesi

 
L'analisi
Gigi Riva, l’omaggio

Gigi Riva, l’omaggio

 
la riflessione
Se l’Italia chiude il corridoio della Cina verso l’Europa

Se l’Italia chiude il corridoio della Cina verso l’Europa

 
Dopo i fatti di Melfi
Dal linguaggio violento alla violenza politica

Dal linguaggio violento alla violenza politica

 
Taranto in C
La rinascita di una città ha a che fare con lo sport

La rinascita di una città ha a che fare con lo sport

 
L'editoriale
Una riforma della giustizia per ridare fiducia ai cittadini

Una riforma della giustizia per ridare fiducia ai cittadini

 
L'analisi
Quei sindaci «bersagli mobili» da mettere in sicurezza

Quei sindaci «bersagli mobili» da mettere in sicurezza

 

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'emergenza
Carceri: sit-in penitenziari a Bari, «grave carenza agenti»

Carceri: sit-in penitenziari a Bari, «grave carenza agenti»

 
Leccel'allarme
Lecce, allarme incendi per ulivi secchi per la xylella

Lecce, allarme incendi per ulivi secchi per la xylella

 
BrindisiIl fatto
Brindisi, Altri 4 indagati per il 13enne costretto a prelevare forti somme dal bancomat

Brindisi, altri 4 indagati per il 13enne costretto a prelevare forti somme dal bancomat

 
Foggiacovid 19
Foggia, vaccini: è stato il giorno dei ragazzi

Foggia, vaccini: è stato il giorno dei ragazzi

 
Tarantola vicenda giudiziaria
Taranto, Operaio morto al fiume Tara in 8 finiscono sotto inchiesta

Taranto, Operaio morto al fiume Tara in 8 finiscono sotto inchiesta

 

i più letti

L'editoriale

Quale futuro per i ragazzi senza più sogni nel cassetto

È vero, la realtà è amara, ci mancava pure l’emergenza epocale del Covid a complicarci la vita, ma i nostri nonni, reduci dalle devastazioni della guerra e della carestia, ci hanno insegnato che dalle macerie ci si può rialzare

Quale futuro per i ragazzi senza più sogni nel cassetto

La vogliamo smettere di dire ai ragazzi che il futuro sarà più grigio di quello che all’orizzonte scorgevano i loro padri? Invece di ammorbarli con visioni apocalittiche, aiutiamoli a sognare. È vero, la realtà è amara, ci mancava pure l’emergenza epocale del Covid a complicarci la vita, ma i nostri nonni, reduci dalle devastazioni della guerra e della carestia, ci hanno insegnato che dalle macerie ci si può rialzare, animati da entusiasmo, voglia di fare e obiettivi da raggiungere. Il boom degli anni Sessanta è proprio figlio di questo approccio che va declinato ai giorni nostri, condendolo di sogni e non di incubi, paure o rassegnazione. Lo dice anche Papa Francesco: «Affinché i nostri giovani abbiano visioni, siano sognatori, possano affrontare con audacia e coraggio i tempi futuri, è necessario che ascoltino i sogni profetici dei loro padri».

Ecco, i sogni, non espressioni di pessimismo cosmico. I desideri - diceva Orson Welles - sono il carburante del futuro di un presente difficile, ma non modificabile. Parliamo ai nostri figli, ai nostri nipoti, aiutiamoli a capire e a decifrare il tempo in cui viviamo. Non lasciamo che i loro modelli di riferimento siano solo le persone di successo, ma soprattutto uomini e donne a loro vicini e che nella vita e nella professione hanno coltivato desideri autentici. Evitiamo che la televisione e, soprattutto, il web plasmino la loro concezione dell’essere realizzato.

Internet può rivelarsi una «brutta bestia»: fino a dieci anni fa - come rilevò un concorso promosso dall’associazione «Amici dell’Università Cattolica» - i ragazzi sognavano di fare l’avvocato, il medico, l’ingegnere, il calciatore, la ballerina. Un recente sondaggio nei principali istituti scolastici della Basilicata ci dice che oggi il loro cassetto è desolatamente vuoto. Il 75 per cento degli intervistati, su un campione di 1.000 ragazzi, ammette di non avere sogni. Temiamo che, in questa società dalle tendenze omologate, la percentuale sia ribaltabile in ogni latitudine. Dato statistico che sposa la percezione della Gazzetta quando incontra gli studenti per parlare di giornalismo: sarà che il nostro è un mestiere ritenuto inflazionato, sottoposto a una profonda e continua trasformazione che rischia di offuscarne i contorni, sta di fatto che gli aspiranti cronisti tra i banchi di scuola sono come mosche bianche. E pensare che negli anni '70-'80 quello di giornalista era al terzo posto dei desideri professionali dei giovani di allora, dopo medico e ingegnere. I ragazzi oggi preferiscono altri lidi, attingendo dai profili della rete, a cominciare dagli influencer, molti dei quali non hanno alcun talento da esprimere. Se non quello di essere convincenti nelle banalità e nelle vacuità. Pifferai del nulla. Si dirà: come certi politici. Anche questo è vero.

Per carità, ci sono esempi di influencer capaci di «trasmettere» messaggi e di orientare il costume (Ferragni ha costruito un impero economico, chapeau), ma sui social è un pullulare di scimmiottamenti e di personaggi che alimentano il proprio conto in banca attingendo alla lobotomizzazione di chi li guarda. Come quel tale che su Tik Tok deride il forzuto capace di spaccare una mela con le mani, tagliandola con il coltello e terminando l’azione con ghigno e mani all’egiziana. Dicono che sia tra i più seguiti, più di artisti come Lady Gaga o Ariana Grande. È lui un modello su cui immaginare il proprio futuro? Stiamo freschi.
No, non ci arrendiamo. Ai ragazzi insegniamo a sognare davvero, sosteniamoli, aiutiamoli a decifrare il loro vero talento. Loro ci metteranno le ali. Le famiglie sì, ma anche la politica faccia la sua parte: le conseguenze delle decisioni di oggi li toccheranno in prima persona ed è giusto che dicano la loro. Appello lanciato da Papa Francesco ai giovani durante l’evento di Assisi di novembre scorso: «Ragazzi non potete restare fuori dai luoghi in cui si genera, non dico il vostro futuro, ma il vostro presente. O siete coinvolti o la storia vi passerà sopra».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie