Domenica 25 Ottobre 2020 | 23:04

NEWS DALLA SEZIONE

Il commento
I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

I comandamenti: Papa Francesco e quelle parole sulle unioni civili

 
L'editoriale
L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

L’ossessione delle nomine più forte anche delle emergenze

 
Il commento
Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

Se con gli eroi si coprono gli errori della politica

 
Il commento
Nell’urna il morbo Usa e getta

Nell’urna il morbo Usa e getta

 
L'ANALISI
Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

Sveglia Italia contro il virus che sfugge al controllo

 
L'analisi
Incrocio di poteri senza una direzione

Incrocio di poteri senza una direzione

 
L'editoriale
Contributo di solidarietà dai garantiti ai non garantiti

Contributo di solidarietà dai garantiti ai non garantiti

 
La riflessione
Il bello in mascherina di chi getta la maschera

Il bello in mascherina di chi getta la maschera

 
Il commento
Si vince o si perde tutti insieme

Si vince o si perde tutti insieme

 
L'editoriale
La tentazione del premier e il tandem pugliese

La tentazione del premier e il tandem pugliese

 
La riflessione
Se sono a rischio Natale e San Nicola

Se sono a rischio Natale e San Nicola

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, dopo Dpcm la partita con il Catania sarà a porte chiuse

Bari calcio, dopo Dpcm la partita con il Catania sarà a porte chiuse

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, positivo giudice popolare: Corte d'Assise in isolamento fiduciario

Lecce, positivo giudice popolare: Corte d'Assise in isolamento fiduciario

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus, positivo il cantautore tarantino Renzo Rubino

Coronavirus, positivo il cantautore tarantino Renzo Rubino

 
BrindisiL'incidente
Francavilla Fontana, impatto tra auto e moto: muore 24enne sul colpo

Francavilla Fontana, impatto tra auto e moto: muore 24enne sul colpo

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus, 81 nuovi contagi in Basilicata: 58 i ricoverati in ospedale

Coronavirus, 81 nuovi contagi in Basilicata: 58 i ricoverati in ospedale

 
Foggiaemergenza Covid
Foggia, Polizia locale: sanzioni in arrivo per chi segnale falsi assembramenti

Foggia, Polizia locale: sanzioni in arrivo per chi segnala falsi assembramenti

 
Batla scorsa notte
Trani, scontro tra auto, una vola dal parapetto: solo danni

Trani, scontro tra auto, una vola dal parapetto: solo danni

 
MateraControlli dei CC
Calciano, positivo al Covid e in isolamento esce di casa: denunciato 63enne

Calciano, positivo al Covid e in isolamento esce di casa: denunciato 63enne

 

i più letti

Il commento

Il vento del Sud e il fronte del Nord

Oggi il movimento di Matteo Salvini, respinto dall’elettorato meridionale, appare in declino e rischia di regredire alla precedente dimensione territoriale: quella nordista

Regionali 2020, Matteo Salvini torna in Puglia domenica 23: sarà a Foggia, Manfredonia e Trani

Prima, la sconfitta alle ultime regionali in Puglia e in Campania. Poi, l’elezione del nuovo sindaco di Matera, il grillino Domenico Bennardi. E infine, l’uscita dell’eurodeputato pugliese Andrea Caroppo, in seguito alla quale la Lega non è più il primo partito a Strasburgo. Oggi il movimento di Matteo Salvini, respinto dall’elettorato meridionale, appare in declino e rischia di regredire alla precedente dimensione territoriale: quella nordista che aveva abbandonato nel tentativo, per ora fallito, di diventare una forza politica nazionale.

«Chi è causa del suo mal, pianga se stesso», ammonisce un vecchio proverbio. E in effetti - a parte l’ingenerosa polemica di Salvini verso il candidato di centrodestra, Raffaele Fitto, alla presidenza della Regione Puglia - il Carroccio sembra pagare la campagna propagandistica a favore della cosiddetta “autonomia differenziata”.

Campagna propagandistica che vuol dire in pratica più soldi al Nord e meno al Sud. La “secessione dei ricchi”, insomma, come l’ha definita efficacemente l’economista barese Gianfranco Viesti.
Il “vento del Sud” si contrappone, dunque, a quello del Nord o meglio del Centro-Nord che rivendica l’autonomia contro la solidarietà e la coesione nazionale. Gli elettori meridionali, a quanto pare, l’hanno finalmente capito. Nonostante il maquillage che ha tolto alla Lega la denominazione nordista e gli ammiccamenti elettorali del suo leader, il Carroccio resta il capofila di uno schieramento che oltre al Veneto di Zaia e alla Lombardia di Fontana, comprende al momento altre sei regioni di centrodestra o di centrosinistra: l’Emilia Romagna di Bonaccini, il Piemonte, la Liguria, la Toscana, le Marche e l’Umbria.

Ma in realtà l’autonomia differenziata altro non è che un paravento per dissimulare la pretesa di ottenere più fondi dallo Stato, a scapito del Mezzogiorno e dell’unità nazionale. In buona o cattiva sostanza, la verità è che le regioni ricche vogliono diventare sempre più ricche mentre quelle povere rischiano di diventare sempre più povere. E dopo decenni di abbandono e di sopraffazione, il Sud non può tollerarlo né tantomeno può tollerare che adesso il fronte del Nord metta le mani sui finanziamenti europei del Recovery Fund.

Non lo può accettare non solo e non tanto per difendere i propri legittimi interessi, vale a dire per ottenere ciò che gli spetta in termini di investimenti, infrastrutture, occupazione, benessere, qualità della vita. Ma anche per tutelare il superiore interesse nazionale che impone di annullare o ridurre il gap fra le “due Italie”, in funzione della ripresa e dello sviluppo di tutto il Paese. Il pericolo ancora maggiore, però, è che l’autonomia differenziata diventi il cavallo di Troia per disarticolare la Repubblica italiana, a furia di soffiare sul fuoco delle rivalità e degli antagonismi territoriali: le tensioni fra il governo centrale e le Regioni sulla strategia per contrastare l’epidemia di coronavirus costituiscono in questo senso un preoccupante segnale d’allarme.

Torniamo qui all’infausta riforma del Titolo V approvata nel 2001 dal centrosinistra con una manciata di voti, nella rincorsa elettorale alla campagna leghista per il federalismo fiscale ovvero autonomia finanziaria. È proprio questa l’origine della forza centrifuga che minaccia di disgregare il Paese dei “mille campanili”: una ricchezza di storia e di cultura che rischia di degenerare invece in una condizione di debolezza e di fragilità.

Varata sotto il governo di Giuliano Amato e confermata da un referendum popolare durante il secondo governo Berlusconi, quella riforma ha ampliato in misura considerevole le materie su cui le Regioni possono legiferare, aumentandone le competenze e le funzioni. Un decentramento che ha fatto crescere vertiginosamente la spesa pubblica (circa il 36% in più) e anche il contenzioso con lo Stato rimesso alla Corte costituzionale.

Non sbagliava, allora, Matteo Renzi quando sottopose ai cittadini il quesito sulla revisione del Titolo V nel referendum costituzionale del 2016. Al netto dei suoi errori di personalizzazione e di arroganza che connotarono di autoritarismo la consultazione popolare, quella era una riforma della riforma tanto utile quanto necessaria. Fu un errore non aver “spacchettato” il quesito dagli altri quattro e fu un errore non approvare la revisione. Un’occasione persa che chissà se e quando si ripresenterà.

Ora, accantonando le pretese sovraniste e anti-europee di matrice leghista, qual è per l’Italia la stella polare? Cioè, il punto di riferimento più sicuro per la nostra travagliata navigazione nel mare in tempesta dell’era post-Covid? Evidentemente, e a maggior ragione di fronte alla crisi economica e sociale prodotta dalla pandemia, non può che essere l’Europa, l’Unione europea, con tutti i suoi pregi e difetti. Quella stessa Ue da cui dovremmo ricevere i 209 miliardi di euro del Recovery Fund; da cui potremmo ricevere i 37 miliardi del Mes sanitario praticamente a tasso zero e da cui riceveremo i due miliardi già stanziati dalla Banca europea per gli investimenti a favore dell’alta velocità Bari-Napoli (chiamiamola pure così su questo giornale, perché è l’unico che può anche permettersi d’invertire i due poli della linea ferroviaria, senza urtare la suscettibilità della capitale partenopea).

Il Mezzogiorno ha bisogno (e diritto) di essere messo alla pari con il Centro-Nord, per poter competere senza handicap con le altre regioni e con il resto dell’Unione. Questa è la “nuova frontiera” del Vecchio Continente. Piuttosto che intonare le geremiadi del vittimismo, ispirato da un vetero-meridionalismo sterile e controproducente, ripetiamolo ancora una volta come un mantra: non si salva l’Italia senza il Sud e non si salva l’Europa senza l’Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie