Sabato 12 Giugno 2021 | 13:43

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Più del 40% dei fondi: ora il Sud alza la voce in Europa

Più del 40% dei fondi: ora il Sud alza la voce in Europa

 
L'analisi
La giustizia nel nome del popolo indignato

La giustizia nel nome del popolo indignato

 
Il punto
Mettiamoci d’accordo sul significato di ambiente

Mettiamoci d’accordo sul significato di ambiente

 
la riflessione
Una città svenduta agli appetiti di pochi

Una città svenduta agli appetiti di pochi

 
in basilicata
C'era una vola il Parco della Grancia

C'era una vola il Parco della Grancia

 
L'analisi
Matera ci riprova con i ministri del G20

Matera ci riprova con i ministri del G20

 
La riflessione
«Bella ciao» canto popolare non un inno obbligatorio

«Bella ciao» canto popolare non un inno obbligatorio

 
Il punto
Il volto nuovo di Matteo meno lotta e più governo

Il volto nuovo di Matteo meno lotta e più governo

 
Il punto
Si riparla di ufo e adesso anche l'Onu ci crede

Si riparla di ufo e adesso anche l'Onu ci crede

 
L'editoriale
I cinquestelle sulla via di Damasco del moderatismo

I cinquestelle sulla via di Damasco del moderatismo

 
La riflessione
Se il familismo tribale travolge l’idea di Italia

Se il familismo tribale travolge l’idea di Italia

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barigiustizia svenduta
Bari, «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

Bari, avvocato Chiariello: «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

 
Potenzalavori pubblici
Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

 
MateraVaccini
Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60

Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60 Il bollettino odierno

 
TarantoLa tragedia
Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

 
Brindisila campagna
Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

 
LecceLa novità
Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

 

i più letti

L'EDITORIALE

Italia-Germania due modelli così simili così diversi

Due nazioni rivali non solo negli stadi. Il Belpaese vincerebbe sempre 4 a 3 (come nella mitica semifinale di mezzo secolo fa), e a volte prevarrebbe anche con un punteggio più rotondo

Italia-Germania due modelli così simili così diversi

Se l’economia fosse come il gioco del pallone, non ci sarebbe storia tra Italia e Germania, due rivali non solo negli stadi. Il Belpaese vincerebbe sempre 4 a 3 (come nella mitica semifinale di mezzo secolo fa), e a volte prevarrebbe anche con un punteggio più rotondo. Purtroppo l’economia di una nazione non si vede solo dal coraggio, dall’altruismo e dalla fantasia, le doti fondamentali richiste ai bravi calciatori dal cantautore Francesco De Gregori in uno fra i suoi brani più amati. Anche nell’economia, nel sistema delle imprese, l’Italia è ricca di coraggio, altruismo e fantasia. Ma non basta. Lo stato di salute di un’economia si giudica anche o soprattutto dalla volontà di far quadrare i conti da parte dei singoli governi.  

Si giudica cioè dalla predisposizione alla disciplina finanziaria, che poi sarebbe autodisciplina, in contrasto con le tentazioni quotidiane di quell’illusione finanziaria che, come dimostrò lo studioso Amilcare Puviani (1854-1907), costituisce l’autorete automatico cui si condannano gli stati costantemente sedotti dalle spese allegre.

Da domani il Vecchio Continente ritrova la trazione tedesca. Comincia la presidenza semestrale germanica dell’Unione Europea. Sarà Angela Merkel a portare la battuta. Sarà lei a monopolizzare, ancora di più, le prime pagine dei giornali.
Ovviamente crescono le aspettative per l’esordio della Cancelliera, attesa a prove ultra-impegnative: dal Recovery Fund al progetto di sovranità sanitaria, dalla spinta verso il bilancio autonomo (finalmente, si spera, deciso e varato dall’europarlamento) al passo verso una nuova impostazione della fiscalità. Per non dire dell’esplicazione del Mes, i cui quattrini servirebbero all’Italia più del vaccino anti-Covid. Insomma, la Merkel è attesa alla sfida più impegnativa della sua luminosa carriera politica: cercare di erodere sovranità agli stati per trasferirla all’Unione. Ci riuscirà? Non ci riuscirà?

Ma nel prossimo semestre si disputerà, pure, una partita nella partita, stavolta solo tra Italia e Germania, proprio come tra le Nazionali di calcio.

Non è un mistero che la Germania voglia intensificare il pressing per la cessione di sovranità da parte dei singoli governi, mentre l’Italia intende giocare nuovamente all’italiana, ossia in difesa, se necessario ricorrendo al catenaccio, pur di proteggere l’area piccola dei portieri nazionali, che poi sarebbe il club di chi vuole continuare a spendere senza dar conto ai soci, ai compagni di squadra europei, degli effetti di simili condotte.

Non sarà semplice siglare un compromesso politico e, per certi versi, culturale tra Italia e Germania, per la semplice ragione che, pur condividendo in origine, sulla carta, lo stesso tipo di economia, Italia e Germania sono approdati a risultati diversi e talora opposti. Entrambe, Italia e Germania, hanno sposato, da molti decenni, l’idea dell’economia mista che, secondo il suo aedo più celebrato, l’inglese John Maynard Keynes (1883-1946), altro non è che il cocktail tra mercato e programmazione: il mercato pensa ai consumi, la programmazione agli investimenti. Ma se la Germania, anche grazie a una legislazione trasparente e filo-produttiva, è riuscita davvero a costruire un modello di economia mista ispirandosi al principio della sussidiarietà, viceversa l’Italia, anche per colpa di una legislazione opaca e anti-produttiva si è distinta nella realizzazione di un’economia confusa, che sta all’economia mista come un abito mal confezionato sta a un abito sartoriale.

In un’economia confusa non si capisce dove inizia il settore privato e dove termina il settore pubblico. Si sa solo che quest’ultimo tende ad allargarsi a dismisura come faceva l’imponente Bud Spencer (1929-2016) nei cinecombattimenti da saloon.

Il che non è senza conseguenze, perché compromette il calcolo economico, ossia il calcolo di convenienza, che è alla base di ogni progetto economico e imprenditoriale.

Si legge spesso che in Italia abbondano gli scioperi del lavoro, ossia dei dipendenti. Ma si trascura il fatto che in Italia abbondano anche gli scioperi degli investimenti, ossia degli imprenditori. E gli scioperi degli investitori abbondano proprio perché, in un’economia confusa, il calcolo economico somiglia a una puntata al superenalotto. Assai aleatoria. In Germania lo stato è preponderante come in Italia, ma l’economia tedesca è mista davvero, non c’è confusione, non c’è promiscuità tra sfera pubblica e sfera privata. La qual cosa sta a significare che nessun settore mette i bastoni tra le ruote all’altro, né che i doverosi princìpi di solidarietà debbano mettere sabbia nel motore alla macchina che produce ricchezza.

Ecco. Prima di sollecitare o invitare i governi nazionali europei a cedere porzioni considerevoli di sovranità, la Cancelliera, nei prossimi mesi, farebbe bene a spiegare a tutti, e in particolare all’Italia, la differenza tra economia mista ed economia confusa. Non vorremmo che l’Italia dopo aver tentato di italianizzare un’Europa senza sovranità riuscisse a italianizzare un’Europa fornita di sovranità. Sarebbe il colmo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie