Domenica 25 Agosto 2019 | 19:49

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Quella voglia di distribuire (e indebitarsi) prima di creare

Quella voglia di distribuire (e indebitarsi) prima di creare

 
La riflessione
Il Sud ricorre all'Europa: non siamo binario morto

Il Sud ricorre all'Europa: non siamo binario morto

 
L'analisi
Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

Quell’inedita sfida a tre aspettando il Quirinale

 
L'analisi
Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

Quaresime e resurrezioni nel mare d’agosto

 
La riflessione
Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

Da bruco a farfalla così è cambiato Conte

 
L'analisi
La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

La lezione di Machiavelli segna anche la politica pop

 
L'analisi
Le parolacce al posto delle idee

Le parolacce al posto delle idee

 
L'editoriale
L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

L'opposizione come incubo: il potere logora chi non ce l'ha

 
Estate
Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

Se la città di San Nicola fa Ferragosto con i turisti

 
La mostra
C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

C'erano le grandi firme sui tasti di una volta

 
L'editoriale
Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

Quel faro del Quirinale nella crisi più anomala

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'incidente tra Tricase e Depressa
Finisce con lo scooter contro un'auto: muore 28enne nel basso Salento

Si schianta con lo scooter contro un'auto: muore 28enne nel basso Salento

 
FoggiaTragedia nel Foggiano
Cade in mare da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

Cade da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

 
BariL'appuntamento
Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

 
BatL'idea
Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

 
MateraIncidente stradale
Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono gravi

Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono in gravi

 
BrindisiLa furia di un 53enne
Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

 
PotenzaSanità
Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

 
TarantoSanità
Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

 

i più letti

L'opinione

Invecchiarsi con FaceApp: una mania contagiosa

Personaggi comuni e vip si mostrano sui social con 20 anni di più, in barba alla chirurgia plastica

Invecchiarsi con FaceApp: una mania contagiosa

«Le stelle non hanno età… non hanno età…» declama in primo piano Gloria Swanson interpretando l’attrice ormai attempata Norma Desmond, che non si rassegna all’incedere dell’età. È l’inquadratura finale di Viale del tramonto, del 1950, il capolavoro di Billy Wilder.
Adesso, però, il ciclo biologico viene attaccato non solo per via cosmetica, con il botulino e i lifting. Nell’universo a volte meraviglioso, a volte sconcertante della rete, circolano le immagini virtuali di miliardi di utenti. I quali scelgono a piacere di viaggiare in avanti o indietro nel tempo, alterando la propria fisionomia con applicazioni grafico. I volti si riempiono di rughe, i capelli incanutiscono o cadono, gli occhi si appannano per le cateratte. Li si condivide nei social e nelle chat per un gusto fatuo di autoderisione, o peggio ancora per una forma di vanità all’incontrario che sa di stranezza, come ormai gran parte degli atteggiamenti contemporanei. È un sadomasochismo estetico: il piacere di deturparsi dinanzi agli sguardi altrui. O forse una sfida: si vuole dimostrare di riuscire a mantenere la propria avvenenza anche con l’incedere della senilità. La deriva estrema dell’homo ludens codificato e analizzato da Johan Huizinga.

Poi si possono rilevare degli archetipi culturali. Quindi FaceApp diviene Il ritratto di Dorian Gray 4.0, moltiplicato su scala planetaria, anzi globale, per dirla con un termine d’obbligo.
Fu lo stesso Billy Wilder a riprendere il tema dell’eterna giovinezza nel suo penultimo film, Fedora, del 1978, dove la brava e sottovalutata Marthe Keller ha il ruolo della figlia della diva cui è intitolata la pellicola, costretta a una serie di modifiche del suo corpo per reggere il mito di una madre che sembra non invecchiare mai e continua a trionfare sugli schermi di tutto il mondo.
Il regista non fa altro che riprendere una tipologia misterica che attraversa i secoli. Vi aveva attinto anche H. Rider Haggard per il romanzo La donna eterna o Lei, dominato dalla figura numinosa di Ayesha, che tornerà in ben tre libri dello scrittore. O gli abitanti di Shargri-La in Orizzonte perduto, di James Hilton.
Sul registro del grottesco, dell’ironia e della satira hollywoodiana, vi torna Robert Zemeckis con La morte ti fa bella, del 1992. L’autore della trilogia di Ritorno al futuro, affida alla bellissima Isabella Rossellini la parte di una maliarda alchemica che ha scoperto un filtro con cui assicurarsi la permanenza delle proprie doti di madre natura… A patto di non procurare al fisico danni che sarebbero irreparabili!

Per gli uomini, alegga nei millenni la tenebrosa personalità del Conte Saint-Germain, citato anche da Umberto Eco in Il pendolo di Foucault, che fece periodiche apparizioni vantando la propria immortalità.
In L’enzima Matusalemme, un thriller medico di Fred Mustard Stewart, un gruppo di vegliardi ricchi irretiscono giovani cui sarà estratta una sostanza metabolica che dona la longevità, ma accelera il decadimento delle cellule degli inconsapevoli donatori.
Tornando a FaceApp, dietro l’ennesima variante del costume nella società postmoderna, si pongono questioni più prosaiche. Tanto da far muovere il Codacons. Il nuovo fenomeno della rete farebbe capo alla Wireless Lab OOO, un’azienda con sede a San Pietroburgo. Il problema è sapere con certezza se le manipolazioni visive delle foto degli utenti non permettano di raccoglie dati utlizzabili a fini differenti dal mero diletto digitale.

Dalla Wireless Lab OOO, che è una startup fonda da Yaroslav Goncharov, sono venute le precisazioni necessarie: «FaceApp fa la gran parte del lavoro di elaborazione delle foto nel cloud. Noi semplicemente carichiamo la foto selezionata dall’utente per elaborarla. Non trasferiamo nessuna altra immagine del telefono nel cloud. Possiamo memorizzare le foto nel cloud per ragioni di prestazioni e di traffico: vogliamo essere sicuri che l’utente non debba caricare la foto ripetutamente per ogni operazione di elaborazione. La maggior parte delle immagini vengono cancellate dai nostri server 48 ore dopo il caricamento».
Non solo: «Accettiamo la richiesta degli utenti di cancellare i dati dai nostri server. Il nostro team di supporto è attualmente sovraccarico, ma queste richieste hanno la priorità. Per assicurarsi che ciò avvenga in tempi rapidi, consigliamo di inviare una richiesta tramite l’app FaceApp andando in Settings->Support->Report a bug utilizzando la parola Privacy nell’oggetto. Stiamo lavorando per migliorare l’intelligenza artificiale anche in questo contesto».

Oltre venti anni fa lo studioso Paul Wallich scrisse sullo Scientific American: «Forse un giorno Internet diventerà un’autostrada dell’informazione, ma per il momento assomiglia più a una ferrovia del secolo scorso che attraversa regioni infestate dai banditi. I nuovi utenti, che entrano a ondate nel ciberspazio in cerca di informazioni gratuite o di opportunità commerciali, costituiscono un facile bersaglio per gli imbroglioni, che sanno usare la tastiera con la stessa destrezza con cui Billy the Kid maneggiava la sua sei colpi»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie