Mercoledì 26 Giugno 2019 | 18:23

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Giù le mani dall’unità ma serve più luce a Mezzogiorno

Giù le mani dall’unità ma serve più luce a Mezzogiorno

 
L'analisi
Dalle scosse nel governo alle crepe nei due partiti

Dalle scosse nel governo alle crepe nei due partiti

 
L'analisi
La sfida della manovra e il gioco del risiko

La sfida della manovra e il gioco del risiko

 
L'analisi
Il baluardo del Quirinale e la questione giustizia

Il baluardo del Quirinale e la questione giustizia

 
L'analisi
Ma l'eccessivo euro-castigo «sovranizza» il belpaese

Ma l'eccessivo euro-castigo «sovranizza» il belpaese

 
La riflessione
Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

 
L'analisi
Sud avanti in letteratura indietro in economia

Sud avanti in letteratura indietro in economia

 
L'analisi
Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

 
L'analisi
Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

 
La riflessione
Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

 
Il punto
Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Machach, talento francese del Napoliè l'ultima idea intrigante del Bari

Machach, talento francese del Napoli è l'ultima idea intrigante del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVIl rogo
Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva:  interviene il Canadair

Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva: distrutti tre ettari

 
PotenzaL'inchiesta
Potenza, raccolta abusiva di scommesse: sequestro in una ricevitoria

Potenza, raccolta abusiva di scommesse: sequestro in una ricevitoria

 
FoggiaLa lettera agli assassini
Lupara bianca nel Foggiano, mamma vittima: «Pentitevi, dopo di me c'è solo la giustizia»

Lupara bianca nel Foggiano, mamma vittima: «Pentitevi, dopo di me c'è solo la giustizia»

 
TarantoLe aggressioni
Manduria, botte e calci all'anziano per condividere i video sui social: le azioni della baby-gang

Manduria: «È diventato pazzo il triplo», così il branco derideva il disabile

 
LecceL'inchiesta
Scorrano, c’è l’ipotesi scioglimento per il Comune

Mafia, a Scorrano ipotesi scioglimento del Comune
Il sindaco: «Nessun patto elettorale con clan»

 
MateraGiustizia
Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

 
BatIl caso
Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

 

i più letti

Il punto

Se il pianto di una bambina evita un femminicidio

Perché di femminicidio, violenza di genere & affini si parla solo nei giorni comandati

violenza donna, stalking

Non è l’8 marzo, il giorno della famigerata festa. E non è il 25 novembre, l’altrettanto nota Giornata mondiale. Perché di femminicidio, violenza di genere & affini si parla solo nei giorni comandati, una sorta di copione rituale che si consuma in convegni, simposi e tavole rotonde (perché a parole, sono tutti bravi). A Natale invece, al massimo si parla di cenoni e shopping, se ti va bene di amore e speranza. Ma la cronaca ci strappa ai rituali con l’ennesimo capitolo dell’epopea del grande odio degli uomini verso le donne. Nello sperduto Lattarico, poco meno di 4mila anime a 30 chilometri da Cosenza, il marito ha tentato di strangolare la moglie con un filo elettrico. Non è riuscito a ucciderla solo per l’arrivo della figlia di 9 anni, che davanti a una scena di tale potenza, è scoppiata in un pianto disperato. Quei singhiozzi, probabilmente, hanno impedito all’uomo di andare fino in fondo. Destino.

Se la piccola fosse rimasta nella cameretta, magari a giocare alla play station, non si sarebbe accorta di nulla. Sua madre l’avrebbe trovata morta sul pavimento della cucina chissà quando, chissà come, chissà... I carabinieri di Lattarico, ai quali il tentato omicida si è presentato per consegnarsi, hanno trovato la bambina ancora accanto alla madre: provava a tamponare le ferite sul collo.

Storia dolorosissima, l’ennesima, l’ultima in ordine di tempo, l’ulteriore pagina di un sentimento implacabile, quello che certi uomini sentono come un’urgenza primordiale nei confronti di mogli, compagne, madri, figlie, sorelle. Sconosciute. L’istinto di prendere la clava e picchiare forte. A prescindere. Ecco, anche a Natale torniamo a parlare di un argomento sul quale abbiamo versato tanto inchiostro da far sembrare ormai banale o scontata o priva di utilità qualsiasi parola. Ma proprio a Natale la storia diventa più dirompente, nei giorni in cui retoricamente (con la stessa retorica di certi convegni sulla violenza di genere) si celebra la sacra famiglia in ogni sua copia domestica.

«Il marito era il principale sospetto. Il marito è sempre il principale sospetto e di solito quello finale. Ma non questa volta. Siamo passati a un vicino, a un vagabondo. Quando arrivi agli estranei è solo questione di tempo prima di finire agli zingari e diventa un caso irrisolto». Sono le parole del detective Isaksson nel libro cult di Stieg Larsson dedicato, appunto, agli uomini che odiano le donne. E anche se le statistiche confermano che nella stragrande maggioranza dei casi di femminicidio il partner coincide con l’identikit dell’assassino. Ma la cronaca continua a soprenderci perché proprio in queste ore sono state depositate le motivazioni della sentenza di uno dei tanti episodi di sangue: l’omicidio di Bruna Bovino. L’ex amante dell’estetista di Mola di Bari, condannato a 25 anni in primo grado, è stato assolto dai giudici d’appello. L’inchiesta, secondo i magistrati, è stata portata avanti seguendo un «pregiudizio», perché l’ex, incontrato dalla donna poche ore prima di morire, era il colpevole perfetto. Inutile indagare in altre direzioni. Un «pregiudizio». Comico, paradossale come il pregiudizio, da sempre verdetto culturale di colpevolezza per le condotte femminili, sia diventato la prova dell’innocenza maschile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie