Domenica 16 Dicembre 2018 | 12:33

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Le divergenze parallele di un rapporto innaturale

Le divergenze parallele di un rapporto innaturale

 
La riflessione
Matera capitale della cultura la scommessa dell’anno dopo

Matera capitale della cultura la scommessa dell’anno dopo

 
L'analisi
Squillino le trombe sul Sud senza voce

Squillino le trombe sul Sud senza voce

 
La riflessione
L’ Africa partner prezioso per l’Italia e per l’Europa

L’ Africa partner prezioso per l’Italia e per l’Europa

 
L'analisi
Mezzogiorno l’eterna «rivoluzione» mancata

Mezzogiorno l’eterna «rivoluzione» mancata

 
L'analisi
Se l’Europa scende in campo contro l’industria delle bufale

Se l’Europa scende in campo contro l’industria delle bufale

 
La riflessione
Lo studio è un dovere non solo un diritto

Lo studio è un dovere non solo un diritto

 
L'analisi
Il problema non è Renzi ma la politica del nuovo Pd

Il problema non è Renzi ma la politica del nuovo Pd

 
L'analisi
Il dovere di fare presto per salvare la Puglia verde

Il dovere di fare presto per salvare la Puglia verde

 
La riflessione
Genitore 1 e genitore 2: la vera discriminazione

Genitore 1 e genitore 2: la vera discriminazione

 
L'analisi
L’orizzonte nazional popolare del capitano

L’orizzonte nazional popolare del capitano

 

La riflessione

Povero Gesù bambino fatto diventare così povero

Ogni Natale puntuali arrivano le polemiche. Negli anni scorsi erano sul presepio nelle scuole, ritenuto da alcuni insegnanti e dirigenti «politicamente scorretto» nei giorni scorsi invece ci ha pensato un parroco padovano noto per le sue attività a sostegno dei migranti

Povero Gesù bambino fatto diventare così povero

A ogni Natale puntuali arrivano le polemiche. Negli anni scorsi erano sul presepio nelle scuole, ritenuto da alcuni insegnanti e dirigenti «politicamente scorretto». Anche se mai nessun islamico, ortodosso, ebreo o buddhista si è lamentato. Potenza del consumismo, chissà.
Nei giorni scorsi a rinfocolare le polemiche ci ha pensato un parroco padovano, don Luca Favarin, noto per le sue attività a sostegno dei migranti.

Sulla sua pagina Facebook ha sostenuto che «quest’anno non fare il presepio credo sia il più evangelico dei segni. Non farlo per rispetto del Vangelo e dei suoi valori, non farlo per rispetto dei poveri...». L’affermazione dà l’occasione per smontare una fake news secolare e cioè che Gesù Bambino sia nato da una famiglia di disgraziati. Purtroppo, un mito radicato. Basti pensare a «Tu scendi dalle stelle», il canto composto nel 1754 da un sant’Alfonso Maria de Liguori.
A rileggere i passi evangelici e al netto delle imprecisioni di traduzione, si può dire che Gesù Bambino è figlio di quella che oggi chiameremmo piccola borghesia. San Giuseppe era un falegname, piuttosto avanti negli anni, quasi un vecchio per i parametri dell’epoca. Potrebbe aver avuto fra i 40 e i 45 anni. Aveva già lavorato abbastanza (non fino a quota 100, però...) e accumulato qualcosa, visto che era single. Maria, invece, è descritta come una donna da marito, dunque una ragazza di 15-16 anni, perché questa era l’età giusta per le nozze. Possedevano una casa-falegnameria e un asino. Oggi sarebbe come avere la prima casa, una bottega artigianale e un’automobile.
Quando vanno a Betlemme per farsi censire, come aveva imposto il governatore romano, cercano un albergo, ma non trovano posto (se avessero avuto Internet...). Significa che potevano permettersi di pagare un soggiorno e anche prolungato, viste le condizioni di Maria in dolce attesa. Allora - e qui nasce il mito della povertà - si appoggiano con ogni probabilità da qualche parente di Giuseppe.

Le case dell’epoca - qualcuna è ancora visibile - erano molto semplici, fatte di pochi mattoni d’argilla, qualche tavola e tetti in paglia intrecciata. C’era un unico ambiente per tutta la famiglia in cui si viveva di giorno e si dormiva di notte. Molto spesso c’era una piccola stalla annessa, in cui veniva ricoverato il poco bestiame: qualche pecora, capre, galline. Le mucche erano piuttosto rare: mangiavano e - soprattutto - bevevano troppo per una terra segnata dal clima arido.
Quando Maria sente i dolori del parto, tutti si rendono conto che serve un minimo di riservatezza. Ecco allora l’idea di spostare gli ospiti nella stalla, meglio - come dicono i Vangeli - dove c’è la mangiatoia. In quella notte santa Gesù si fa uomo in un posto che per l’epoca era una casa qualunque. È facile che vi fosse accanto l’asinello su cui aveva viaggiato Maria, ma è improbabile che vi fosse una mucca o un bue. Quest’animale è stato in qualche modo aggiunto da San Francesco, che è l’inventore del presepio, e che a sua volta l’ha recepito da una tradizione che forse ha fatto un po’ di confusione fra un brano del profeta Abacuc e un vangelo apocrifo. San Francesco realizza il presepio come una rappresentazione teatrale: per rendere attuale e far capire a gente analfabeta e povera che Gesù aveva scelto di farsi uno di loro. Per questo forza la mano sulla grotta e sulla povertà.

Torniamo a Betlemme in quella notte «in cui il divino si unisce all’umano», come recita l’Exultet pasquale. Se è vero che Maria partorisce di notte, o comunque quando è buio, ci sarà stata una torcia, un fuoco che ha rischiarato la stalla. E quella luce insolita potrebbe aver fatto accorrere i pastori - ben più poveri di Giuseppe - che vegliavano gli animali all’aperto.
C’è un altro elemento da considerare. Maria e Giuseppe si trattengono in quel posto per diversi giorni, almeno fino all’arrivo dei magi. Se si fossero trovati a disagio, se si fosse trattato di un antro buio e freddo come sostiene la vulgata pauperista, allora avrebbero cercato un altro posto. Invece si fermano lì, accolgono come in casa, perché di casa si tratta, gli altolocati personaggi che vanno a rendere omaggio al loro Bambino. Questo è ciò che si evince dai Vangeli, la tradizione o la traduzione hanno aggiunto molto fino a creare il mito che a Gesù «mancaron panni e fuoco».
Facciamo il presepio, facciamolo come ci piace, come più può avvicinare al mistero di Dio, ma smettiamola con gli stereotipi lamentosi che non hanno fondamento storico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400