Giovedì 27 Giugno 2019 | 12:03

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Giù le mani dall’unità ma serve più luce a Mezzogiorno

Giù le mani dall’unità ma serve più luce a Mezzogiorno

 
L'analisi
Dalle scosse nel governo alle crepe nei due partiti

Dalle scosse nel governo alle crepe nei due partiti

 
L'analisi
La sfida della manovra e il gioco del risiko

La sfida della manovra e il gioco del risiko

 
L'analisi
Il baluardo del Quirinale e la questione giustizia

Il baluardo del Quirinale e la questione giustizia

 
L'analisi
Ma l'eccessivo euro-castigo «sovranizza» il belpaese

Ma l'eccessivo euro-castigo «sovranizza» il belpaese

 
La riflessione
Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

 
L'analisi
Sud avanti in letteratura indietro in economia

Sud avanti in letteratura indietro in economia

 
L'analisi
Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

 
L'analisi
Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

 
La riflessione
Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

 
Il punto
Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Machach, talento francese del Napoliè l'ultima idea intrigante del Bari

Machach, talento francese del Napoli è l'ultima idea intrigante del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIl caso
Bari, indagine su Emiliano e Stefanazzi: la finanza torna in Regione

Bari, indagine su Emiliano e Stefanazzi, la Finanza torna in Regione

 
FoggiaLaurea magistrale
Foggia, arriva la laurea in Scienze Giuridiche della Sicurezza: prima in Italia

Foggia, arriva laurea in Scienze Giuridiche della Sicurezza: è la prima in Italia

 
TarantoIl caso
Taranto, aggredisce poliziotti in stazione: arrestato 22enne

Taranto, aggredisce poliziotti in stazione: arrestato 22enne

 
PotenzaIl processo
Potenza, quando la stalker è la cugina gelosa: fiumi di offese e telefonate

Potenza, quando la stalker è la cugina gelosa: fiumi di offese e telefonate

 
MateraSanità
Matera, chiude il reparto di Psichiatria: il sit in tra i Sassi

Matera, chiude il reparto di Psichiatria: il sit in tra i Sassi

 
LecceIl provvedimento
Lecce, 8 autisti con i «super poteri»: multeranno chi intralcia la circolazione

Lecce, 8 autisti con i «super poteri»: multeranno chi intralcia la circolazione

 
Batomicidio griner
Sparatoria ad Andria, trovata bruciata l’auto dei sicari

Sparatoria ad Andria, trovata bruciata l’auto dei sicari

 
GdM.TVIl rogo
Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva:  interviene il Canadair

Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva: distrutti tre ettari

 

i più letti

L'analisi

«Contrattare» con l'Ungheria

Il groviglio della risoluzione del Parlamento euorpeo del 12 settembre sul caso Ungheria pone alcuni interrogativi. Che si tratti di un groviglio si appalesa dalla circostanza che le parti in contesa adducono lo stesso argomento di fondo: lo stato di diritto.

Viktor Orban

Facebook: Viktor Orban

Il groviglio della risoluzione del Parlamento euorpeo del 12 settembre sul caso Ungheria pone alcuni interrogativi. Che si tratti di un groviglio si appalesa dalla circostanza che le parti in contesa adducono lo stesso argomento di fondo: lo stato di diritto. Le violazioni contestate all'Ungheria sono i valori dell'art. 2 del Trattato dell'UE. In esso si evoca la dignità umana, al libertà, la democrazia, l'uguaglianza, lo Stato di diritto e il rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle persone appartenenti alle minoranze. La summa di questi valori è indicata nello Stato di diritto quale baluardo delle democrazie liberali. Anche i sostenitori della linea Visegràd assumono che la politica Ungherese è assolutamente rispettosa dello stato di diritto. Tutto s'è svolto secondo la legge, dalle elezioni alle riforma costituzionale, con di più a favore di Orban che la situazione economica dell'Ungheria va a gonfie vele. Dunque, la pretesa “ingerenza” del Parlamento europeo è lesiva della sovranità nazionale e dello stesso Stato di diritto. Ecco il groviglio nel quale s’è cacciata l'Unione Europea in un momento molto delicato della sua esistenza istituzionale. Il punto critico delle due impostazioni è che lo Stato di diritto non è un valore in sé ma un valore-mezzo. Esso, avulso dagli altri valori elencati nell'art. 2 del Trattato, significherebbe tutto e il suo contrario. Gli Stati autoritari hanno sempre conquistato e governato il potere a mezzo della legge e del diritto, ci sono state sempre elezioni regolamentate, con sistemi elettorali più o meno premianti, forme di governo più o meno bilanciate, Assemblee elettive più o meno rappresentative. Più lo Stato è autoritario più le forme sono ineccepibili, quindi, lo Stato di diritto è preservato. Ma il punto critico è proprio il valore dello Stato di diritto come mezzo e non come fine. Considerarlo fine significa incorrere in un grave equivoco. È il groviglio in cui versa il dibattito parlamentare che si spera venga sciolto dal Consiglio europeo. Occorre un'opera di grande saggezza istituzionale per non acuire le già pericolose fratture europee. È necessario invocare il principio di leale cooperazione tra gli Stati e l'Unione per assicurare l'esecuzione degli obblighi derivanti dai Trattati. Tra questi vi sono quelli dell'art. 34 comma 3 della Carta dei diritti fondamentali dell'UE ove si lotta contro la povertà di tutti coloro (non solo dei cittadini) che non dispongono di risorse sufficienti, e l'art. 76 del Trattato sul funzionamento dell'UE che richiede una politica comune dell'immigrazione volta anche a prevenire e contrastare l'immigrazione illegale e la tratta degli esseri umani. Non è un caso che il punto di saturazione del sistema s'è manifestato proprio nelle migrazioni, quale banco di prova della tutela dei popoli sovrani. In esso è confluito un vistoso deficit regolativo dell'Unione Europea che ha alimentato la condotta autoprotettiva di alcuni Paesi più di altri. Il basso tasso di governo del fenomeno ha generato reazioni non rispettose della dignità umana, ma le reazioni autoprotettive di alcuni Stati sono andate ben al di là della vicenda migratoria. Esse hanno messo in discussione il “contenuto essenziale” dei diritti e delle libertà della Carta dei diritti fondamentali dell'UE (art. 52), cioé a dire quel contenuto senza il quale le dichiarazioni dei diritti restano prive di effettività. Tale contenuto essenziale non è il contenuto <minimo>, ma quel livello di effettività che rispetta il bagaglio culturale della civiltà europea espresso nelle tradizioni costituzionali comuni. Il Consiglio europeo dovrebbe cogliere la proposta del Parlamento per “contrattare” con l'Ungheria la soglia di rispetto del “contenuto essenziale” dei diritti e delle libertà fondamentali valevole nell'Unione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie